Avete bisogno di un passeggino gemellare? Anzi, addirittura Madre Natura o chi per essa è stata così generosa dal farvi accogliere in casa tre gemelli e avete bisogno di un passeggino trigemellare?

Niente paura, mentre i gemelli con le nostre nonne o venivano piazzati nella stessa carrozzina o si trovavano in due carrozzine diverse per i più ricchi, ora è molto più facile comprare uno stesso mezzo di trasporto omologato per più bambini.

E dobbiamo anche dire che ci sono un bel po’ di modelli, tutti molto interessanti, sia leggeri che più robusti e sia da due che da tre gemelli.

Penso che la prima cosa che si debba vedere, in un passeggino gemellare, è proprio la struttura, per capire quale sia più comoda per noi e anche quale logistica ci sembra più interessante per le nostre esigenze. Infatti questi passeggini possono essere usati o per gemelli o per fratelli che sono nati a poca distanza e sempre mantenendo ognuno nel proprio seggiolino, senza scomodità.

Infatti tutti questi passeggini hanno differenti posizioni del seggiolino: si possono avere l’uno accanto all’altro o una davanti e uno dietro come in un trenino.

passeggino gemellareVa detto che il trenino è un passeggino gemellare che ha i seggiolini messo l’uno dietro l’altro, come se ci trovasse in un treno. Questi modelli che sono molto comodi, hanno le sedute che possono essere messe in varie posizioni: infatti possono essere entrambe fronte strada, ci si può sedere guardandosi in faccia, un’altra volta si può provare a metterli tutti e due girati verso colui o colei che li portano.

Ovviamente il modello è molto più facile da portare perché è lungo e stretto, quindi si può portare anche in quelle che sono passaggi un po’ meno larghi.

Poi abbiamo anche quel modello definito affiancato, in cui, ovviamente, le sedute dei due bambini sono messe l’una accanto all’altra, come se ci si trovasse davanti delle poltroncine di un cinema. Il modello ha sicuramente una posizione pari in cui i piccoli hanno entrambi una stessa visuale di ciò che accade visto che sono affiancati ma lo svantaggio è che la struttura è parecchio larga, quindi già un vicolo o un portone stretto o un posto affollato diventa molto più scocciante da vivere.

Questo tipo di struttura, però, riesce a rendere molto comoda la seduta del bambino grazie anche al fatto che si stia parlando di un modello che può essere reclinato e che quindi può diventare un comodo giaciglio per far riposare il nostro piccolo. Non si può, però, non pensare al fatto che il passeggino sia un po’ troppo ingombrante per essere portato in dei centri storici di città poco adatte, con dei marciapiedi piccoli.

Qualsiasi tipo di struttura pensiamo di comprare abbiate sempre in mente di comprare un modello robusto, costruito con materiali resistenti e imbottito con tessuti anallergici. L’importante è che sia perfetti per le nostre esigenze, che sia proprio quello che vogliamo sia per stare più tranquilli noi che per i nostri piccoli.

 

Ulteriori letture