Migliori robot da cucina 2020

Il robot da cucina è uno tra gli elettrodomestici più potenti e versatili. Se scelto con cura, può durare addirittura per decenni e si farà carico dei compiti più gravosi al posto vostro. Tuttavia, è innegabile che sia anche uno degli accessori più costosi; proprio per questo motivo, è necessario valutare molti aspetti – dalle proprie necessità al budget – prima di scegliere. In questa guida, vi spieghiamo quali sono le funzionalità più importanti in un robot da cucina, e quali sono invece superflue. Abbiamo anche scelto e recensito i cinque migliori modelli per ogni fascia di prezzo. Non importa se siete chef neofiti o semi-professionisti, in questa lista troverete ciò che fa per voi.

 
Immagine
Nome
Valutazione
Controlla il prezzo

1. KitchenAid KSM175 Artisan – Il migliore nei test

Non avremmo mai pensato di usare il termine “iconico” per descrivere un elettrodomestico, ma quando si parla di robot da cucina, la maggior parte delle persone pensa al KitchenAid Artisan. Oltre ad essere bella, questa macchina è veloce, facile da pulire ed è in grado di gestire ogni compito, dall’impasto più solido alle meringhe. Potrete scegliere tra diverse tonalità di colore, che aggiungeranno un tocco di personalizzazione ad ogni cucina.

KitchenAid Artisan è un robot da cucina in grado di compiere lo stesso movimento orbitale della planetaria. Il suo motore da 300 W potrebbe sembrare più debole rispetto a quello dei concorrenti, ma la potenza è sufficiente per la maggior parte delle attività culinarie. I suoi controlli sono semplici ed intuitivi e si possono selezionare fino a 10 velocità attraverso un pulsante. Manca la modalità di avvio lento, ma secondo gli utenti la prima velocità la rimpiazza bene. Il recipiente è in acciaio inossidabile, ha una capienza pari a 4,8 litri ed è dotato di una grande e comoda maniglia laterale per una presa salda e sicura. È incluso un contenitore più piccolo da 3 litri, sempre in acciaio inossidabile, per preparazioni più modeste. Un aspetto che adoriamo è l’accessorio incluso per versare gli ingredienti e farli scivolare nel contenitore durante la fase di miscelazione.

Il robot KitchenAid può gestire fino ad un kg di farina (che più o meno equivale a due filoni di pane) e sbattere fino a 12 uova. Le quantità sono certamente sufficienti per tutta la famiglia e per qualche ospite. Nei test, il robot ha dato risultati eccellenti in qualsiasi compito: che si trattasse di lavorare uniformemente un impasto denso o di montare a neve i bianchi d’uovo, l’Artisan ha superato la prova a pieni voti. Inoltre, non oscilla, né si sposta lungo il piano di lavoro. Questo modello riesce a montare perfettamente anche un singolo albume nel contenitore più grande da 4.8 litri, il che dimostra che riesce a gestire anche le piccole preparazioni a regola d’arte.

Gli accessori inclusi sono la frusta a palloncino, lo sbattitore piatto, il gancio impastatore e la frusta dai bordi flessibili. Quest’ultima è particolarmente utile poiché pulisce quasi perfettamente i lati della ciotola, limitando al minimo lo spreco di ingredienti. Tutti gli accessori possono essere inseriti e rimossi facilmente. Ma le opportunità non finiscono qui. KitchenAid ha molti altri accessori tra cui scegliere, e c’è una fessura frontale per aggiungere praticamente ogni utensile: dal tritacarne, all’accessorio per fare la pasta, all’estrattore di succo.

Per quanto riguarda i punti deboli, lo svantaggio maggiore è che non dispone di una protezione da sovraccarico, e un utente distratto può rischiare di bruciare il motore. Inoltre, nonostante il prezzo notevole, questo robot da cucina non è tra i più resistenti. Se avete intenzione di impastare pane o pizza più di 1/2 volte a settimana, optate per un dispositivo più robusto. Alcune parti sono rivestite in nylon e questo le rende vulnerabili alle scheggiature, almeno in teoria. In realtà, la maggior parte degli utenti sostiene che siano abbastanza resistenti. Tenete presente che non tutti gli accessori sono lavabili in lavastoviglie, perciò leggete attentamente il manuale prima di procedere. Nel complesso, il robot Artisan potrebbe non essere il più duraturo in commercio, ma ha un design accattivante ed è abbastanza solido per assistervi al meglio nelle attività culinarie.

PRO

  • Design iconico
  • Movimento orbitale delle fruste
  • Buona scelta di accessori inclusi
  • Tanti accessori disponibili nella stessa linea (non inclusi)
  • Accessori lavabili in lavastoviglie

CONTRO

  • Costoso
  • Nessuna protezione da sovraccarico
  • Perfetto per fare il pane
  • Alcune parti sono rivestite in nylon

Specifiche tecniche

  • Potenza: 300 W
  • Peso: 10,65 kg
  • Capacità del contenitore: 4,8 l e 3 l
  • Dimensioni: 36 x 37 x 24 cm
  • Velocità: 10 velocità
  • Accessori inclusi: Frusta piatta, gancio impastatore, frusta a palloncino, frusta dai bordi flessibili, accessorio per versare ingredienti aggiuntivi
CONTROLLA IL PREZZO SU AMAZON.IT

 

2. Ankarsrum AKM 6230 – Il migliore per impastare

Nel mondo dei robot da cucina, l’Ankarsrum è come l’eroe leggendario delle favole: diverso da tutti gli altri, talvolta incompreso, ma coraggioso come pochi quando la situazione si fa dura (e non c’è niente di più difficile che mescolare grandi quantità di impasto per il pane).

A differenza di altri marchi, la Ankarsrum non cerca di imitare il design del modello KitchenAid. Al posto della sua testa voluminosa, l’Ankarsrum utilizza uno stretto braccio caricato a molla, e invece del movimento orbitale della planetaria, è la ciotola a ruotare per farvi ottenere un impasto uniforme. Il contenitore da 7 litri in acciaio inossidabile può contenere fino a 5 kg di impasto. Non è inclusa la protezione antischizzo; tuttavia, il design di questo robot da cucina fa in modo che nulla sfugga. Questa mancanza è compensata da un coperchio che copre perfettamente l’impasto, per farlo riposare una volta che la miscelazione è conclusa. I vantaggi dell’Ankarsrum sono numerosi: ha un design compatto che si sviluppa verticalmente, e aggiungere ingredienti mentre è in funzione è semplice. Se il contenuto inizia a salire troppo, potrete usare una spatola per spingerlo nuovamente verso il basso, senza bisogno di spegnere il robot e smontarlo. Nei test, questo elettrodomestico si è comportato molto bene anche per gli impasti più duri, come quello dei bagel o del challah (un tipo di pane usato per celebrare lo shabbat ebraico).

Il contenitore aggiuntivo da 3,4 litri di Ankarsrum è realizzato in robusta plastica Tritan senza BPA e può gestire fino a 18 albumi d’uovo. Questo non ruota; vi si aggancia uno strumento con doppia frusta al centro, in grado di ruotare attorno al suo asse e di garantire una tripla azione. Non c’è da meravigliarsi che, nei test, gli albumi d’uovo di Ankarsrum siano stati montati più velocemente che in qualsiasi altro mixer. Se si desidera acquistare gli accessori aggiuntivi, è necessario posizionare la macchina lateralmente per fissarli. Questo potrebbe sembrare strano, ma in pratica il funzionamento è efficace.

La velocità piò essere regolata da 45 a 130 giri al minuto e c’è un sensore che gestisce automaticamente il motore a seconda del carico di lavoro. Tutte le parti sono realizzate a regola d’arte in lega di alluminio e potrete scegliere tra diversi colori. La macchina resta ben salda e non si muove nemmeno quando è sottoposta a lavori pesanti. La Ankarsrum include anche un timer che può essere regolato da 1 a 12 minuti, di modo che sarete liberi di fare altro mentre il robot impasta per voi.

Per quanto riguarda gli aspetti negativi, alcuni utenti hanno segnalato che questo modello è complicato da utilizzare. Ci vuole del tempo per imparare a sfruttare tutte le sue funzioni, ma la pulizia è semplice. Chi ha compiuto uno sforzo per leggere il manuale di istruzioni e guardato i tutorial video difficilmente ha lasciato recensioni negative. Al contrario, molti riportano che più lo usano, più amano questo robot. Il secondo svantaggio è il prezzo. Tuttavia, considerato che il robot è assemblato a mano in Svezia con materiali di alta qualità e include una garanzia di 7 anni, crediamo che il costo sia più che giustificato. In tanti sostengono che questo elettrodomestico duri per molti anni. In conclusione, Ankarsrum non è solo un valido aiuto tra le mura domestiche, ma funziona bene anche per una piccola attività commerciale.

PRO

  • Motore potente
  • Movimento di miscelazione unico
  • Contenitore molto capiente
  • La maggior parte degli accessori si lava in lavastoviglie
  • Molti accessori disponibili
  • Compatto, soprattutto in altezza

CONTRO

  • Costoso
  • Ci vuole del tempo per imparare a usarlo

Specifiche tecniche

  • Potenza: 1500 W
  • Peso: 8,6 kg
  • Capacità del contenitore: 7 l e 3,5 l
  • Dimensioni: 36 x 40 x 26,8 cm
  • Velocità: Variabile
  • Accessori inclusi: Mattarello per impasto, gancio impastatore, raschietto per il contenitore, frusta a palloncino doppia, sbattitore piatto doppio, coperchio per il contenitore
CONTROLLA IL PREZZO SU AMAZON.IT

 

3. Kenwood KMX750 – Il miglior rapporto qualità prezzo

Solitamente, quando si tratta di robot da cucina, si ottiene la qualità per cui si paga. Questi elettrodomestici hanno bisogno di motori e accessori solidi, e i materiali incidono inevitabilmente sul prezzo finale. Il robot Kenwood KMX750 offre il miglior rapporto tra prezzo, design e qualità. Sebbene non sia il modello più economico in commercio, il costo è decisamente più basso rispetto alla concorrenza. Grazie al motore dal 1000 W e alla sua capacità di 5 litri, questo robot prepara fino a 1,35 kg di impasto e può montare 12 uova.

In generale, il Kenwood non spicca per il design, sebbene attiri sicuramente gli sguardi grazie alla sua lavorazione di alta qualità e all’aspetto vintage. Una volta acceso, non potrete che apprezzarlo ancora di più. Il selettore di velocità sembra piuttosto solido e offre abbastanza opzioni anche per le ricette più avanzate. C’è una modalità speciale per la piegatura, una velocità minima adatta a mescolare gli ingredienti secchi, una velocità massima per montare a neve e altre sei velocità comprese tra queste. Inoltre, KMX750 dispone della funzione Soft Start. Indipendentemente dalla velocità selezionata, il mixer inizierà a ruotare lentamente e aumenterà gradualmente la potenza per evitare schizzi o disordine. La macchina è pesante e non traballa; è anche dotata di piedini in gomma per una maggiore stabilità.

Nei test, il Kenwood è riuscito a gestire molto bene impasti piuttosto solidi, senza sprecare praticamente nessun ingrediente. Anche l’impasto delle torte è stato miscelato in modo rapido e uniforme, ed il robot è effettivamente in grado di montare 12 albumi come promesso nel manuale di istruzioni. Alcuni utenti hanno notato che la frusta a palloncino non raggiunge il fondo della ciotola e ciò può influire sulle prestazioni. Tuttavia, la posizione di questo strumento è regolabile, e nel manuale viene spiegato come fare. La frusta dovrebbe essere posizionata abbastanza in basso da toccare appena il fondo del contenitore. In base ai risultati di alcuni test, il KMX750 non si comporta bene quando si tratta di sbattere un solo albume: potrebbe essere colpa della frusta posizionata in modo errato, ma in ogni caso, il manuale raccomanda di utilizzare da 2 a 12 albumi con questo modello. Il robot Kenwood può certamente gestire pochi albumi, ma con quantità molto ridotte le sue prestazioni potrebbero non essere ottimali.

Per quanto riguarda gli accessori, sono pochi ma sufficienti per le preparazioni standard. Sono inclusi un gancio impastatore, una frusta piatta e una a palloncino, tutti realizzati in acciaio inossidabile. C’è una presa frontale a bassa velocità per inserire gli utensili extra; tuttavia, questi andranno acquistati separatamente. La gamma di opzioni è piuttosto nutrita, ma va detto che gli accessori non sono molto economici. Anche il contenitore è realizzato in acciaio inossidabile, ed ha una maniglia laterale ampia e comoda da impugnare. Tutti gli accessori si inseriscono e si bloccano facilmente; quello per versare gli ingredienti aggiuntivi ha un coperchio incernierato ed è realizzato in plastica. Quest’ultimo andrà aggiunto solo dopo aver fissato l’accessorio al robot, il che è un po’ strano. Alcuni utenti lo trovano scomodo, ma nel complesso, si tratta di un problema minore. Tutte le parti rimovibili del robot da cucina Kenwood sono lavabili in lavastoviglie, quindi la pulizia è rapida e senza sforzo.

Per quanto riguarda gli svantaggi, il robot KMX750 non è particolarmente silenzioso. Le vibrazioni aumentano per le operazioni più difficili, come ad esempio per gli impasti molto densi, e la struttura tende a muoversi. Consigliamo di attenersi alle indicazioni del produttore e di non andare oltre la prima velocità con impasti molto densi. Se fate spesso il pane o la pizza, un modello più solido potrebbe fare al caso vostro. Ma nel complesso, il Kenwood offre un ottimo rapporto qualità prezzo per le preparazioni quotidiane.

PRO

  • Stesso movimento della planetaria
  • Design accattivante
  • Prezzo relativamente conveniente
  • Tutti gli accessori sono sicuri in lavastoviglie
  • Molti accessori extra disponibili

CONTRO

  • Rumoroso quando ha a che fare con compiti difficili
  • Non è l’ideale per fare il pane

Specifiche tecniche

  • Potenza: 1000 W
  • Peso: 9,1 kg
  • Capacità del contenitore: 5 l
  • Dimensioni: 38,5 x 35,5 x 24 cm
  • Velocità: 9 velocità
  • Accessori inclusi: Sbattitore piatto, gancio impastatore, frusta a palloncino, accessorio per versare ingredienti extra
CONTROLLA IL PREZZO SU AMAZON.IT

 

4. Bosch MUM9D33S11 – Il miglior robot multifunzione

Dal momento che gli elettrodomestici da cucina sono ingombranti, ha senso scegliere un robot da cucina multifunzione. Oltre ad includere gli accessori standard, il modello della Bosch macina, affetta e sminuzza rapidamente gli ingredienti. Dotato di un motore da 1300 W e di esterni robusti in metallo opaco, questo robot può affrontare qualsiasi preparazione.

Occuperà un bel po’ di spazio nella vostra cucina, ma avrete una macchina solida, ben realizzata e resistente. Alla base ci sono delle ventose che lo rendono estremamente stabile, anche durante le operazioni più “movimentate”. Il produttore stima che riesca a gestire fino a 1,5 kg di farina e 12 albumi, e queste quantità si sono rivelate accurate nei test. Il robot Bosch riesce a miscelare velocemente ed uniformemente tutti gli ingredienti, senza lasciare residui sul bordo della ciotola. Questo modello, rispetto ad altri dello stesso marchio, funziona in modo diverso: invece che muoversi semplicemente in due direzioni opposte, cambia anche l’angolo delle fruste. La performance è rapida e il motore non mostra segni di affaticamento, neanche con gli impasti più solidi. Rispetto ai modelli della concorrenza, il robot Bosch ha bisogno di qualche minuto in più per montare gli albumi, ma il risultato è comunque eccellente.

Anche le funzionalità extra danno buoni risultati. La macina a disco funziona bene con la frutta secca e l’affettatore e l’accessorio per triturare si comportano egregiamente con le verdure, sebbene talvolta rimangano dei pezzi più grossolani – un problema comune in questo tipo di elettrodomestici. È possibile scegliere se tagliare le verdure più sottili o più spesse, perché sono disponibili due lati, ciascuno per un risultato diverso. La Bosch include anche molti accessori che possono essere acquistati a parte. Il robot ha diverse prese contrassegnate con colori diversi, così saprete dove vanno posizionati esattamente gli accessori extra.

Sia il contenitore da 5,5 litri che le fruste sono realizzati in acciaio inossidabile e sono a prova di lavastoviglie. L’accessorio per versare gli accessori è in plastica trasparente, ma ha un aspetto solido e un ampio scivolo per inserire gli ingredienti extra mentre il robot è in funzione. Inserire e rimuovere il contenitore e le fruste non è semplicissimo, soprattutto all’inizio, in quanto richiede un po’ di forza, ma diventerà più facile col tempo. Il robot è relativamente silenzioso, soprattutto a velocità elevate. Complessivamente, ci sono sette modalità tra cui scegliere e una funzione a impulsi.

A parte le difficoltà di inserimento degli accessori e le pecche del mixer, c’è poco di cui lamentarsi riguardo al robot Bosch: è un elettrodomestico di alta qualità, costruito per durare. Se avete abbastanza spazio in cucina, non vi deluderà.

PRO

  • Azione planetaria 3D
  • Design solido
  • Relativamente conveniente
  • Tutti gli accessori sono lavabili in lavastoviglie
  • Ottima scelta di accessori extra non inclusi

CONTRO

  • Costoso
  • Gli accessori si inseriscono con difficoltà
  • Il mixer per gli alimenti crea un po’ di spreco

Specifiche tecniche

  • Potenza: 1300 W
  • Peso: 10,1 kg
  • Capacità del contenitore: 5,5 l
  • Dimensioni: 39,5 x 31,7 x 22,2 cm
  • Velocità: 7 velocità + pulsazioni
  • Accessori inclusi: Frusta flessibile, gancio impastatore, frusta a palloncino, accessorio per versare ingredienti
CONTROLLA IL PREZZO SU AMAZON.IT

 

5. KitchenAid 5KSM7591X Heavy Duty – Il miglior robot con contenitore inclinabile

Sebbene i modelli tuttofare di KitchenAid siano i preferiti tra gli chef occasionali, purtroppo non sono abbastanza solidi per chi fa regolarmente il pane e la pizza. Qui entra in gioco il KitchenAid Heavy Duty: con il suo design in grado di inclinare il contenitore, una maggiore capacità e il motore più potente, è l’ideale per attività più complesse che l’Artisan non riuscirebbe a gestire al meglio.

Il design del modello Heavy Duty segue la tradizione degli elettrodomestici KitchenAid. Questo bellissimo robot da cucina rosso brillante bilancia la sua eleganza contemporanea con un tocco vintage. La differenza più significativa rispetto all’Artisan è la grande leva laterale che serve a sollevare e abbassare il contenitore. Alcuni utenti trovano questo design meno conveniente rispetto ai modelli con la testa reclinabile, ma è innegabile che la testa fissa rende il dispositivo più stabile ed elimina le vibrazioni nelle preparazioni più difficili. I test lo confermano; KitchenAid Heavy Duty può preparare fino a 3,8 kg di pasta o montare fino a 19 albumi in una volta sola.

Nei test, questo modello ha replicato le buone prestazioni del robot Artisan, addirittura superandole. Tuttavia, diversi utenti hanno segnalato che il dispositivo funziona in modo ottimale con quantità leggermente inferiori rispetto a quelle riportate sul manuale. Soprattutto nel caso di impasti particolarmente densi, è meglio limitarsi a preparare 2-3 filoni di pane per volta. Sebbene il motore abbia solamente 150 W in più rispetto al robot Artisan e le stesse 10 velocità, la differenza è notevole. L’Heavy Duty supera tutte le mancanze del suo fratello minore. È disponibile la modalità Soft Start, che permette un avvio più lento e meno schizzi. Il motore è anche dotato di una speciale protezione contro il sovraccarico che impedisce danni accidentali. Infine, c’è un sensore di velocità elettronico che regola automaticamente la torsione man mano che l’impasto diventa più denso.

Per quanto riguarda gli accessori, avremmo voluto vedere qualcosa in più, considerato il prezzo. In ogni caso, tutti i pezzi sono di alta qualità e possono essere lavati in lavastoviglie. Il contenitore in acciaio inossidabile ha una capacità di 6,9 litri e dispone di una comoda maniglia laterale. Il gancio è rivestito in nylon, ma ha un design a spirale per impastare in modo più efficiente. La frusta a palloncino ha 11 fili e ha una forma ellittica, perfetta per montare gli ingredienti morbidi in modo professionale. La frusta piatta non presenta particolari innovazioni, essendo di fatto uguale a quella del robot Artisan. Considerato il prezzo, crediamo che ci sarebbe dovuto essere anche un frustino flessibile per raschiare accuratamente il contenitore. In ogni caso, potrete sempre acquistare gli accessori extra a parte. L’attacco è compatibile con tutti gli accessori KitchenAid, aprendovi infinite possibilità di sperimentazione.

Indubbiamente, KitchenAid Heavy Duty è un robot interessante, che può vantare prestazioni e design eccellenti. Il suo svantaggio più evidente è sicuramente il prezzo: tenendo conto della potenza del motore da 500 W e dei pochi accessori inclusi (due dei quali con un rivestimento che potrebbe usurarsi), questo modello sembra più adatto a famiglie numerose o a cene occasionali, piuttosto che a cucine professionali. Se state cercando un robot da cucina affidabile con una grande capacità e adorate il design KitchenAid, questo elettrodomestico è la soluzione migliore. Ma se avete bisogno di un modello in grado di produrre grandi quantità di impasto, ci sono robot più robusti che costano meno.

PRO

  • Design iconico
  • Movimento orbitale delle fruste
  • Contenitore ampio
  • Tutti gli accessori sono lavabili in lavastoviglie
  • Ampia scelta di accessori extra
  • Altezza contenuta

CONTRO

  • Molto costoso
  • Alcuni accessori sono rivestiti in nylon
  • Ingombrante

Specifiche tecniche

  • Potenza: 500 W
  • Peso: 12,2 kg
  • Capacità del contenitore: 6,9 l
  • Dimensioni: 41,9 x 37,1 x 28,7 cm
  • Velocità: 10 velocità
  • Accessori inclusi: Frusta piatta, gancio impastatore, frusta a palloncino, accessorio per versare ingredienti
CONTROLLA IL PREZZO SU AMAZON.IT

 

Robot da cucina – guida all’acquisto

Considerato che i robot da cucina non sono economici e occupano abbastanza spazio, alcune persone preferiscono ripiegare su altri accessori. Se cercate un accessorio per montare le uova, schiacciare le patate o lavorare l’impasto delle torte, uno sbattitore elettrico o un minipimer possono soddisfare le vostre richieste: sono più leggeri e meno ingombranti.

Se invece i prodotti da forno sono la vostra passione, un robot da cucina è un elettrodomestico insostituibile. Il suo potente motore mescola gli ingredienti in modo rapido ed uniforme, offrendo i migliori risultati. Il robot è in grado di incorporare più aria quando monta gli albumi o miscela ingredienti liquidi; inoltre, è in grado di gestire impasti solidi come quello del pane o della pizza che – siamo onesti – non possono essere gestiti da nessun altro elettrodomestico. Infine, il vantaggio più significativo del robot da cucina è che vi lascerà liberi di occuparvi di altro mentre lui è al lavoro, proprio come se aveste un assistente tuttofare. Con i giusti accessori, il vostro robot sarà in grado di fare tutto: tritare, spremere, impastare e così via. Insomma, si tratta sicuramente di un aiuto validissimo.

Tipologie di robot da cucina

I robot da cucina possono essere suddivisi in due tipologie, a seconda di come viene inserito il contenitore. I modelli più comuni sono quelli con la testa reclinabile. La parte superiore può essere sollevata (nei migliori robot, è caricata a molla) per posizionare o rimuovere il contenitore. I modelli con testa reclinabile tendono ad essere più compatti e convenienti; ecco perché sono popolari per l’uso domestico. Tuttavia, sono più ingombranti in altezza e possono essere problematici da utilizzare se non avete molto spazio verticale. Anche per quanto riguarda la durata, questo design non è ottimale.

I robot da cucina in grado di sollevare il contenitore sono più grandi, più pesanti e più stabili. Sono dotati di una leva per inserire la ciotola e sollevarla verso le fruste, mentre la testa stessa rimane immobile. Questi elettrodomestici si trovavano solitamente nelle cucine dei professionisti; tuttavia, al giorno d’oggi, ci sono anche alcuni modelli pensati per l’uso casalingo. I robot di questo tipo possono gestire quantità maggiori e possono essere usati più frequentemente anche con impasti densi. Non hanno nemmeno bisogno di spazio extra verticale. Tuttavia, aggiungere ulteriori ingredienti o pulire i rimasugli dalla ciotola diventa più difficile: ogni volta che vorrete farlo, dovrete prima spegnere il mixer e staccare le fruste.

Mixare e mescolare

Una volta posizionata la ciotola, il passaggio successivo consiste nel miscelare bene gli ingredienti. In generale, i robot da cucina possono compiere due movimenti.

I più comuni sono i modelli che fanno un movimento planetario: l’attacco ruota in una direzione mentre l’albero si muove nella direzione opposta, proprio come la Terra orbita attorno al sole. Questa doppia azione garantisce una miscelazione più efficiente, il che significa che tutti gli ingredienti vengono mescolati e non dovrete raschiare i rimasugli ai lati della ciotola. Il movimento planetario funziona bene, indipendentemente dal tipo di frusta utilizzato.

Le impastatrici per fare il pane (talvolta chiamate impastatrici a spirale), utilizzano invece un meccanismo diverso. Il braccio non si muove ed è la ciotola a ruotare. Ciò consente una miscelazione molto più rapida, con meno attrito. L’impasto non aumenta di temperatura e lieviterà meglio. Le impastatrici a spirale non sono però adatte per montare a neve le uova; tuttavia, alcuni modelli come l’Ankarsrum sono sorprendentemente versatili.

Potenza del motore

La potenza del motore è espressa in watt ed è una delle informazioni che i produttori tendono a mettere in evidenza per prime. È facile pensare che più watt corrispondano a prestazioni migliori, ma la situazione è un po’ più complessa. Il design e la qualità del motore sono tanto importanti quanto il numero di watt. Ad esempio, i modelli KitchenAid hanno molti meno watt rispetto ai concorrenti della stessa fascia di prezzo; tuttavia, sono tra i migliori robot disponibili e tendono a durare nel tempo.

Se prevedete di usare il robot solo occasionalmente e per piccole preparazioni, un modello con pochi watt farà il suo dovere. Tuttavia, vi consigliamo di non scendere sotto i 250 W, che è il minimo se volete provare a fare anche biscotti e muffin, oltre a meringhe e pancake. Fate attenzione, perché i robot di questo tipo non sono adatti per la preparazione di pane e pizza. Potrebbero anche gestire il carico di lavoro occasionalmente, ma è probabile che il motore sarà messo a dura prova e che la durata ne risentirà.

Per chi ama fare il pane e la pizza di tanto in tanto, un robot di media potenza è la scelta giusta. In genere, 350 W sono sufficienti e il motore sarà abbastanza versatile per la maggior parte delle preparazioni; allo stesso tempo, modelli di questo tipo si mantengono in una fascia di prezzo conveniente. Questi robot sono l’ideale per chi prepara l’impasto del pane o della pizza non più di 1-2 volte a settimana.

Se invece avete bisogno di un modello che riesca a gestire impasti solidi in grandi quantità, vale la pena investire in un robot con un motore dai 600 W in su. Questi elettrodomestici sono dotati di contenitori ampi e resistenti e di una garanzia piuttosto estesa nel tempo. Il rovescio della medaglia è il prezzo alto; tuttavia, questi modelli sono insostituibili per chi ama pane e pizza fatti in casa.

Capacità

Proprio come la potenza espressa in watt, anche il numero di litri del contenitore tende ad essere fuorviante. Prima di tutto, non sarete mai in grado di riempire completamente la ciotola del robot senza fare disastri. Ecco dunque alcune indicazioni utili sulle dimensioni.

Se cucinate in piccole quantità, principalmente per 1-3 persone, un robot con capacità intorno ai 3 litri sarà sufficiente. Gli elettrodomestici da 4-5 litri sono l’ideale per famiglie di medie dimensioni e per un lavoro extra occasionale quando si hanno ospiti. I robot con capacità oltre i 6 litri sono ideali per le grandi preparazioni; tuttavia, i modelli migliori gestiranno anche piccole quantità.

In generale, è più utile conoscere la quantità di ingredienti che un particolare robot da cucina può gestire. I produttori tendono a dare stime che di solito si rivelano piuttosto affidabili, come ad esempio il numero massimo di albumi, il numero di filoni di pane o il peso della farina. Queste quantità sono calcolate tenendo conto della potenza, del design e della capacità del mixer. Provate a cercare queste informazioni nelle recensioni o nella descrizione del prodotto, per avere un quadro più preciso delle porzioni che riuscirete a preparare.

Il peso è importante

Di solito, gli elettrodomestici più leggeri sono una scelta migliore, ma i robot da cucina fanno eccezione. Un design più pesante impedirà al vostro robot di muoversi quando è in funzione, quindi possiamo dire che più peso corrisponde ad una qualità maggiore, anche perché spesso le parti sono realizzate in materiali più robusti. Queste macchine non sono pensate per essere messe via e tirate fuori spesso, ma per stare sul bancone della cucina. Se per voi non è un’opzione praticabile, ci sono anche modelli più leggeri con piedini in gomma per una maggiore stabilità.

Fast & Furious? No, grazie

Per quanto riguarda le prestazioni, il vostro robot necessità solamente di tre velocità: bassa per mescolare gli ingredienti e impastare, media per un’azione più energica, e alta per montare a neve e sbattere gli ingredienti. Ulteriori opzioni sono fondamentalmente una variazione di queste tre, ma possono essere utili nelle ricette più elaborate.

I nostri preferiti sono i modelli con una modalità di avvio lento, automatica o manuale che sia. In questo caso la velocità aumenta gradualmente, impedendo che la farina schizzi ovunque nella vostra cucina. Altre opzioni extra come la modalità a pulsazioni o la pausa possono essere utili per alcune ricette, ma non sono essenziali.

Gli accessori

Quasi tutti i modelli attualmente sul mercato includono almeno tre accessori fondamentali. Eccoli:

  • Frusta piatta: talvolta chiamata anche frusta a foglia, è un accessorio ottimo per miscelare gli impasti delle torte o per schiacciare le patate. La sua forma particolare permette di mescolare meglio gli ingredienti e include una o due sbarre interne per un maggiore supporto. Nei robot Kenwood, questo accessorio ha la forma di una K, per questo viene anche chiamato K-tool. Indipendentemente dal nome, si tratta di uno degli accessori più utili per chi possiede un robot da cucina.
  • Gancio impastatore: di solito ha una forma a J oppure a spirale e viene usato quasi esclusivamente per gli impasti più solidi, come quelli del pane, della pasta o della pizza. Il gancio spinge l’impasto lateralmente o sul fondo del contenitore, assicurando che tutti gli ingredienti siano incorporati.
  • Frusta a palloncino: composta da varie aste metalliche, la frusta a palloncino viene usata per montare le uova o la panna e per preparare creme. La sua forma particolare permette di incorporare più aria, ma non va bene per gli impasti più solidi, e quasi sempre dovrete lavarla a mano.

Per ottenere risultati migliori, raccomandiamo anche i seguenti accessori:

  • Accessorio per ingredienti extra: questo piccolo oggetto è il modo migliore per versare ingredienti aggiuntivi e ridurre al minimo il disordine. Solitamente realizzato in plastica trasparente, si aggancia saldamente alla ciotola in modo che nulla sfugga. Alcuni di questi accessori hanno un coperchio incernierato o un piccolo scivolo per facilitare l’aggiunta di ingredienti durante il processo di miscelazione.
  • Frusta con bordi flessibili: questo strumento è molto simile alla frusta piatta; tuttavia, uno o entrambi i lati sono ricoperti di silicone o gomma per raschiare via ogni residuo dai bordi del contenitore. La frusta con bordo flessibile è particolarmente utile per ricette che richiedono ingredienti come panna, burro o miele, che tendono ad attaccarsi ai lati della ciotola e non vengono incorporati nella preparazione.
  • Contenitori extra: sono molto utili per preparazioni multiple. È una buona idea anche avere ciotole di diversa capienza, se il vostro modello di robot lo consente. La maggior parte dei contenitori è realizzata in acciaio inossidabile, ma sono disponibili anche opzioni in vetro e ceramica. Indipendentemente dal materiale, è preferibile utilizzare ciotole con manici, poiché possono essere trasportate e utilizzate più facilmente.

Infine, la maggior parte dei marchi vi consentirà di acquistare una vasta gamma di accessori extra a parte: dal tritacarne all’estrattore di succo, dai rulli per pasta alla gelatiera. Di solito, questi extra tendono ad essere costosi. Per questo motivo, meglio pagare un po’ di più ma acquistare un modello che abbia già inclusi tutti gli accessori che siete certi di utilizzare. In fondo, gli accessori extra occuperanno spazio nella vostra cucina (sono meno ingombranti di ulteriori elettrodomestici, ma comunque ingombranti), quindi non investite in set completi se non ne avete davvero bisogno.

Consigli per la manutenzione

Per assicurare una vita lunga e felice al vostro nuovo robot è necessario che ve ne prendiate cura al meglio. Questi sono alcuni consigli che garantiscono performance eccellenti e risultati straordinari.

  • Per prima cosa, leggete attentamente il manuale; non importa quanto noioso sia questo compito. Le istruzioni contengono informazioni cruciali circa le quantità massime di ingredienti che il vostro dispositivo può gestire e le velocità consigliate per le varie preparazioni. Alcuni modelli includono una protezione da sovraccarico che spegne il dispositivo automaticamente prima che il motore si danneggi, ma in ogni caso, non dovreste mai superare le velocità, le quantità e i tempi consigliati.
  • Il manuale vi spiegherà anche come prendervi cura degli accessori. Sebbene molti di questi siano lavabili in lavastoviglie, alcuni utensili più complessi possono essere puliti solamente a mano. Anche se c’è il via libera per la lavastoviglie, controllate sempre quali programmi potete usare.
  • Tutti i robot da cucina vanno strofinati regolarmente con un panno morbido per pulire il rivestimento esterno. Il metallo lucido mostrerà più impronte digitali e segni rispetto al metallo colorato o alla plastica: tenetelo a mente, se non amate fare le pulizie.
  • Controllate la distanza tra la frusta ed il contenitore. La prima deve trovarsi molto vicina al fondo della ciotola per poter mescolare efficientemente tutti gli ingredienti e non lasciare residui. Se la distanza vi sembra troppa o troppo poca, verificate come modificarla nel manuale.
  • Se il vostro modello non ha la funzione Soft Start, avviate sempre il robot a velocità minima e aumentatela in un secondo momento. In questo modo eviterete che gli ingredienti schizzino ovunque.
  • Se avete bisogno di incorporare eventuali residui laterali, spegnete sempre prima il robot, o mettetelo in pausa, così non danneggerete gli accessori.

Conclusioni

Il robot da cucina è certamente un investimento non da poco, ma vi farà risparmiare tempo e fatica. Con una macchina efficiente che si fa carico dei compiti più impegnativi, avrete le mani libere per imburrare gli stampini, decorare le vostre creazioni o semplicemente preparare la tavola. Con l’ampia scelta di accessori disponibili sarete in grado di preparare tutte quelle ricette che sinora erano off-limits.

In questa guida abbiamo cercato di includere i migliori modelli per tutte le fasce di prezzo e in grado di gestire carichi di lavoro variegati. Riteniamo che la scelta migliore per la maggior parte delle persone sia il KitchenAid Artisan, mentre coloro che impastano di frequente e apprezzeranno la potenza dell’Ankarsrum 6230.

Clicca per votare questo post!
Totale: 0 Media: 0
Back to top button
Close