Cos’è un tagliaerba e come funziona

Possedere un prato grande e ben curato, è il sogno di moltissime persone, che spesso viene covato fin da quando si è bambini. Un bel prato verde richiama un senso di ordine e rende immediatamente qualsiasi casa all’apparenza più grande e più principesca. Non a caso, la nobiltà inglese e non solo viene spesso collegata a delle enormi ville, tutte dipinte con dei bellissimi prati curati. Ormai il prato viene associato ad un vero e proprio status symbol, quasi quanto le dimensioni e la locazione della propria casa.

Curare il prato è una delle attività principali dei giardinieri, che si servono dei migliori attrezzi e della loro arte, oltre che di tanta pazienza e precisione. Quello dello styling degli ambienti esterni è ormai diventato un vero e proprio business, e ti basterà una rapida ricerca online per individuare tantissimi esperti pronti, in cambio di una cifra a diversi zeri, a rivoluzionare il tuo giardino partendo proprio dal prato.

Se non sei pronto ad investire in questi servizi, ma quello che ti serve è solo un modo per rendere il tuo prato accogliente e ordinato, allora hai senza dubbio bisogno di un tagliaerba. Acquistare un prodotto performante e adatto alle tue esigenze significherà non doversi più affidare ad un giardiniere o ad una ditta specializzata. Tu ed il tuo nuovo tosaerba potrete domare anche il prato più indisciplinato! Potresti addirittura scoprire un nuovo hobby, un nuovo passatempo rilassante da condividere con i tuoi cari o con te stesso, per staccare un po’ la spina dalla quotidianità e riscoprire pazienza e creatività.

Trattandosi di un’operazione spesso faticosa ed impegnativa, anche i più appassionati e motivati hanno bisogno dei migliori tagliaerba per ottenere dei risultati perfetti nel massimo della praticità e del confort. Questi attrezzi rendono questa operazione decisamente più veloce e precisa, e ti permettono di non risentirne troppo a livello fisico, soprattutto per la tua povera schiena!

Stiamo quindi parlando di un attrezzo da giardinaggio, utilizzato in ambito domestico e professionale, per prendersi cura di superfici esterne più o meno ampie, e ovviamente verdi. Esso taglia via le erbacce e regola la lunghezza del tuo prato in base alle tue preferenze. Per questo motivo, come vedremo in seguito, dovrai tenere in considerazione diversi fattori prima di acquistare un modello qualsiasi, quali ad esempio l’altezza dell’erba del tuo prato, la superficie del tuo spazio e quella che le lame dei vari modelli riescono a coprire, e di conseguenza anche la velocità del lavoro. In alcuni casi, ad esempio, potresti preferire la presenza di determinati tipi di lame, che sono generalmente due e sono rotanti. Esistono però anche modelli a lama singola, e ovviamente il tipo di risultato e di utilizzo sarà diverso. Proprio per questo è bene conoscere le tue esigenze e quello che ogni modello in commercio ti offre davvero!

Anche per questo motivo, nel momento di acquistare un tosaerba, è bene studiare attentamente quale scegliere. un acquisto sbagliato finirebbe in breve tempo a prendere polvere in garage o in cantina, rivelandosi uno spreco di denaro. A nessuno piace sprecare i propri soldi, e neanche ritrovarsi oggetti inutilizzati ed ingombranti in casa!

Se non hai bene le idee chiare su come procedere alla scelta, non devi preoccuparti! Abbiamo riassunto in questa nuova guida tutte le caratteristiche da tenere in considerazione prima di procedere all’acquisto, e tantissimi altri dettagli di cui avrai bisogno per concludere un vero e proprio affare! Continua a leggere: il tuo nuovo rasaerba è a portata di click!

Come scegliere il tagliaerba più adatto alle tue esigenze

La prima grande differenza, che cambierà completamente il tuo approccio e il tuo uso di questo dispositivo, è la scelta tra tagliaerba con motore elettrico o a scoppio! Questa scelta avrà tutta una serie di ripercussioni, che non riguarderanno solo il prezzo finale. Ovviamente entrambe le tipologie hanno aspetti sia positivi che negativi, e starà a te valutare quali avranno più peso sul tuo utilizzo.

Il tagliaerba elettrico ha una potenza che varia dai 1000 ai 1700 watt in media. Il peso e le dimensioni risultano contenute e questo tipo di dispositivi non obbliga ad una particolare manutenzione, perciò nel complesso il costo risulta abbastanza abbordabile. Sicuramente uno dei maggiori punti deboli in questo caso è la mancanza della libertà di manovra, la quale è influenzata negativamente dalla lunghezza del cavo che dovrai collegare alla presa di corrente. Essi quindi vanno bene soprattutto per prati e giardini dalle dimensioni contenute, possibilmente senza alberi intorno ai quali il cavo rischierebbe di attorcigliarsi.

Il tosaerba a scoppio, invece, ha una potenza molto più elevata, ed una libertà di movimento priva di alcun vincolo, in quanto non serve alcuna presa di corrente. Si tratta quindi di dispositivi indicati per ampie superfici, e non risentono della presenza di alberi, siepi o altri ostacoli. Il lato negativo sta nella necessità di rifornirli di carburante, il quale a sua volta rappresenta un costo, ma anche nell’elevata rumorosità. Per non parlare dell’inquinamento: decisamente questi prodotti non sono molto eco friendly! Ma del resto è un piccolo prezzo da pagare richiesto da molti degli attrezzi usati nella nostra società moderna.

Nei modelli a scoppio, il motore aziona la rotazione delle lame, mentre nei modelli semoventi esso contribuisce a muovere anche le ruote. In questi casi, l’operazione di taglio risulta meno gravosa.

Una cosa da tenere in mente è che, mentre lavorano, questi tagliaerba incanalano l’erba tagliata dentro un cestello apposito. È perciò importante valutare anche le dimensioni di questo contenitore, le quali devono ovviamente essere proporzionate alla grandezza del tuo prato! In generale, il raccoglitore di un prodotto per uso domestico non supera i 70 litri di capienza massima. Questa scelta è obbligatoria per rendere il rasaerba più facilmente manovrabile. Un cestello troppo grande sarebbe ovviamente più comodo da svuotare, ma al tempo stesso renderebbe l’apparecchio davvero ingombrante! Ci sono poi modelli che sono tecnologicamente più all’avanguardia e sono in grado di effettuare il mulching, ovvero rilasciano sul terreno l’erba appena sminuzzata, affinché essa diventi fertilizzante e la natura faccia il suo corso.

Un fattore molto importante è sicuramente l’ampiezza di taglio. Essa viene espressa in centimetri e descrive il diametro della circonferenza che le due lame rotanti del dispositivo riescono a coprire quando sono in azione. Ovviamente questo parametro influenza e a sua volta dipende dalla grandezza della superficie che il dispositivo riesce a coprire, dato che ad una maggiore ampiezza di taglio corrisponde un minore numero di passate e quindi anche un minore tempo di utilizzo. Gli esperti consigliano di scegliere un prodotto che abbia un’ampiezza di taglio di almeno 40 cm in caso di dimensioni piccoli e medie; per i prati più piccini, basteranno 30 cm circa.

Anche l’altezza di taglio si rivela importante, in quanto essa si riferisce all’altezza che desideri effettivamente dare ai fili d’erba. I modelli più sofisticati ti danno maggiormente modo di lavorare su queste altezze. Generalmente si parte da un minimo di 20 mm e si arriva anche a 70 mm. I modelli più comunemente in vendita in commercio dispongono di 3 o 6 impostazioni di taglio intermedie fra cui scegliere.

Uno degli elementi principali di questi dispositivi sono i pettini. Essi accompagnano delicatamente i fili d’erba verso le lame, direzionandoli. In questo modo otterrai sempre un taglio molto accurato, e procedere a queste operazioni sarà più facile e veloce.

Anche la valutazione della potenza è molto importante. Essa si riferisce alle prestazioni del dispositivo, cioè alla sua capacità di affrontare anche una tipologia di erba più resistente e lunga, magari stopposa o difficile da sradicare perché troppo secca. Il tutto parte quindi dalla valutazione del prato su cui andrai a lavorare. Abbiamo già visto la differenza fra modelli a scoppio ed elettrici, e quali sono più indicati per i vari tipi di prato. In ogni caso, la potenza viene espressa in cavalli e funzionano con carburante liquido o sono alimentati a rete o a batteria, dimostrandosi quindi adatti a lavorare anche u diversi tipi e diverse grandezze di terreno.

Per quanto riguarda il tagliaerba elettrico, la sua potenza viene espressa in watt, e i valori vanno da un minimo di 1000 watt ad un massimo di 1800 watt, arrivando anche a modelli che superano la vetta dei 2000 watt. Ovviamente questi sono veri e propri top di gamma, che consigliamo soprattutto in caso di terreni davvero ostici e difficili. Per quanto riguarda i modelli che funzionano a batteria, la potenza si riferisce al voltaggio, ed è quindi calcolata in Volt. In questo caso i numeri vanno da un minimo di 20 V ad un massimo di 36 V o addirittura 40 V, per gli attrezzi dedicati ai lavori più impegnativi.

Anche la scelta dell’alimentazione, quindi, ha un suo peso nella decisione finale e influenzerà tantissimo l’uso del tuo nuovo attrezzo. Nel caso di alimentazioni elettrica, potresti anche usufruire di un modello con batteria ricaricabile interna, che è privo di cavi ma è ovviamente soggetto all’autonomia della batteria.

Ovviamente non va sottovalutata nemmeno la struttura di un tagliaerba. In questa categoria rientrano le caratteristiche quali peso ed ergonomia, che influenzano la maneggevolezza del dispositivo durante l’uso ed il trasporto. Dovrai innanzitutto valutare il design dell’impugnatura, che deve ovviamente essere ergonomico e offrire sempre una presa salda e comoda, anche mentre indossi dei pesanti guanti da lavoro. La manovrabilità deve essere sempre al massimo dell’agevolezza, sia durante l’utilizzo che il trasporto. In questo caso ad incidere sono il peso dell’attrezzo (che non dovrebbe superare i 10-12 kg), ma anche la tipologia e la robustezza delle ruote. Gli esperti consigliano di puntare a delle ruote gommate, che risultano maggiormente scorrevoli su qualsiasi tipologia di pavimentazione.

Ultima ma non per importanza è sicuramente la praticità d’uso. Non a caso, si tratta di uno dei fattori decisivi nell’individuazione del dispositivo più adatto alle esigenze tue e del tuo prato, soprattutto se non hai mai usato prodotti simili. Ad incidere su questa scelta sono innanzitutto le caratteristiche del serbatoio, la cui grandezza deve essere proporzionale a quella del tuo prato. Generalmente i modelli più grandi arrivano anche a 45 litri o 50 litri di capienza totale, mentre per un modello medio-piccolo i numeri scendono a 30-35 litri. Le impugnature dovrebbero essere pieghevoli, così da ridurre l’ingombro quando riponi in garage o nella casetta degli attrezzi il tuo prodotto. In questo modo, l’ingombro sarà limitato alle dimensioni del corpo macchina e sarà più faicle riporre la struttura nei mesi freddi o fra un utilizzo e l’altro. Nel caso di modelli elettrici, segnaliamo l’eventuale presenza di un vano raccogli cavo, così da rendere il tutto più pratico e ordinato quando il prodotto non è in utilizzo.

Da considerare anche e soprattutto c’è la rumorosità! Il livello di inquinamento acustico emesso da questi attrezzi viene espresso in decibel. È un dato che purtroppo non sempre viene dichiarato apertamente dai produttori, perciò potrebbe essere necessario fare qualche ricerca in rete o chiedere ad un professionista. Per quanto riguarda i modelli domestici, questi fattori si aggirano intorno ai 94 o 95 dB. I modelli con batteria ricaricabile sono meno rumorosi, con un massimo di 86 dB. In entrambi i casi consigliamo di indossare delle pratiche cuffie da lavoro durante tutte le operazioni di taglio del tuo prato.

Come prendersi cura del tuo tagliaerba

Indipendentemente da quale modello tu scelga, il tuo tagliaerba avrà bisogno di determinate cure per poter godere di una vita media più lunga e performante. Ciò significa che ogni dispositivo necessita di una piccola manutenzione, a cominciare proprio dalla pulizia delle lame e della parte inferiore della scocca. Questi elementi devono essere liberati dai residui della rasatura, e quindi dell’erba in eccesso.

Per eseguire queste operazioni al meglio, consigliamo di farlo subito dopo il taglio, affinché l’erba sia ancora fresca e si stacchi molto più facilmente. Eventuali altri consigli in merito saranno sicuramente contenuti nel manuale di istruzioni del tuo modello, che ti consigliamo di leggere e consultare sempre.

Nel caso tu decida ti acquistare un tosaerba a scoppio, è bene pulire periodicamente anche il filtro dell’aria, e ovviamente controllare il livello del carburante e dell’olio. In questo modo sarai sempre sicuro che gli ingranaggi funzionino al meglio.

Sicuramente in inverno e in autunno non avrai molta necessità di tagliare l’erba del tuo prato. In questo periodi consigliamo sempre di riporre il dispositivo in un luogo asciutto e pulito, dove attenderà pazientemente la primavera.

Tipologie di tagliaerba

Non tutti i tagliaerba sono uguali, e differiscono anche per la loro alimentazione. Questa scelta avrà importanti ripercussioni sull’utilizzo del tuo nuovo dispositivo, e ovviamente i pro ed i contro saranno diversi. In questo paragrafo riassumeremo le caratteristiche di ogni tipologia, così da aiutarti a capire quale faccia davvero al caso tuo. In caso di ulteriori dubbi, consigliamo comunque di rivolgersi ad un professionista del settore, che saprà sicuramente indirizzarti al prodotto più adatto a te.

Innanzitutto, il tagliaerba elettrico è il modello sicuramente più diffuso e venduto per uso domestico, insieme ovviamente al rasaerba a scoppio. Si tratta di modelli che funzionano tramite corrente elettrica e sono quindi dotati di un cavo di alimentazione da inserire nella presa. Tra i vantaggi va sicuramente annoverata la potenza: questi prodotti hanno un utilizzo pressoché illimitato e sono in grado di erogare in maniera costante tutta la quantità di potenza che necessiti. Al tempo stesso, ciò comporta una riduzione delle prestazioni a causa dell’utilizzo a lungo termine, e soprattutto una limitazione nei movimenti. Dovrai sempre gestire il tuo spazio in base alla lunghezza del cavo, facendo attenzione che quest’ultimo non si impigli o si incastri nei vari ostacoli, che possono essere rappresentati anche da alberi e siepi. Consigliamo questi modelli ha chi cerca una potenza maggiore, magari per combattere contro erbacce particolarmente grosse e stoppose.

I tagliaerba a batteria sono quelli che invece ti offrono maggiore libertà di movimento. Non dovrai infatti preoccuparti della distanza fra la presa della corrente e gli angoli più nascosti del tuo giardino, poiché ad alimentare l’attrezzo ci penserà una pratica batteria interna. Ovviamente questo comporta un utilizzo influenzato dall’autonomia della batteria. Per questo consigliamo un modello dotato di batteria al litio, la cui tecnologia risulta essere al momento la più efficiente dal punto di vista delle prestazioni. Ciò inoltre elimina definitivamente il fastidioso effetto memoria. La potenza di questi dispositivi è buna, si aggira intorno ai 36 V, quindi sono ideali per giardini non troppo grandi e per dei prati dall’erba non troppo robusta.

Materiali più usati

Ovviamente i materiali influiscono sempre sulla robustezza di un prodotto. Per questo è importante verificare sempre quali sono i componenti più usati per l’attrezzo che stia per acquistare.

L’elemento più importante sono sicuramente le lame rotanti. In questo caso, gli esperti consigliano sicuramente l’acciaio inox, in quando è la scelta migliore per assicurarsi di star acquistando un modello che duri davvero nel tempo e sia in grado di affrontare anche l’erba più alta e ostica. Da non sottovalutare nemmeno i materiali usati per le ruote, e per la copertura del cavo elettrico. Questi elementi conferiscono maneggevolezza e sicurezza, soprattutto nei modelli alimentati ad elettricità!

Costi e prezzi

Come sempre, il mercato è in continua evoluzione e non è facile enunciare precisamente dei costi. Quando compri un tagliaerba, confronta bene i prezzi di tutti i modelli che ti interessano. Al tempo stesso, non farti condizionare troppo da questi numeri: anche un tagliaerba economico potrebbe rivelarsi perfetto per le tue esigenze. Generalmente i modelli meno costosi rientrano in una fascia di prezzo che va dai 60 euro ai 100 euro e sono per lo più modelli alimentati a rete, quindi con una potenza ridotta e dedicata a giardini di piccole dimensioni e cortili. Per i modelli più grandi e tecnologicamente avanzati, i prezzi possono arrivare anche a 200 euro, e sfiorare il tetto addirittura dei 500 euro. Ciò dipende da una potenza maggiore, e anche da diverse funzionalità. In ogni caso consigliamo l’acquisto di questi modelli sofisticati solo se hai un giardino davvero grande. In caso contrario, per superfici di medie dimensioni, i prezzi si aggirano intorno ai 100 euro e i 190 euro. Il consiglio quando acquisti un tagliaerba, quindi, è sempre quello di non soffermarti subito sui prezzi, in quanto troverai sicuramente qualcosa di adatto a te, anche in caso di budget limitato.

Consigli d’uso

Abbiamo già analizzato le diverse implicazioni di questi tagliaerba, e di come la scelta prima di un acquisto sia influenzata da diversi fattori. Diamo adesso un’occhiata ai consigli per utilizzarli al meglio, così da ottenere sempre il massimo dalle prestazioni del modello che hai infine scelto!

Ovviamente molte di queste accortezze sono dettate dal buon senso. Per gli aspetti più tecnici, come al solito, ti rimandiamo al manuale di istruzioni. Esso va letto attentamente e compreso prima di utilizzare il dispositivo, e va poi conservato in un posto che sia facilmente accessibile, così da poterlo consultare in caso di dubbi improvvisi o guasti. Esso inoltre speso fa fede per usufruire della garanzia offerta dall’azienda produttrice.

Per prima cosa, devi comprendere perfettamente le dimensioni della zona verde su cui andrai a lavorare. Questo aspetto è fondamentale e influenzerà tutto il resto, ed è quindi un punto di partenza invalicabile. La presenza di ostacoli naturali, quali alberi o siepi, o artificiali quali marciapiedi e muri, influenzerà inoltre l’eventuale scelta di un modello elettrico, che ha tra i suoi svantaggi la lunghezza del cavo e la sua tendenza ad incastrarsi in questi ostacoli. Inoltre, non sempre in giardino si ha a portata di mano una presa di corrente!

Occhio all’altezza delle lame: essa va impostata ed eventualmente modificata nel tempo in base al tipo di prato su cui andrai a lavorare. Per effettuare queste modifiche generalmente basta agire sulla leva laterale, o sul sistema apposito collocato nella parte inferiore della macchina. Sembra quasi banale dirlo, ma è sempre bene sottolinearlo: prima di procedere a questa operazione, assicurati che la macchina sia spenta! In caso di modelli elettrici, inoltre, stacca sempre la presa d corrente.

Per i modelli a scoppio, alimentati a carburante, è bene sempre controllare lo stato di quest’ultimo dopo ogni utilizzo. In questo modo non rischierai di ritrovarti con la macchina a secco e magari senza scorte di carburante! Lo stesso procedimento va fatto con l’olio, indispensabile per assicurare un corretto funzionamento degli ingranaggi. Ricorda di tenere le scorte di olio e carburante in un luogo asciutto, lontano da bambini e animali domestici o roditori, e soprattutto in un luogo in cui non possa inquinare la natura. In commercio troverai comunque delle apposite taniche studiate per questo utilizzo. Per fortuna molti modelli hanno u carburante che dispone già d diversi livelli e che ti aiutano a comprendere quanto carburante o olio siano rimasti.

a proposito di ambiente circostante, è bene che anche il prato su cui andrai a lavorare sia posto in uno stato di assoluta sicurezza. Libera il campo da ogni ostacolo che possa intralciare il tuo lavoro e incastrarsi intorno al cavo del tagliaerba o, peggio, tra le sue lame! Cerca sempre di lavorare quando non ci sono bambini o animali domestici nei paraggi, così da poterti dedicare completamente al tuo lavoro senza distrazioni e pericoli per te e chi ti circonda.

In ogni situazione, sfrutta sempre le tue lame per un più preciso lavoro di rifinitura. Molte macchine dispongono di una lama più ampia nella parte inferiore della struttura, che consente di ottenere lavori di maggior precisione soprattutto in posti particolari, quali accanto ad un muretto o all’altezza di una siepe. Studia il terreno su cui andrai a lavorare e visualizza preventivamente nella tua mente quali e quanti passaggi conti di fare, così da ottimizzare il tuo lavoro e ottenere un risultato perfetto.

Abbiamo già parlato della pulizia del macchinario, ma ribadiamo ancora una volta l’importanza della manutenzione. Rimuovi sempre tutte le parti erbose che possono bloccarsi all’interno delle pale o tra le lame. Ciò va fatto preferibilmente subito dopo l’utilizzo, in quanto l’erba sarà ancora fresca e quindi più facile da rimuovere. Solo in questo modo potrai assicurare un corretto funzionamento della macchina e prevenire eventuali danni eccessivi che l’erba ed il terreno incastrati potrebbero causare a lungo termine.

Dopo ogni utilizzo, e a fine stagione, riponi il macchinario in un luogo asciutto e pulito. Abbi prima cura di procedere ad una manutenzione e ad una pulizia finali, svuotando il serbatoio della benzina e dell’olio da eventuali residui. Per smaltire questi ultimi, rivolgiti ad un professionista, così da essere sicuro di non inquinare l’ambiente e soprattutto non ricevere salatissime multe. Come misura aggiuntiva, gli esperti consigliano di coprire il macchinario con un telo, così da tenerlo maggiormente al riparo da polvere e agenti atmosferici.

Ultime ma non per importanza sono le maniglie. Nei modelli semiautomatici, sarai costretto a spingere il macchinario per procedere alle operazioni di taglio. Per questo motivo è importante che il maniglione, o le maniglie, siano ergonomiche e comode da usare, anche in caso indossassi dei pesanti quanti da lavoro. Inoltre, idealmente l’altezza di queste maniglie deve essere regolabile, così da non affaticare la tua schiena e non obbligarti ad una postura scorretta.

 

1. Einhell BG-EM 1743 HW Recensione

Recensione:

Einhell, azienda leader nell’hobbistica e nel fai da te, sbaraglia ancora una volta la concorrenza, e si aggiudica nella nostra classifica il primo posto fra i prodotti più venduti dell’anno. Non a caso questo tagliaerba elettrico è stato premiato dalle opinioni dei consumatori ma anche dei professionisti del settore e siamo più che sicuri che si tratti del miglior tagliaerba del 2019!

tagliaerba

Nonostante l’assenza dei pettini per orientare i fili d’erba verso le lame, le operazioni di taglio si dimostrano pratiche e veloci. L’ampiezza di taglio è di 43 cm, una delle maggiori attualmente in commercio. Inoltre potrai scegliere fra ben 6 diverse impostazioni per regolare la lunghezza di taglio. È presente una leva laterale per gestire questa lunghezza, da un minimo di 20 mm ad un massimo di 70 mm.

La potenza massima del motore è di 1700 watt, quindi potrai servirti di questo dispositivo anche per superfici molto grandi, addirittura fino ad un massimo di 700 mq. A proposito di alimentazione, che è appunto elettrica, segnaliamo la presenza di una presa di tipo Schuko, cioè “tedesca”, e potrebbe essere necessario un adattatore.

Il peso totale del dispositivo è di 13,68 km, e le ruote (che non sono gommate) hanno un diametro di 235 mm quelle posteriori e 170 mm quelle anteriori. Molto confortevole il maniglione, che è unico, ed è necessario tenere costantemente premuto l’interruttore per poter azionare il motore. Avrai piena libertà di regolare in altezza il maniglione, così da poter sempre mantenere una postura corretta e proporzionata alla tua altezza.

La capacità del serbatoio è di 52 litri, e ancora una volta si riconferma quindi il prodotto perfetto per superfici di grandi dimensioni! Le emissioni sonore arrivano purtroppo a 96 dB, e consigliamo quindi di indossare delle cuffie di sicurezza durante l’uso.

Cosa aspetti? Corri a provarlo!

Vantaggi:

  • Adatto anche a grandi superfici
  • Serbatoio molto capiente
  • Impugnatura regolabile in altezza

Svantaggi:

  • Potrebbe risultare pesante
  • Le ruote non sono gommate

 

2. Bosch ARM 32 Recensione

Recensione:

che tu sia un appassionato di hobbystica o un semplice curioso, siamo sicuri che conoscerai già Bosch. Fin dall’avvento del primo trapano professionale, ormai diversi decenni fa, l’azienda è cresciuta tantissimo, diventando una delle realtà più grandi di diversi settori legati al fai da te ma anche ad utilizzi più professionali!

tagliaerba elettrico

Anche quest’anno, tra tante offerte di tagliaerbe, Bosch supera molti concorrenti agguerriti e si aggiudica un posto fra i brand più venduti dell’anno.

La prima cosa che spicca in questo modello è sicuramente il suo design, davvero molto bello e professionale. Esso si accompagna ad un’ottima maneggevolezza e ad una leggerezza che non affaticherà la tua schiena durante l’uso. Ovviamente l’altro lato della medaglia si traduce in dimensioni ridotte e non adatte a prati troppo grandi.

Il suo peso non supera i 7 kg, ed è quindi molto probabilmente il tosaerba elettrico più leggero attualmente sul mercato. Potrai quindi usarlo facilmente anche in corrispondenza di muri, marciapiedi e ostacoli di ogni genere. Grazie a queste dimensioni ridotte, inoltre, sarà molto facile riporlo dopo ogni utilizzo.

La potenza del suo motore Powerdrive è di 1200 watt massimi, e consente di ottenere risultati sempre perfetti. Dispone di innovativi pettini, realizzati proprio per permetterti di affrontare anche l’erba più alta. La larghezza del taglio è di 32 centimetri, mentre il serbatoio per la raccolta dell’erba è di 31 litri. L’apparecchio ti da anche la possibilità di regolare l’altezza del taglio, scegliendola fra le tre disponibili, che variano a loro volta da un minimo di 20 mm ad un massimo di 60 mm.

L’esecuzione di ogni operazione si rivelerà veloce e facile, e come già detto questo modello da del suo meglio soprattutto su superfici poco estese.

Bosch non sbaglia un colpo e vince il mercato anche quest’anno, con un prodotto tanto piccolo quanto potente, che conquisterà tantissimi consumatori!

Vantaggi:

  • Compatto e manovrabile
  • Poco ingombrante
  • Ottima precisione di taglio

Svantaggi:

  • Poco adatto su prati ampi

 

3. Vigor V-1033 Recensione

Recensione:

Vigor è uno dei maggiori esperti delle soluzioni tecnologiche dedicate al fai da te e all’hobbistica in generale. Da diversi anni sta ormai scavalcando molti dei brand storici, e siamo sicuri che l’azienda continuerà a darci ancora molte soddisfazioni in futuro. Essa comprende i migliori esperti ingegneri e non solo, che lavorano duramente giorno dopo giorno per offrirti sempre i prodotti migliori!

tosaerba

Tra i vari prodotti proposti dal brand quest’anno, spicca come miglior tosaerba questo modello V-1033. Si tratta di un rasaerba elettrico classico, indicato soprattutto per prati piccoli.

Ha una potenza massima di 1000 watt ed una lunghezza di taglio di 32 cm. Niente male, soprattutto considerata la fascia di prezzo! Il suo telaio è costituito essenzialmente in plastica perciò anche il rapporto qualità-prezzo si difende molto bene dai modelli concorrenti.

Dispone di un sistema di trasporto a trattorino, quindi con quattro ruote di cui due – quelle posteriori – più grandi, e ha una leva nei prezzi del manico per poterlo attivare. L’altezza di taglio va dai 25 mm ai 40 mm, e il cesto ha una capienza di 35 litri.

Sicuramente gli esperti Vigor hanno ideato questo modello per tutti quei consumatori che in un tagliearba cercano dei prezzi accessibili per tutte le tasche. È quindi un modello base, ma comunque di alta qualità, e vanta ovviamente la garanzia post acquisto offerta da un brand quale Vigor.

È indicato per giardini non più grandi di 50 metri quadri, quindi si dimostra piccolo e maneggevole e molto adatto anche per chi non ha mai usato un attrezzo del genere. Siamo sicuri che lo apprezzerai tantissimo, così come lo hanno fatto tanti altri consumatori che lo hanno già provato. Questo modello Vigor dimostra come semplicità e prezzi bassi possano comunque portare ad un prodotto performante e di qualità, che sa difendersi dagli standard molto alti della concorrenza!

Vantaggi:

  • Leggero e maneggevole
  • Prezzo concorrenziale
  • Capacità massima di 35 litri

Svantaggi:

  • Poco indicato con erba troppo alta
  • Materie prime non robustissime

 

4. Bosch Rotak 32 Recensione

Recensione:

Bosch continua a difendersi egregiamente dalla concorrenza, lanciando sul mercato un altro tosaerba elettrico davvero molto ben fatto, performante e facile da usare. Diamoci insieme un’occhiata più approfondita! È sicuramente un attrezzo molto valido, e potrebbe tranquillamente rappresentare il tuo prossimo acquisto. Noi ci sentiamo caldamente di consigliare questo attrezzo: leggero, maneggevole, facile da usare ed economico!

tagliaerba a scoppio

Si dimostra come un attrezzo dalle dimensioni contenute, e si colloca in una fascia di prezzo media, accessibile quindi a tutte le tasche. Si rivela quindi molto leggero e maneggevole, assolutamente non ingombrante. Per via delle sue dimensioni, è indicato soprattutto per giardini non molto grandi.

Il suo motore ha una potenza massima di 1200 watt, e vanta un’ampiezza di taglio di 32 cm. niente male, soprattutto considerando il prezzo! Ciò significa che sarà in grado di affrontare anche l’erba più alta e ostica.

Molto buono quindi il suo motore elettrico, che erogherà la sua potenza in maniera omogenea per un risultato sempre perfetto e molto preciso. Il cavo non è lunghissimo, ma questo piccolo problema è facilmente raggirabile acquistando una prolunga.

Va segnalata la presenza della maniglia per il trasporto a mano che, insieme al peso leggero della struttura, lo rendono molto facile da riporre dopo ogni utilizzo e dopo la bella stagione.

La capacità massima del serbatoio è di 31 litri, mentre le sue emissioni rumorose non superano i 93 dB. Sono fattori da tenere sicuramente in considerazione, ma che non rappresentano assolutamente nessun problema né ostacolo in un dispositivo per un uso domestico.

Niente male per questo prezzo, decisamente un prodotto che rappresenta tutta la qualità Bosch nonostante il prezzo piccolo e aperto a tutti, cosa che lo rende davvero un attrezzo ghiotto e da non lasciarsi scappare, dato che ha già conquistato tantissimi utenti!

Ti conquisterà fin dal primo utilizzo!

Vantaggi:

  • Leggero e maneggevole
  • Maniglia per il trasporto
  • Prezzo concorrenziale

Svantaggi:

  • Potrebbe risultare rumoroso

 

5. Bosch Rotak 37 Recensione

Recensione:

Questo modello Bosch Rotak 37 include una serie di utili novità nei prodotti già presenti nel catalogo del brand, fra cui la presenza di più lame in acciaio temprato, una posizione migliore di taglio, e soprattutto la possibilità di collegare l’apposito accessorio per il multimulch. In questo modo l’erba tagliata verrà rilasciato sul prato, andando a concimare le tue piante in modo naturale e gratuito.

rasaerba

Una delle caratteristiche di questo tagliaerba elettrico più apprezzate dalle opinioni dei consumatori è l’impugnatura Ergoflex, che permette una maneggevolezza senza eguali. Finalmente occuparsi del prato diventerà un lavoro rilassante, e la tua schiena non ne risentirà. Il peso totale del prodotto è di 11,2 kg, quindi abbasta leggero per poter essere scarrozzato su e giù per il tuo prato in tutta praticità e comodità. È tra l’altro uno dei tagliaerba più leggeri attualmente presenti sul mercato, soprattutto in questa fascia di prezzo!

Il dispositivo è completo di un cesto di raccolta di ben 40 litri: si tratta di una buona capienza, che ti permetterà di lavorare a lungo senza dover fare troppe pause per svuotare il sacco. È consigliato pe giardini grandi fino a 400 metri quadri. La sua potenza massima è di 1400 watt, mentre la lunghezza di taglio è di 37 cm. non manca un’apposita protezione contro il sovraccarico del motore.

Le posizioni per la regolazione dell’altezza sono ben 5, e l’altezza del taglio va dai 20 ai 70 mm. Ottime le ruote, che scorrono su qualsiasi tipologia di pavimentazione.

Da sottolineare l’efficienza dei pettini per l’erba, che ti permetteranno di tagliare anche in prossimità di bordi e ottenere sempre un lavoro dettagliato e certosino!

Insomma, tra le tante offerte di tagliaerba non potevamo non apprezzare questo modello Bosch Rotak 37, che sicuramente si fa notare per il suo ottimo rapporto qualità-prezzo!

Vantaggi:

  • Pettini per l’erba
  • Ottimo prezzo
  • Protezione contro il sovraccarico del motore

Svantaggi:

  • Potrebbe risultare troppo rumoroso