Cosa sono i tiralatte?

Il tiralatte, data la sua funzione, è infatti è un oggetto che va scelto con molta cura, tenendo conto di una serie di fattori. Non è detto infatti che un tiralatte che va bene per una donna, sia perfetto anche per un’altra. Ma l’esigenza di nutrire il proprio bambino con il latte materno anche quando non si è presenti, accomuna molte mamme che per diverse ragioni devono allontanarsi dal proprio piccolo. Scegliere il giusto tiralatte è il primo passo per farlo in sicurezza, evitando di togliere al bambino un alimento fondamentale per la sua salute e per la crescita. In questa guida illustreremo gli elementi da prendere in considerazione per scegliere la macchina tiralatte adatta a ogni esigenza.

 ImmagineNomeValutazioneControlla il prezzo

1 di 5

Medela 030.0028

4.5

LEGGI LA NOSTRA RECENSIONE

CONTROLLA IL PREZZOsu amazon.it

2 di 5

tiralatte elettrico

Philips Avent SCF332/01

4.5

LEGGI LA NOSTRA RECENSIONE

CONTROLLA IL PREZZOsu amazon.it

3 di 5

Philips Avent SCF330/20

4.0

LEGGI LA NOSTRA RECENSIONE

CONTROLLA IL PREZZOsu amazon.it

4 di 5

Chicco 5740000000

4.0

LEGGI LA NOSTRA RECENSIONE

CONTROLLA IL PREZZOsu amazon.it

5 di 5

Medela 005.2035

3.5

LEGGI LA NOSTRA RECENSIONE

CONTROLLA IL PREZZOsu amazon.it

Il tiralatte è un oggetto che come suggerisce il nome serve a estrarre latte materno dalle mammelle delle donne che sono nella fase dell’allattamento. Si tratta di prodotti che possono funzionare sia manualmente, quindi si parla di tiralatte manuale, oppure alimentati da corrente o batterie, quindi si parla di tiralatte elettrico. Il tiralatte a uso umano può essere paragonato, dal punto di vista dello scopo e dal punto di vista del funzionamento, alla mungitrice che viene utilizzata per estrarre latte dalle mammelle degli animali da allevamento. Le ragioni per comprare un tiralatte sono molteplici. Spesso le donne nella prima fase dell’allattamento al seno, hanno difficoltà a essere presenti ogni volta in cui il bambino deve essere nutrito, dato che gli intervalli della nutrizione a richiesta sono molto frequenti: ogni 3 ore o anche meno. In questo caso la pompa tiralatte sarà utilissima ed eviterà di dover sostituire il latte materno con del latte artificiale, in una fase in cui il latte della madre risulta fondamentale per la crescita e la salute del bambino. Molte mamme tornano al lavoro dopo due o tre mesi dal parto, se non prima, e quindi utilizzare il tiralatte manuale o elettrico, magari al mattino prima di recarsi in ufficio, permetterà a chi si prenderà cura del bambino di continuare a nutrirlo nel corso della giornata. In alcuni casi la macchina tiralatte risolve il problema dell’eccesso di latte presente nelle mammelle della donna, che vengono liberate dal carico eccessivo. Il latte raccolto infatti potrà essere conservato in frigo, per alcuni giorni, o potrà essere congelato. In quest’ultimo caso, il prezioso liquido potrà essere conservato per periodi che variano, in base alla temperatura di congelamento, dalle 2 settimane fino ai 12 mesi, e consentirà di continuare a nutrire il piccolo anche quando il seno materno non produrrà latte a sufficienza. Ma vediamo più a fondo come funzionano i tiralatte e i prezzi dei vari modelli.

Come funzionano i tiralatte

Sia che si tratti di un tiralatte manuale che di un modello elettrico, il funzionamento di base è grossomodo lo stesso. Diversamente da quanto si crede la pompa tiralatte non aspira direttamente il liquido dalla mammella, ma funziona con un meccanismo in due fasi: attraverso una coppa posizionata sul capezzolo e un sistema si pompaggio, nella prima fase aspira e stimola la fuoriuscita del liquido, questo quindi viene rilasciato, e siamo nella seconda fase, e viene raccolto in un contenitore. Si tratta di un ciclo che si ripete dalle 30 alle 60 volte al minuto. I tiralatte in commercio utilizzano diversi meccanismi. Uno di questi è la modalità a pistone. In questo tipo di tiralatte, un pistone provoca l’aspirazione scorrendo all’interno di un cilindro cavo, una sorta di siringa. Si tratta di una modalità che può risultare scomoda, dato che richiede l’utilizzo di entrambe le mani, e abbastanza lenta e faticosa. Più veloce la pompa a diaframma: in questo caso una leva aziona il diaframma che genera l’aspirazione. Il meccanismo di funzionamento è il primo elemento distintivo tra i vari tiralatte ma i prezzi in genere variano soprattutto tra i modelli manuali e quelli elettrici. Per quanto riguarda il tiralatte manuale il prezzo cambia in base alla tipologia. Può trattarsi di un tiralatte composto di un corpo unico che si applica direttamente al seno, a siringa o con un corpo morbido che funge da pompa, oppure può essere composto da vari elementi, con una coppa da applicare al seno, un sistema di valvole e un contenitore ad esse collegato. Se invece, prevedendone un uso costante e prolungato, si sta cercando il miglior tiralatte elettrico va considerata la dimensione della macchina, in base alle proprie esigenze, la possibilità di funzionamento a batterie, e poi si potranno vagliare i vari tiralatte in base ai prezzi di vendita.

Di che materiali sono fatti i tiralatte?

Molta importanti nella valutazione dei tiralatte sono i materiali di cui questi oggetti sono fatti. Un tiralatte infatti verrà messo a contatto diretto con parti molto delicate e vulnerabili come i capezzoli e il seno della donna, dovrà contenere il latte materno, in modo che resti sterile e non venga contaminato da sostanze esterne. Il miglior tiralatte manuale o elettrico sarà quindi quello progettato in materiali sicuri per la mamma e per il bambino, e che magari è provvisto anche di contenitori per la conservazione a breve o lungo termine del latte materno. Il costo di un tiralatte manuale, essendo un prodotto abbastanza semplice, è legato alla qualità dei materiali con cui esso è fatto. Il classico tiralatte manuale di un tempo era a siringa ed era realizzato completamente in vetro, quindi il suo utilizzo non era molto confortevole per la madre. Attualmente in commercio ci sono ancora tiralatte a siringa in vetro, ma sono provvisti di una coppa in silicone che assicura un certo comfort, ma in generale si può dire che questo materiale, pur garantendo la massima igiene, è stato via via sostituito da altri meno fragili e più versatili. Le coppe che si applicano al seno sono in genere fatte di silicone 0% BPA, ossia privi di Bisfenolo A, un materiale che non rilascia sostanze pericolose, anche a contatto con il calore, e che garantisce la maggiore adattabilità possibile alle mammelle delle varie donne, aderendo perfettamente e facilitando il lavoro di estrazione. Le coppe spesso sono dotate di cuscinetti che massaggiano il seno e favoriscono l’operazione. Anche le così come le tettarelle presenti nelle confezioni di molti modelli in vendita sono in silicone BPA free, valida alternativa al classico caucciù. Per la parte del recipiente in cui il latte si va a raccogliere durante la suzione artificiale, ma che spesso funge anche da contenitore si predilige il Polipropilene (PP), materiale resistente, igienico e meno fragile e più leggero rispetto al vetro. É importante che i materiali con cui sono fatte i tiralatte siano adatte allo sterilizzatore che molte mamme possiedono, oppure possano essere bolliti o anche passati al microonde, oltre che essere lavati in lavastoviglie.

Dimensioni medie dei tiralatte

Le dimensioni medie di un tiralatte variano molto dai modelli manuali a quelli elettrici. Per quanto riguarda i primi, ci sono quelli a corpo unico che in genere sono abbastanza piccoli e comodi da trasportare. Si tratta di un modello di tiralatte manuale il cui prezzo è molto basso, e ha dimensioni simili a quelle di un biberon, quindi entra comodamente nella borsa di una donna o anche nel borsone con i prodotti del neonato senza occupare molto spazio. La facilità di trasporto è senz’altro un elemento distintivo che potrebbe far propendere tra un tiralatte manuale rispetto a uno che funziona con la corrente elettrica. Leggermente più grande ma comunque facile e comodo da trasportare i tiralatte manuali con funzionamento a pompa, che alla grandezza del contenitore, in genere simile a quello di un biberon medio, aggiunge la parte dell’impugnatura con sistema di pompa e la coppa per il seno. Come già detto però anche questi modelli sono di ridotte dimensioni e facili da trasportare, spessi provvisti di un tappo sigillante per chiudere il contenitore dopo l’estrazione e di un comodo sacchetto per contenere tutte le parti. Nelle macchine tiralatte elettriche alle componenti presenti in quelle manuali si aggiungono il corpo motore che alimenta il funzionamento, a cui si aggiunge spesso il trasformatore con il cavo. Il meccanismo elettrico, sia esso a corrente che a batteria, varia molto per le dimensioni e la forma, anche se in commercio ci sono prodotti dalle misure abbastanza contenute. Molti tiralatte hanno un corpo motore con misure ridottissime e forme tondeggianti, che sta comodamente in una mano, quindi tra i 10 e i 14 cm, altre un po’ più grandi non superano comunque i 20 x 20 cm. Nel caso del tiralatte elettrico i prezzi variano molto in base alla caratteristiche tecniche della pompa, ma per quanto riguarda le dimensioni, la maggior parte dei modelli si presenta con misure ridotte e forme molto compatte. Facili da trasportare dunque, ma se ci si sposta molto e non si vuole rinunciare a un modello elettrico, sarà importante valutare l’acquisto di un tiralatte che funziona anche a batterie, che abbia in alternativa un caricatore da auto, o la possibilità di essere caricato tramite un cavetto USB.

Caratteristiche del design delle pompe per il latte

Il tiralatte è un oggetto che per molte donne diventerà di uso frequente per un periodo più o meno lungo. Spesso l’estrazione del latte con una macchina tiralatte, specie se manuale, richiede molto tempo, quindi una delle caratteristiche da valutare è il design dell’oggetto che deve avere una forma ergonomica comoda da impugnare nel caso del tiralatte manuale. Questo infatti viene azionato con la mano, e l’atto del pompare in maniera costante richiede necessariamente un’impugnatura comoda e antiscivolo. A differenza dei vecchi tiralatte a siringa che richiedevano l’utilizzo di due mani, una per reggerlo e una per tirare lo stantuffo, il tiralatte manuale è pensato per essere utilizzato anche con una sola mano. Molto importante, sia nel modello manuale che nel tiralatte elettrico il design della coppa. Queste variano per dimensione e le più confortevoli presentano all’interno dei cuscinetti che massaggiano e sollecitano il seno favorendo la suzione artificiale. La maggior parte dei tiralatte hanno una coppa singola, ma esistono anche versioni con due coppe, in genere sono elettrici, che permettono di effettuare l’estrazione dai due seni contemporaneamente. Sempre nei modelli elettrici è presente una base motore, che come già specificato nel paragrafo precedente, nei prodotti di ultima generazione non è molto ingombrante. Prevalgono le forme tondeggianti con angoli smussati e di dimensioni contenute, che spesso hanno toni pastello o elementi decorativi che li rendono gradevoli alla vista, anche per il bambino.

Suggerimenti sull’uso di pompe per il latte

Utilizzare il tiralatte è un’operazione che porta via tempo e a volte può essere anche faticoso per le donne che se potessero, preferirebbero allattare direttamente al seno i propri piccoli. In molti casi l’estrazione può essere difficoltosa e dare scarsi risultati in termini di liquido raccolto, il che può essere scoraggiante. Ecco alcuni suggerimenti sull’uso del tiralatte. Come in molti altri settori la macchina non riesce mai a eguagliare l’azione umana, e così anche il tiralatte migliore non darà mai gli stessi risultati della suzione del bambino. Se si ha difficoltà a estrarre il latte sarà bene preparare il seno con impacchi caldi che favoriscono il flusso del liquido, per lo stesso scopo saranno utili dei massaggi al seno. Creare una routine dell’estrazione, magari sempre allo stesso orario, favorirà l’operazione. È molto importante che l’ambiente sia rilassante e discreto, e prepararsi a estrarre il latte in una posizione comoda. Schiena e braccia devono avere buoni appoggi, dato che l’operazione potrebbe richiedere anche un bel po’ di tempo. La coppa del tiralatte deve aderire perfettamente alle pareti della mammella, evitando però di premere troppo. L’eccessiva pressione infatti potrebbe bloccare i condotti lattiferi. La mano libera potrebbe essere usata per sorreggere il seno durante la fase di suzione artificiale. L’estrazione non deve mai essere dolorosa, dato che il dolore riduce l’erogazione di latte, quindi ogni donna dovrà determinare l’intensità del pompaggio, sulla base di ciò che ritiene confortevole. Se si estrae il latte da un seno alla volta è importante alternare le due mammelle. É fondamentale per ogni donna nella fase di allattamento, garantirsi una sana alimentazione e il giusto riposo per favorire la formazione del latte.

In quali situazioni le pompe tiralatte sono più utili?

Spesso l’utilizzo del tiralatte non è una scelta ma un obbligo a cui la neo mamma accondiscende un po’ controvoglia. Il momento dell’allattamento infatti è fondamentale per solidificare il rapporto madre-figlio, e doverci rinunciare è per la madre una scelta che talvolta può risultare molto dolorosa. A volte il tiralatte è soltanto un supporto, altre volte invece una necessità. Ad esempio nel caso della nascita di bambini prematuri, o con delle patologie che li costringano a passare giorni o mesi nell’incubatrice del reparto neonatale, spesso utilizzare un tiralatte è l’unico modo per assicurare ai propri piccoli il latte materno. Un altro problema che impone talvolta l’utilizzo della macchina tiralatte è quello dei capezzoli introflessi. In questo caso la pompa tiralatte sarà d’aiuto per correggere l’introflessione, o comunque per estrarre il liquido laddove il neonato non riesca a succhiare autonomamente. Altre situazioni in cui l’utilizzo del tiralatte è quasi necessario è quando si manifesta un ingorgo mammario. Una eccessiva produzione di latte può causare questo problema, provocando mastiti e dolori a causa dell’accumulazione di liquido nei dotti lattiferi. Estrarre il latte con il tiralatte, può risolvere questa situazione e al tempo stesso contribuisce a creare una scorta che potrà essere conservata anche a lungo. In molte donne si può verificare il problema opposto, e cioè la quantità di latte è molto scarsa e il bambino succhiando a vuoto può stancarsi, scoraggiarsi e rifiutarsi di continuare a succhiare. Pompando con il tiralatte si può stimolare la produzione di latte e risolvere in parte il problema. Come già menzionato all’inizio di questo articolo, il tiralatte rappresenta un buon alleato della mamma nel momento in cui avviene il ritorno al lavoro. Gli orari d’ufficio non corrispondono a quelli della nutrizione del bambino, ma facendo una scorta di latte materno, ci si potrà allontanare dai piccoli assicurandogli il giusto nutrimento in tutte le ore del giorno. Mettendo in atto le dovute routine di estrazione infatti, si potranno preparare delle scorte che anche il papà o chi si occupa del bambino potranno utilizzare.

Come scegliere un tiralatte?

Dovendo ricorrere al tiralatte, bisogna prima di tutto valutare bene le proprie esigenze per fare la scelta migliore. Il mercato offre tante possibilità e quindi sarà bene valutare tutta una serie di fattori, come la frequenza e la modalità di utilizzo, l’abbondanza o meno di latte materno, il tempo a disposizione per l’estrazione. Comprare un costosissimo tiralatte elettrico da usare magari un paio di volte a settimana sarà uno spreco di denaro. La prima scelta che andrà fatta dovrà essere quella tra il tiralatte manuale e quello elettrico. Ci si orienterà su un tiralatte manuale se si pensa di farne un uso abbastanza sporadico. Magari si predilige l’allattamento tradizionale, e si ha la possibilità di essere presenti negli orari in cui il bambino deve essere nutrito, quindi si pensa di usare il tiralatte in casi rari o emergenze, ma non quotidianamente. Oppure ci si sposta di frequente con il bambino, e tra viaggi e vacanze si potrebbe avere la necessità di accumulare un po’ di latte come scorta, o portarsi in giro il tiralatte per estrarlo quando si è più comodi. I modelli manuali, sono leggeri, pratici, comodi da portare con sé e sono molto silenziosi, oltre che più economici. Il costo di un tiralatte manuale varia in media dai 5 € per una semplice pompa ai 50 €, quindi risulta abbastanza abbordabile. Se invece l’utilizzo del tiralatte sarà un’abitudine quotidiana, allora il modello elettrico risulta essere l’opzione migliore. Sia i modelli con alimentazione elettrica sia quelli a batteria garantiscono una maggiore resa in termini di quantità di liquido estratto e in tempi minori. Sono quindi la scelta da preferire per mamme lavoratrici che hanno poco tempo a disposizione, ma che vogliono garantire ai loro bambini il giusto nutrimento. Questi modelli sebbene più ingombranti risultano essere pratici e meno faticosi da usare: vanno posizionati correttamente sul seno e poi procedono da soli all’estrazione. Ovviamente parlando di tiralatte elettrico i prezzi salgono e superano in media il costo del miglior tiralatte manuale. Un tiralatte elettrico parte da prezzi anche molto bassi, attorno a i 15 €, che corrispondono a prodotti di qualità sicuramente non eccelsa, per finire a cifre molto elevate, poco meno di 400 €, per un modello di fascia alta a doppia estrazione. Valutare le proprie esigenze però resta il fattore principale che deve orientare nella scelta. Non è detto infatti che il miglior tiralatte, elettrico o manuale che sia, corrisponda al modello più costoso presente sul mercato. Come già accennato, nel mondo dei tiralatte elettrici esistono anche modelli dotati di una coppa doppia, e che in pratica consentono l’estrazione contemporanea di latte da entrambi i seni. Si tratta di macchine dedicate a chi ha poco tempo ma vuole comunque assicurarsi abbondanti scorte di latte: esse consentono infatti di completare il processo di estrazione nella metà del tempo. In questo caso bisogna prestare attenzione al fatto che il prodotto sia stato progettato per consentire alla madre di utilizzare le due coppe contemporaneamente, senza aiuti esterni, con elementi che aderiscono perfettamente alle mammelle e non necessitano di continui aggiustamenti. Da valutare infine anche gli accessori forniti con il prodotto che spesso fanno la differenza sia nel prezzo, sia nella comodità d’uso nel lungo periodo. Nei modelli più economici infatti è presente solo il tiralatte, in quelli più accessoriati sono compresi elementi in più che magari all’inizio si ritengono superflui, e che invece si rivelano necessari. Uno di questi è senz’altro il tappo per sigillare il contenitore di raccolta, utilissimo sia a casa, sia se si usa il tiralatte in viaggio: non si avrà la necessità di portare con se un altro contenitore, dato che una volta raccolto il liquido basterà chiudere ermeticamente il recipiente, e si eviterà di dover travasare il liquido rischiando di contaminarlo o farlo cadere. Quasi tutti i modelli comprendono la tettarella, questa potrà essere applicata direttamente al recipiente di raccolta oppure al biberon, che in alcuni casi viene fornito nella confezione. Alcuni prodotti sono provvisti anche di basi d’appoggio utili per poggiare il tiralatte anche durante la fase dell’estrazione, magari per riposarsi o cambiare seni. Diversi brand forniscono in omaggio anche coppette assorbenti che le neo mamme potranno provare in caso di bisogno.

Come prendersi cura di un tiralatte?

Il tiralatte è un oggetto che viene messo a contatto diretto con parti del corpo delicate come i capezzoli, e che dovrà contenere latte destinato alla nutrizione del neonato, sarà dunque fondamentale prendersi cura di tutte le parti che lo compongono prima e dopo ogni utilizzo. Sarà importante lavare le varie parti con acqua calda saponata, risciaquarle, sterilizzarle per il primo utilizzo. Dopo ogni estrazione, il tiralatte va smontato completamente e lavato a mano, oppure ove possibile in lavastoviglie. Bisogna evitare di utilizzare degli agenti pulenti troppo aggressivi e oggetti appuntiti per la pulizia, che potrebbero danneggiare le parti in plastica o in silicone. Sarà bene assicurarsi che all’interno dei vari componenti non siano presenti corpi estranei. Per evitare comìntaminazioni batteriche il tiralatte va sterilizzato con frequenza: quotidianamente se lo si lava a mano, ogni due tre giorni sia se viene messo in lavastoviglie. É importante fare riferimento alle istruzioni presenti nel manuale per scegliere un metodo di sterilizzazione che non danneggi le varie parti di cui è composto il tiralatte, ma quasi tutti i modelli prevedono la sterilizzazione tramite bollitura. In genere i vari produttori raccomandano di far bollire tutti gli elementi che compongono il tiralatte per 5 minuti. Altri metodi per sterilizzare adatti ai materiali con cui sono fatti i tiralatte sono la sterilizzazione a vapore, oppure quella effettuata con il forno a microonde.

Il tiralatte è provvisto di garanzia?

Come tutti i prodotti in vendita anche i tiralatte sono provvisti della garanzia fornita dal produttore. Questa varia in base al brand e al tipo di prodotto, se elettrico o manuale. Per gli acquisti effettuati online vale per la maggior parte dei venditori la possibilità di reso gratuito se effettuato entro 14 giorni dalla ricezione del prodotto. Questa possibilità consente di ovviare a problematiche comuni relative agli acquisti online come la non corrispondenza del prodotto alla descrizione, la ricezione di un prodotto danneggiato, o semplicemente il fatto di aver cambiato idea sull’acquisto. Per i tiralatte elettrici è prevista una garanzia variabile che riguarda anche il funzionamento del corpo motore e delle parti elettriche in generale, dato che queste, possono smettere di funzionare per vari tipi di problemi dopo pochi giorni dall’acquisto. Anche in questo caso sarà possibile fare il reso in caso di acquisto online, oppure di sostituire gratuitamente l’articolo in garanzia presso il proprio rivenditore. Pe prodotti che vengono acquistati da rivenditori con sede all’estero, è importante accertarsi, prima dell’acquisto che sia presente una garanzia internazionale.

 

1. Medela 030.0028 Revisione

Informazioni sul produttore

Medela è un’azienda svizzera con oltre mezzo secolo d’esperienza nella creazione e vendita di prodotti per l’allattamento. L’azienda mira a migliorare la salute di mamme e bambini promuovendo la pratica dell’allattamento al seno. Propone prodotti di fascia medio alta.

tiralatteInformazioni sul prodotto

Il tiralatte elettrico Medela Swing nella gamma Medela è uno dei più piccoli e maneggevoli. Comodo da usare a casa e fuori, funziona attaccandolo alla presa di corrente, ma anche a batteria. È fornito con la tettarella “Calma” che permette di nutrire il bambino dopo aver estratto il latte in modo naturale.

Elementi distintivi del prodotto rispetto ad altri simili

Il tiralatte elettrico Medela Swing per la sua forma compatta e leggera entra facilmente in borsa. È pensato appositamente per essere portato ovunque, infatti può essere attaccato con una clip a una tasca oppure si può appenderlo al collo con l’apposita tracolla. Sfrutta una speciale tecnologia detta “2-Phase” che imita la modalità di suzione del neonato.

Info sul prodotto e sul valore in denaro

Rispetto a molti concorrenti Medela Swing risulta abbastanza costoso, ma le diverse tecnologie utilizzate, come quella per imitare la suzione del bambino e l’esclusiva tettarella Calma inclusa nella confezione, oltre al sacchetto e al laccio per appendere il corpo motore ovunque si voglia, sono elementi in più che aumentano la qualità e l’usabilità del prodotto.

Vantaggi

Il motore è piccolo ma potente e leggero, il che gli consente la massima funzionalità senza che sia invasivo, inoltre è molto silenzioso. Le coppe per il seno PersonalFit sono adattabili alle varie conformazioni, sono molto delicate e prevengono traumi alle mammelle e ai capezzoli. La possibilità di agganciare o appendere il corpo motore garantisce la massima mobilità.

Svantaggi

Il contenitore fornito può risultare un po’ piccolo, inoltre è fatto di un materiale molto sottile. Il prodotto è più costoso rispetto ad altri simili, di marchi meno prestigiosi.

CONTROLLA IL PREZZO SU AMAZON.IT

 

2. Philips Avent SCF332/01 Revisione

Informazioni sul produttore

Fondata nel 1891 l’azienda olandese Philips ha cominciato con la produzione di lampadine, per poi espandersi in vari settori, dall’elettronica ai piccoli elettrodomestici. Con il marchio Philips Avent si dedica dal 1984 alla commercializzazione di prodotti per la cura e per l’alimentazione del neonato che puntano su sicurezza e qualità.

tiralatte elettricoInformazioni sul prodotto

Il tiralatte Philips-Avent-SCF330 consente di estrarre il latte con il massimo comfort, sia permettendo di farlo in una posizione comoda per la mamma, sia in maniera delicata grazie ai cuscinetti che massaggiano i seni durante la suzione. Il tiralatte è completo di tettarella e biberon da 125 ml della gamma Natural.

Caratteristiche speciali del prodotto

Questo tiralatte è realizzato in materiali sicuri come il Polipropilene e silicone senza BPA. La caratteristica del prodotto è la possibilità di scegliere tra 3 diversi impostazioni di estrazione, e una modalità di stimolazione. Il suo design consente la massima comodità durante l’estrazione.

Informazioni sulla manutenzione e la pulizia

Il tiralatte è formato da un numero di pezzi molto ridotto, così sarà facile e intuitivo montarlo e smontarlo. Anche la pulizia risulta molto agevole, dato che i vari elementi, eccetto il corpo motore, possono essere lavati in lavastoviglie. Il latte non entra mai in contatto con elementi esterni al percorso della suzione.

Vantaggi

Semplice da assemblare e da utilizzare, si aziona con la pressione di un solo pulsante. Le tre impostazioni selezionabili permettono di stabilire il flusso più confortevole e adatto alla propria mammella. I cuscinetti della coppa donano una delicata sensazione di calore al seno, massaggiandolo durante l’estrazione.

Svantaggi

Il corpo motore è un po’ rumoroso, quindi il tiralatte non è dei più silenziosi in commercio. Il prodotto viene venduto con una coppa medio/piccolo, quindi chi ha un seno molto grande deve acquistare a parte una coppa di misura L.

CONTROLLA IL PREZZO SU AMAZON.IT

 

3. Philips Avent SCF330/20 Revisione

Informazioni sul prodotto

Philips Avent SCF330/20 è un tiralatte manuale facile da usare. È comodo e leggero, comodo da trasportare, ideale per estrarre il latte ovunque ci si trovi. Il prodotto è fornito con tettarella in silicone, biberon da 125 ml, dischetto sigillante e coperchio per il trasporto.

tiralatte manualeCome utilizzare il prodotto

Il prodotto è progettato per essere usato anche con una sola mano. Basta posizionare la coppa in silicone sul seno, facendo in modo che aderisca bene e procedere all’estrazione, stringendo e rilasciando la maniglia e modulando l’intensità e la velocità delle suzioni come si preferisce. Il latte estratto finisce nel contenitore, che può essere sigillato con il coperchio che permette di conservarlo o trasportarlo.

Informazioni sui materiali e sulla qualità

I materiali sono sicuri e adatti allo scopo. Il contenitore e il biberon sono realizzati in polipropilene, mentre la coppa e la tettarella sono in silicone senza BPA, quindi sicuri per la salute di mamma e bambino. La coppa fornita per l’estrazione è provvista di piccoli cuscinetti che massaggiano il seno.

Manutenzione e pulizia del prodotto

Il prodotto è facile da assemblare, per la pulizia non vanno usati detergenti abrasivi. Dopo ogni utilizzo il prodotto va smontato e i componenti vanno puliti con un detergente per piatti. I vari elementi possono essere sterilizzati a vapore oppure facendoli bollire per 5 minuti.

Vantaggi

Il prodotto è comodo da usare, serve una sola mano, ed è ideale da portare anche in viaggio. Il dischetto sigillante permette di conservare il latte direttamente nel contenitore in cui è stato estratto, il coperchio è comodo per il trasporto. La confezione contiene due coppie di coppette assorbilatte.

Svantaggi

Essendo un prodotto di fascia media, risulta un po’ più costoso rispetto ai suoi concorrenti diretti. Se il flusso di latte materno è scarso l’operazione di estrazione manuale potrebbe risultare un po’ stancante.

CONTROLLA IL PREZZO SU AMAZON.IT

 

4. Chicco 5740000000 Revisione

Informazioni sul produttore

Il brand Chicco nasce nel 1958 da una costola di Artsana azienda del settore della medicazione, per creare un settore dedicato alla cura dei bambini da 0 a 36 mesi. Diventa in breve tempo leader di mercato in Italia e poi, dalla fine degli anni Sessanta, si espande in tutto il mondo.

tiralatte elettrico prezziInformazioni sul prodotto

Il tiralatte manuale Chicco rappresenta un modo comodo per estrarre il latte materno. Il sistema di estrazione Chicco System garantisce un flusso di latte costante, la maniglia ergonomica favorisce l’utilizzo dell’oggetto rendendolo comodo da usare.

Caratteristiche principali che lo differenziano da altri prodotti simili

A differenza di altri tiralatte, nel prodotto Chicco troviamo una maniglia ergonomica con un rivestimento morbido che rende meno faticosa l’operazione di estrazione. Il contenitore da 150 ml è più grande rispetto a quelli dei concorrenti.

Design del prodotto

Il prodotto è progettato per favorire la comodita e facilità d’uso. I materiali sono sicuri, e i siliconi che compongono tettarella e coppa sono 0% BPA in conformità alle normative in vigore. La maniglia ergonomica rende meno faticosa un’operazione che, ripetuta nel tempo, può provocare affaticamento alla mano. Il colore bianco è in linea con gli altri prodotti della gamma Chicco.

Vantaggi

Il prodotto è venduto a un prezzo abbordabile. L’imbottitura morbida della maniglia rende più agevole l’utilizzo del prodotto, che essendo manuale richiede la ripetizione continua dello stesso movimento. La base d’appoggio separata è un elemento non presente in altri prodotti della stessa fascia di prezzo, risulta comoda per poggiare il tiralatte durante l’estrazione, magari per cambiare seno. Il contenitore è più capiente rispetto ad altri prodotti simili.

Svantaggi

A differenza di molti concorrenti non è fornito di un biberon aggiuntivo oltre al contenitore. La filettatura del contenitore non è molto lunga quindi si svita facilmente se non viene chiusa per bene.

CONTROLLA IL PREZZO SU AMAZON.IT

 

5. Medela 005.2035 Revisione

Informazioni sul prodotto

Il tiralatte manuale Medela Harmony ha un design ergonomico che facilita l’operazione di estrazione del latte. Pur essendo manuale è provvisto della tecnologia 2-Phase Expression, per imitare la suzione del neonato e favorire il flusso di latte costante.

tiralatte prezziCaratteristiche principali che lo differenziano da altri prodotti simili

Si tratta dell’unico tiralatte manuale che riesce a imitare la suzione del bambino grazie a una doppia maniglia. L’operazione di estrazione comincia con la maniglia più piccola che imita la rapida suzione iniziale del neonato affamato, poi si procede con la maniglia grande per garantire un flusso più lento ma costante.

Il design del prodotto

Il design del tiralatte Mendela coniuga eleganza ed ergonomicità. Il prodotto è molto maneggevole, leggero e quindi facile da trasportare. Il colore giallo lo rende gradevole alla vista, la coppa per il seno PersonalFit da 24 mm si adatta alla maggior parte delle mammelle. Il supporto per la bottiglia è comodo per evitare che il tiralatte cada.

Pulizia e manutenzione del prodotto

Facile da smontare, il tiralatte Mendela va sciacquato con acqua fredda e poi lavato in acqua tiepida saponata dopo ogni utilizzo. Tutte le parti possono essere lavate in lavastoviglie. Per la sterilizzazione possono essere messe a bollire per 5 minuti, oppure essere passate al microonde. Non vanno utilizzati oggetti appuntiti per la pulizia dei vari elementi.

Vantaggi

La tecnologia di suzione 2-Phase è sicuramente l’elemento distintivo di questo prodotto, non presente in altri tiralatte manuali. La tettarella Calma fornita nella confezione è ideale per nutrire il neonato.

Svantaggi

Il tiralatte, per essere un prodotto manuale, è abbastanza costoso, e per lo stesso prezzo si potrebbe optare per un prodotto elettrico di fascia più bassa. La coppa per il seno non risulta adatta a seni di dimensioni piccole e quindi va acquistata una coppa a parte.

CONTROLLA IL PREZZO SU AMAZON.IT