Cosa sono i tricicli per bambini?

Molte persone quando pensano al primo mezzo di trasporto che hanno avuto, tornano indietro con la mente alla loro prima bicicletta o al primo motorino, quasi nessuno menziona il primo triciclo, anche se molto probabilmente è proprio il triciclo, il protagonista dei primi avventurosi viaggi di ogni bambino. Come suggerisce il nome, il triciclo non è altro che una bici a tre ruote, due posteriori e una anteriore, che proprio per questo non dà alcun problema di stabilità ai bambini molto piccoli. A differenza dei modelli di qualche generazione fa, i tricicli in vendita oggi sono molto accessoriati, e crescono seguendo l’età del bambino, assumendo diverse configurazioni. Presentano infatti barre laterali e cinture, per quando i piccoli centauri sono ancora poco avvezzi a stare seduti autonomamente, un maniglione che aiuta i genitori a condurre il piccolo mezzo di trasporto, e contenitori vari. I vari elementi di protezione potranno via via essere rimossi per rendere il triciclo più maneggevole, e il bambino sarà più autonomo con il passare del tempo. I tricicli per bambini sono prodotti da quasi tutte le aziende che si occupano di giochi per la prima infanzia, quindi tra tutti i modelli in vendita c’è grande varietà e l’imbarazzo della scelta.

Informazioni generali sui tricicli

Mentre la storia della bicicletta è molto ricca e dettagliata, è difficile trovare altrettante informazioni sui tricicli. Ma sappiamo che le piccole biciclette a tre ruote affondano le radici nel nostro passato. Guardando vecchie foto di tricicli, risalenti al secolo scorso e a quello precedente, troviamo modelli con telaio in legno, e prima ancora modelli particolari, dedicati alle famiglie abbienti, con un cavalluccio di legno al posto del telaio e tre grandi ruote in metallo: una sorta di evoluzione del classico cavallo a dondolo. I modelli in legno del passato, furono presto sostituiti dai modelli in metallo, che presentavano una struttura con un telaio ad arco, collegato nella parte posteriore a un asse orizzontale che reggeva due ruote piccole, e sul davanti a una forcella con manubrio e la ruota anteriore più grande.

Alcuni modelli nella struttura erano molto snelli, assomigliavano semplicemente a delle biciclette con tre ruote, altri variavano presentando elementi particolari, come un sedile più accogliente a forma di poltroncina, oppure una specie di secondo sedile posteriore per trasportare il fratellino minore o qualche pupazzo.

Oggi la maggior parte dei tricicli sono in plastica e metallo, ma alcune aziende con particolare attenzione ai materiali hanno scelto di riproporre il classico triciclo per bambini realizzato in legno. Per la maggior parte dei produttori il materiale preferito è sempre la plastica, che consente di creare prodotti leggeri, coloratissimi e versatili. In genere per le parti che richiedono particolare resistenza sono realizzate in metallo, come il telaio, la forcella, i pedali, mentre tutti gli accessori sono realizzati in plastica colorata e resistente. Molti modelli hanno un design a tema che si basa su personaggi dei cartoni animati, in questo caso le varie parti sono abbellite da adesivi e decorazioni che attirano molto l’attenzione dei più piccoli, anche se da un punto di vista funzionale sono irrilevanti.

Come funzionano i tricicli

La caratteristica principale del triciclo per bambini è il fatto che abbia tre ruote. Se ne ha due infatti siamo di fronte a una bicicletta, se ne ha quattro è una macchinina o un altro mezzo di trasporto. I tricicli, oltre che per i materiali si possono distinguere per il modo in cui si muovono, ossia la loro trazione. Distinguiamo quindi tre tipologie:

  • Triciclo a trazione anteriore diretta: i pedali sono collegati direttamente alla ruota anteriore, che in genere è più grande di quelle posteriori. Facendo pressione con i piedi, il bambino provoca la rotazione della ruota e quindi permette al triciclo di muoversi.
  • Triciclo a trazione posteriore: questo modello meno comune, ha una struttura più simile a quella di una normale bicicletta, dato che i pedali sono collegati a una catena che trasmette il movimento, generato sempre dalla pressione dei piedi, alle ruote posteriori.
  • Triciclo senza pedali: in questo caso il bambino seduto sul triciclo, farà muovere il suo mezzo di trasporto poggiando i piedi a terra e facendo presa sul pavimento.

Caratteristiche del design dei tricicli

Come abbiamo già sottolineato, al pari di tanti altri oggetti dedicati ai bambini, negli ultimi decenni il triciclo ha subito una grande evoluzione a partire dai materiali, che ha avuto un impatto enorme anche dal punto di vista estetico. Molte case produttrici si dedicano ancora oggi alla creazione di un tipo di triciclo da bambini molto semplice e lineare, senza orpelli, realizzato in legno, con colori naturali e pochi accessori. Accanto a questa tipologia di prodotti, vi sono però tantissime proposte di triciclo bimbo realizzate in plastica che rappresentano un tripudio di forme, colori e design accattivante.

Per i bambini molto piccoli, il triciclo non viene vissuto come un mezzo di trasporto, ma come un gioco e infatti molti modelli oltre ad avere la classica seduta e le ruote, sono dotati di elementi come luci, piccoli giochini sonori, magari posti sul manubrio, che possono divertire il bimbo anche quando sta fermo. Il design dei modelli in vendita vede il prevalere di forme tondeggianti, colori sgargianti, decorazioni ispirate ai vari personaggi dei cartoni animati più amati dai più piccoli. Vi sono modelli pensati appositamente per le femminucce, altri dedicati ai maschietti, altri ancora pensati per lui e per lei.

Nei tricicli più accessoriati sono presenti elementi come una piccola copertura, un parasole che protegge il bambino nelle giornate più calde, e molti invece sono dotati di un maniglione, rimovibile che consente ai genitori di portare a spasso il bimbo per strada, aiutandolo quando il percorso è faticoso, ma soprattutto guidandolo, ed evitando pericoli. Questi modelli possono rappresentare una bella alternativa al passeggino, che farà divertire i più piccoli, senza far stancare mamma e papà. Tra i tricicli con maniglione vi sono quelli che sono pensati appositamente per essere portati in giro dai genitori, e infatti non a caso vengono denominati “triciclo passeggino”.

Come scegliere un triciclo adatto alle tue esigenze

Molto spesso si riceve un triciclo in regalo, al momento del battesimo o del primo compleanno, ma se dobbiamo acquistare il triciclo per il nostro bambino, allora sarà bene sceglierne uno adatto alle proprie esigenze e a quelle del proprio piccolo. La scelta del primo triciclo a volte può risultare difficile, soprattutto se diamo un’occhiata all’ampia varietà di offerta, e dei modelli disponibili. Tra gli elementi da considerare, prima di acquistare un triciclo, vi è sicuramente l’età del bambino. Se si tratta infatti di un bimbo molto piccolo, sarà bene acquistare uno di quei tricicli 3 in 1 o 4 in 1, che sono progettati per accogliere i bambini a partire dai nove mesi di età, e li seguono per due o tre anni lungo, le fasi della loro crescita.

Si tratta in genere di prodotti molto colorati e accessoriati, che con il passare del tempo si trasformano diventando sempre più snelli e adatti ad essere utilizzati dal bambino che cresce e che vuole giocare in autonomia. Nella loro versione completa, sono dotati di vari accessori che consentono di usarlo come trasportino, una sorta di alternativa al classico passeggino. Hanno una seduta comoda e avvolgente, dotata di barre laterali che contengono il bambino anche molto piccolo, cinture di sicurezza, e di pedane su cui il piccolo poggia i piedi.

I genitori potranno trasportare questo piccolo mezzo di trasporto grazie a un apposito maniglione, che in genere ha un’altezza regolabile, e che consente di spingere il triciclo senza doversi chinare. In questo caso il bambino non farà altro che starsene seduto, guardandosi attorno, mentre la mamma o il papà lo portano in giro.

Man mano che il bambino cresce, potranno essere rimossi i vari elementi: all’inizio, sarà eliminata la pedana per appoggiare i piedini, il che darà modo al bambino di cominciare a pedalare, sarà poi la volta delle barre laterali di protezione, il bambino a quel punto sarà in grado di reggersi da solo al manubrio, e di decidere in che direzione andare. L’ultimo elemento da rimuovere sarà il maniglione: quando il bambino raggiungerà un’età adeguata, utilizzerà il triciclo come se fosse semplicemente la sua prima bicicletta, per muoversi in giro autonomamente.

In caso il vostro bambino sia già abbastanza grande, magari cammina da solo da un bel po’, sarà inutile acquistare un modello di questo tipo. La scelta dovrà invece orientarsi su un classico triciclo, privo di tutti gli elementi che abbiamo descritto in precedenza. Il suo triciclo sarà a tutti gli effetti il primo mezzo di trasporto che gli consentirà di muoversi in autonomia, in attesa della prima bicicletta. Scegliere un modello di questo tipo, sarà la cosa migliore per un bambino già autonomo, che potrà comunque utilizzare il triciclo, per un bel po’ di tempo dato che in genere la sella e il manubrio sono regolabili. Sarà bene controllare il peso massimo che il triciclo può reggere e la qualità di telaio e ruote. Se pensiamo di utilizzare il triciclo molto spesso all’aperto, magari per portare il bambino al parco, sarà bene prestare molta attenzione ai materiali in cui sono realizzate le ruote, non sempre infatti le ruote che si comportano bene sui pavimenti lisci di casa propria, sono adatte ad affrontare il manto stradale.

Molti tricicli, sono progettati soprattutto come giocattoli, sono ricchi di luci suoni tasti da premere che fanno divertire il bambino, si tratta di prodotti con cui il piccolo si divertirà soprattutto in casa, ma se vogliamo utilizzare il nostro triciclo anche come trasportino, sarà bene valutare la solidità della struttura, la comodità del maniglione, per far sì che anche chi dovrà trasportare il bambino possa trovarsi di fronte un prodotto comodo e facilmente utilizzabile.

Riassumendo, la scelta del triciclo dovrà essere orientata per prima cosa dall’età del bambino, e poi dalle esigenze dei genitori. Sarà inutile acquistare un prodotto 4-1 se il bimbo cammina già da solo, mentre un triciclo per bimbi già autonomi resterà in ripostiglio a prendere polvere se il vostro pargolo ha ancora pochi mesi.

Manutenzione di un triciclo

Come abbiamo specificato, nel mondo del triciclo, vi sono tanti oggetti molto diversi tra loro, ma un’adeguata manutenzione farà sì che tutti i modelli, qualunque sia il materiale in cui sono realizzati, durino a lungo. I prodotti che seguono la crescita del bambino, saranno utilizzati dai nostri pargoli per almeno 3-4 anni, quindi prendersene cura consentirà di avere un oggetto sempre bello e funzionale. Sia che il triciclo sia fatto in legno, in metallo o in plastica, sarà bene conservarlo, dopo l’utilizzo, in casa, evitando di lasciarlo fuori all’aperto, o in giardino e tantomeno in terrazza. Gli elementi atmosferici, come il sole e il freddo, le variazioni di temperatura, la pioggia, con il tempo sottopongono i vari materiali a uno stress che sarebbe meglio evitare. La plastica in particolare subisce l’attacco degli agenti atmosferici, diventando con il passare del tempo opaca, indurendosi, perdendo elasticità, e corrodendosi. Anche gli oggetti in metallo, non amano le intemperie, e i colori all’inizio brillanti potrebbero rischiare di opacizzarsi.

Tenere in casa il proprio triciclo, consentirà di mantenerlo nuovo per molto tempo, magari farlo utilizzare anche dai fratellini e dalle sorelline che verranno. Se si ha l’abitudine di utilizzare il triciclo all’aperto, una volta tornati in casa, sarà una buona abitudine pulire le ruote da eventuali residui di fango, pietre e sporco. Qualunque sia il materiale con cui è fatto il triciclo, sarà bene spolverarlo periodicamente con l’utilizzo di un panno umido e detergente delicato, per evitare che si creino incrostazioni. La maggior parte dei tricicli vengono forniti smontati e quindi vanno montati prima di poter essere utilizzati, dunque dare una revisione periodica alle varie viti e ai bulloni e a tutte le parti che lo compongono, consentirà di avere un prodotto sempre sicuro per il vostro bambino.

Se il triciclo che abbiamo scelto presenta parti in metallo, sarà bene avere a disposizione un lubrificante da bicicletta da utilizzare su pedali, e sulla catena, ove presente, periodicamente.

Per finire se il triciclo ha parti regolabili, come l’altezza del manubrio, l’altezza e l’inclinazione del sellino, andranno verificate di tanto in tanto per far sì che si adattino alla crescita del bambino.

Caratteristiche principali dei tricicli

Oggi sul mercato è possibile trovare il triciclo a prezzi molto diversi, questi variano in base al marchio, ai materiali e agli accessori di cui i vari prodotti sono dotati. Qualunque sia il budget a disposizione e il prezzo del triciclo che abbiamo in mente di comprare, è un dato di fatto che il triciclo debba avere alcune caratteristiche principali.

  • Tre ruote: esistono in vendita tanti oggetti e piccoli mezzi di trasporto per il bambino, ma senz’altro la caratteristica principale del triciclo è che sia dotato di tre ruote. Da valutare attentamente al momento dell’acquisto e in base all’utilizzo che si vuole fare del riciclo, il materiale in cui sono fatte le ruote. Esistono infatti modelli con ruote in plastica dura, più adatte a essere usate in casa e altre, con ruote in gomma e struttura in metallo.
  • La seduta: in base all’età del bambino, l’importanza della seduta è un elemento molto rilevante. Per bimbi molto piccoli la seduta deve essere avvolgente, comoda, magari imbottita e dovrà essere provvista di schienale e cinture di sicurezza. Se la seduta è regolabile, il triciclo sarà in grado di accompagnare il bambino fino ai 3 anni e oltre.
  • Il manubrio: nei tricicli per bimbi un po’ più grandi, il manubrio è molto simile a quello di una normale bicicletta: Sarà importante che abbia un paio di maniglie morbide ed ergonomiche che lo renderanno comodo da pilotare. In questi casi è importante anche che sia regolabile in altezza. Nei modelli dedicati ai bimbi più piccoli il manubrio è una parte dedicata spesso al gioco, può presentare un aspetto colorato, magari con il volto di un cartone animato, può avere inoltre pulsanti colorati che emettono luci e suoni.
  • La struttura: come abbiamo visto esistono tricicli realizzati completamente in legno altri in plastica, altri in metallo e alcuni che sono un mix di plastica e metallo. La cosa fondamentale è che la struttura portante, ossia il telaio, sia solido e adatto a portare i bambini fino a 3-4 anni.
  • Il maniglione: se pensiamo di utilizzare il triciclo come un’alternativa al passeggino, allora l’elemento maniglione andrà valutato con attenzione. Vi sono alcuni modelli in cui il maniglione è una sorta di optional, che viene utilizzato dei genitori semplicemente per frenare il bambino, o orientarlo quando si cammina in strada. Nei modelli di triciclo passeggino invece il maniglione è un elemento fondamentale, molto solido, regolabile, spesso ergonomico, che consente di utilizzare questo oggetto come un vero passeggino.
  • Accessori: i tricicli più semplici sono semplicemente provvisti della sella, del manubrio e dei pedali, i tre elementi fondamentali, che consentono di assolvere alla sua funzione principale, ossia quella di essere il primo mezzo di trasporto del bambino.

Vi sono però in vendita tricicli molto accessoriati, e se si pensa di utilizzare il triciclo per lunghi periodi, questi accessori potranno rivelarsi fondamentali. Molti tricicli hanno una piccola vaschetta contenitrice, in cui il bambino potrà inserire i propri giocattoli, altri sono dotati di una sorta di pensilina parasole, che protegge il bambino, ed è utilissima se si pensa di utilizzare il triciclo all’aperto. Alcuni modelli sono dotati di comode borse per i genitori, che così avranno le mani libere

Cose da sapere sui tricicli

Abbiamo visto come esistano tricicli adatti a bambini di diverse età, abbiamo citato il fattore della comodità, nei prodotti pensati per funzionare come dei trasportini, abbiamo menzionato anche l’importanza del gioco collegato a questo oggetto.

Quello che non abbiamo detto, è che il triciclo, può essere fondamentale e per far abituare il bambino a praticare attività fisica. Potrà sembrare un fattore di poco conto, ma attraverso l’utilizzo della triciclo il bambino si abitua al movimento, imparerà a utilizzare gambe e braccia per muoversi autonomamente, e sarà sicuramente una bambino propenso a scorrazzare in bicicletta quando la sua età lo permetterà. Imparerà inoltre a orientarsi nello spazio, muovendo il manubrio con le proprie manine, migliorerà la percezione delle proprie azioni, dei rapporti tra di causa effetto tra ciò che fa e ciò che accade, imparerà a coordinare il movimento degli arti, e svilupperà il proprio equilibrio.

Cose interessanti sui tricicli

Spesso pensando al triciclo, lo si paragona a una piccola bicicletta, dotata però di tre ruote anziché di due, ma la differenza non sta solo in questo. Una cosa molto interessante che caratterizza i tricicli, è che nessun modello è dotato di freni. La mancanza dei freni è sempre stata una caratteristica di questi oggetti, dato che comunque nella maggior parte dei modelli, il triciclo è sempre stato a trazione diretta, per cui il bimbo pedalando in avanti va in avanti, e pedalando all’indietro in qualche modo lo può frenare e può muoversi nel verso opposto.

Si tratta di oggetti utilizzati da bimbi che in genere si muovono in casa o comunque su terreni pianeggianti, e quindi i freni non sono necessari. Soprattutto nei modelli dotati di maniglione, è il genitore a occuparsi di frenare il mezzo, nel momento in cui si trovi in una strada in discesa. Comunque sia, quando il bambino utilizza il triciclo da solo tenderà a frenare con i piedi, operazione che per i piccoli risulta molto intuitiva e più semplice dell’utilizzo di freni veri e propri. Se la mancanza di freni può essere vista con una certa preoccupazione, fughiamo subito ogni dubbio: le velocità che il bambino riesce a raggiungere con il suo piccolo mezzo di locomozione non saranno mai tali da impedirgli di frenare con le sue scarpine. Sarà compito dei genitori assicurarsi che i piccoli non affrontino discese ripide e pericolose.

Vantaggi e svantaggi dei tricicli

A dispetto dell’idea che spesso si ha dei tricicli, questi oggetti sono molto importanti per la crescita del bambino. Lungi dall’essere solo un giocattolo, il triciclo infatti rappresenta un momento importante di passaggio per i bambini, dato che è il primo oggetto che gli dà la percezione della propria indipendenza e autonomia. Con il triciclo il bambino comincia a giocare e muoversi da solo, si orienta nello spazio, mette alla prova le sue capacità di spostarsi senza l’aiuto dei genitori.

I vantaggi del triciclo sono molti e proviamo a riassumerli in vari punti:

  • Lunga durata: adatti a bambini da meno di un anno fino ai tre-quattro anni.
  • Comodi: in genere i tricicli sono leggeri e di piccole dimensione, smontabili e possono essere facilmente messi nel bagagliaio.
  • Sicuri: le protezioni, le cinture di sicurezza, le tre ruote garantiscono la sicurezza dei bimbi di ogni età
  • Economici: sebbene un triciclo abbia prezzi variabili, la varietà di modelli e tipologie, permette di trovare prodotti di buona qualità per tutte le tasche.
  • Divertenti: i bimbi di ogni età troveranno il triciclo un oggetto molto divertente, con il tempo diventerà un compagno di giochi inseparabile, sarà visto alternativamente come il proprio cavallo personale, una moto immaginaria, uno strumento per dominare il proprio piccolo mondo di giochi.
  • Utili: nella versione con maniglione saranno un valido alleato per le mamme e i papà che potranno comodamente portare in giro il proprio bimbo, senza fatica e facendoli divertire. Nella versione solo triciclo, saranno un modo salutare per intrattenere i più piccoli anche in casa.

A fronte di tanti vantaggi, è difficile trovare degli elementi di svantaggio per il triciclo, ma eccone alcuni.

Svantaggi del triciclo:

  • Età: può essere usato fino a un massimo di 4 anni, non è adatto a bambini più grandi.
  • Performance: la maggior parte dei modelli con trazione diretta anteriore possono risultare molto faticosi per i bambini, soprattutto su piccole salite e strade con fondo irregolare. Inoltre spesso le ruote sono non adatte alla strada.
  • Abitudine alle tre ruote: se è vero che il bimbo piccolo apprende con l’utilizzo del triciclo diverse abilità, è anche vero che a una certa età dovrà passare alla bicicletta a due ruote. L’abitudine ad adagiarsi comodamente sul sellino del triciclo, potrà fargli avere qualche difficoltà nel momento di passaggio alla bicicletta con due ruote.

Abbiamo sin qui preso in considerazione tutti i vari aspetti relativi ai tricicli, le caratteristiche fondamentali, quelle accessorie. Sul mercato vi sono tricicli a prezzi alti e modelli più economici; prodotti per bimbi piccolissimi e altri adatti a bambini un po’ più grandi; modelli trasportino, e tricicli molto simili a piccole biciclette.

La grande varietà di prodotto in circolazione può confondere più che aiutare, e speriamo di aver reso più semplice la scelta con la nostra guida all’acquisto. Qui di seguito proponiamo le recensioni dei migliori tricicli attualmente in vendita. Abbiamo preso in considerazione prodotti di vari marchi, e di fasce di prezzo differenti, ognuno è stato attentamente valutato per le sue caratteristiche, il design, gli elementi distintivi, gli accessori di cui è dotato. Per ogni modello presentato proponiamo anche un elenco dei vantaggi e degli svantaggi.

 

1. Little Tikes 634338E4 Recensione

Informazioni sul produttore

Little Tikes è un’azienda americana fondata nel 1969 a Hudson nell’Ohio. Sin dall’inizio ha prodotto giochi per bambini, vedendo ogni nuovo giorno come un’avventura da vivere.

triciclo

Caratteristiche principali

Il triciclo Little Tikes 4 in 1, è un triciclo in 4 fasi, che può essere modificato per crescere insieme al bambino. Può essere utilizzato dai 9 ai 30 mesi, passando da trasportino a mezzo di trasporto indipendente.

Utilizzi principali del prodotto

Essendo un prodotto 4 in 1, si presenta come un oggetto molto versatile che può quindi avere diversi utilizzi. All’inizio, infatti viene usato dai genitori come un trasportino in cui mettere il proprio bimbo, protetto dalle barre laterali. In questo caso la pedana sorreggerà i piedini del piccolo che non dovrà pedalare. Man mano che cresce, si potrà rimuovere la pedana, il bambino comincerà a pedalare da solo. Quando il bimbo diventa autonomo si potranno smontare il maniglione, la pedana e le protezioni, lasciandogli tutta la libertà di un vero triciclo.

Misure del prodotto

Il prodotto nelle varie configurazioni si adatta a bambini che vanno dai 9 ai 30 mesi, può trasportare bambini che pesano fino a 23 kg massimo. Pesa 8,91 kg, e nella sua versione completa misura 120 x 48 x 95 cm.

Perché scegliere questo prodotto rispetto ai concorrenti

Si tratta di un triciclo molto accattivante e accessoriato, è dotato di parasole che protegge il bambino dai raggi diretti del sole quando va all’aperto, e di una cesta posteriore in cui il piccolo potrà riporre i propri giocattoli. Inoltre attaccata al maniglione ha una comoda borsa porta oggetti con zip davvero utilissima, la seduta è imbottita e molto comoda.

Vantaggi:

  • Triciclo 4 in 1: da 9 a 30 mesi
  • Ha una comoda borsa sul maniglione
  • Seduta imbottita
  • Parasole
  • Vano porta giocattoli

Svantaggi:

  • Prezzo abbastanza elevato
  • Montaggio non semplicissimo

 

2. Chicco 6714 Recensione

Informazioni sul produttore

Chicco, parte del gruppo Artesana, è un nome che sul mercato italiano dei prodotti per l’infanzia rappresenta una garanzia di qualità made in Italy.

triciclo bimbo

Caratteristiche principali

Il triciclo della Chicco è molto accattivante per i più piccini, grazie al suo buffo aspetto da pellicano. È un prodotto 2 in 1 utilizzabile con o senza maniglione. È molto leggero e facile da trasportare dato che pesa soltanto 1,5 kg. Il suo utilizzo è consigliato per bimbi dai 18 mesi in su. Il sellino molto avvolgente è dotato di cinghie di sicurezza. Inoltre lo sterzo può essere bloccato, così da garantire un uso con maniglione più sicuro.

Utilizzi principali del prodotto

Questo triciclo può essere usato in due modi: nella modalità con il maniglione “Spingi e vai”, in cui il bimbo è condotto e guidato dal genitore, e nella modalità libera in cui, rimosso il maniglione, il bimbo va da solo.

Design del prodotto

Il design del triciclo davvero particolare, dato che nei colori e nella forma rimanda all’immagine di un divertente pellicano. Davanti al manubrio è posizionata una piccola vaschetta di colore giallo, con coperchio, che riproduce proprio il becco del pellicano, e che può essere utilizzata come piccolo contenitore per i giochi del bambino. Anche i pedali rimandano al personaggio riproducendone le zampe arancioni. Il maniglione telescopico si adatta alle diverse altezze dei genitori. Dietro al sellino è posizionato un altro contenitore verde sgargiante, comodo per riporvi altri giochi.

Manutenzione del prodotto

Il prodotto non necessita di molta manutenzione, può essere pulito con un panno umido e detergente delicato. Tenerlo in un luogo asciutto e lontano dagli agenti atmosferici.

Vantaggi:

  • Molto leggero
  • Prezzo molto competitivo
  • Design divertente
  • Ha due contenitori per i giochi

Svantaggi:

  • Non adatto a bimbi con meno di 18 mesi
  • È sprovvisto di parasole

 

3. Little Tikes 634307E4 Recensione

Informazioni sul produttore

Little Tikes è un’azienda che è stata fondata nel 1969 a Hudson nell’Ohio. Da sempre produce giochi per bambini, per fargli vivere ogni giorno nuove avventure divertendosi. Con un occhio alla qualità, l’azienda è un marchio storico nella di produzione di giocattoli negli USA e nel resto del mondo.

bici a tre ruote

Caratteristiche principali

Il triciclo della Little Tikes è un prodotto davvero molto completo, 4 in 1, che può essere utilizzato per trasportare il proprio piccolo fin dai 9 mesi di età. Grazie alle protezioni laterali, al sedile con spalliera alta, alle cinture di sicurezza e alla pedana per i piedini, può accogliere anche piccoli che non camminano ancora, garantendo la massima sicurezza. Man mano che il bimbo cresce le varie protezioni possono essere rimosse, trasformandolo in un vero triciclo. Il maniglione è comodo e regolabile, i pedali sono solidi e antiscivolo, nella parte posteriore è presente un bel contenitore per riporre borse o i giochi del bambino.

Qualità del prodotto

Questo triciclo è di alta qualità, grazie ai materiali di cui è fatto. È realizzato in plastica e alluminio, e ha le ruote con rivestimento in gomma, quindi adatte sia all’interno che all’esterno. Un bel parasole con braccio orientabile e il maniglione solido e regolabile completano il prodotto. I vari elementi da smontare via via che il bimbo cresce, sono facili da rimuovere e trasformeranno ben presto il trasportino in un vero triciclo da usare in autonomia.

Dimensioni e peso del prodotto

Il triciclo pesa 8,9 kg, le dimensioni sono 113 x 50,0 x 110, 3 cm. Può accogliere bimbi da 9 a 30 mesi, del peso massimo di 23 kg.

Vantaggi:

  • Triciclo 4 in 1: da 9 a 30 mesi
  • Maniglione dotato di porta bottiglia
  • Cesto grande porta giocattoli
  • Parasole

Svantaggi:

  • Prezzo medio-alto
  • Montaggio un po’ complicato

 

4. Smoby 7600740300 Recensione

Informazioni sul produttore

Smoby è un’azienda francese, nata nel 1924 che si occupa della produzione di giochi per bambini. Nel 2008 è stata acquisita dal gruppo Simba Toys, nato in Germania nel 1982, che raduna diverse aziende del settore dei giocattoli. Oggi il gruppo conta circa 3200 dipendenti in tutto il mondo.

triciclo per bambini

Caratteristiche principali

Questo triciclo con colori e immagini a tema Masha e Orso piacerà molto ai bambini, grazie alle figure sulla parte anteriore dello sterzo, e alle tonalità sgargianti. Si tratta di un triciclo 2 in uno, adatto a bambini da 15 mesi in su, con un bel sedile fuxia molto comodo, dotato di cinghie per assicurare il piccolo. Pesa soltanto 3,58 kg, può essere utilizzato fino all’età di 5 anni.

Utilizzi principali del prodotto

Il triciclo Smoby Masha e Orso, è un 2 in 1, quindi può essere condotto con l’aiuto del genitori, grazie all’asta di guida parentale, in questo caso va inserito il blocco della giuda; oppure una volta rimosso il maniglione, funziona in autonomia come un normale triciclo.

Perché scegliere questo prodotto rispetto ai concorrenti

Questo triciclo coloratissimo ha la struttura in metallo con il telaio davvero resistente. Le due ruote posteriori hanno un asse abbastanza largo che garantisce la massima stabilità, il sedile è comodo e può essere regolato in tre posizioni, mentre la cintura garantisce la sicurezza dei bimbi più piccoli. Inoltre, sempre per garantire la massima sicurezza, il manubrio è provvisto di limitatori di rotazione. Sulla parte posteriore un comodo cestino contenitore potrà trasportare i giochi del bimbo.

Vantaggi:

  • Coloratissimo, design accattivante
  • Prezzo concorrenziale
  • Sedile regolabile in 3 posizioni
  • Telaio in metallo
  • Può essere utilizzato dai 15 mesi ai 5 anni

Svantaggi:

  • Ruote in plastica dura, molto rumorose

 

5. FEBER Famosa 800009473 Recensione

Informazioni sul produttore

Feber Toys nasce ad Alicante nel 1956; nel corso degli anni il brand è cresciuto diventando negli anni 80 uno dei leader di settore in Spagna. Nel 2006 è entrato a far parte del gruppo Famosa.

triciclo bambini

Caratteristiche principali

Un prodotto diverso nel mondo dei tricicli è questo passeggino triciclo Feber Famosa. È molto versatile, utilizzabile anche con bambini di 6 mesi, è resistente, con la struttura in metallo, e molto accessoriato: oltre a essere dotato di melodie musicali per intrattenere il bambino, ha il parasole e una bella per la mamma.

Misure del prodotto

Questo triciclo passeggino è davvero versatile, e per questo più pesante rispetto ad altri prodotti: pesa infatti 11 kg. Nelle varie versioni può accogliere bambini di età molto diverse, dai neonati, fino a bimbi di 5 anni, anche se la portata massima consigliata dal produttore è di 13,5 kg.

Perché scegliere questo prodotto rispetto ad altri simili

Rispetto agli altri tricicli, questo nella fase 1 assomiglia un vero passeggino, con la seduta orientata fronte mamma. Il sedile in tessuto, può essere reclinato. Man mano che il bimbo cresce può essere ruotato, così da permettergli di giocare con il manubrio, dotato di tasti luminosi e suoni, mente il genitore lo guida con il comodo maniglione. Nella fase 3 tutti gli elementi in più possono essere rimossi, lasciando al bambino un bel triciclo da usare in autonomia. La fase finale prevede la rimozione delle ruote posteriori, che andranno sostituite con un’unica ruota, e delle pedivelle: il triciclo si trasforma in una bici senza pedali, che aiuterà il bimbo a mantenere l’equilibrio e favorirà il passaggio a auna bici vera.

Vantaggi:

  • Prodotto molto versatile e accessoriato
  • Dotato di borsa per la mamma
  • Si trasforma in bici senza pedali
  • Può sostituire il passeggino
  • Manubrio con tasti luminosi e musica

Svantaggi:

  • Abbastanza pesante
  • Peso massimo consigliato 13,5 kg