Cos’è una levigatrice orbitale e come funziona

Ogni appassionato di fai da te sa bene che esiste tutta una serie di strumenti assolutamente indispensabili per poter completare anche i lavori più difficili. Fra essi figura sicuramente la levigatrice. Questo attrezzo serve per rimuovere ogni irregolarità e a lucidare al tempo stesso oggetti in metallo o in ceramica. È uno strumento davvero utile, e serve poca pratica per averne padronanza.

Sul mercato potrai trovare diversi tipi di levigatrici, tutti dedicati a lavori diversi, e ovviamente riproposti sia per i professionisti che per gli hobbisti. Sicuramente entrambe le categorie hanno esigenze diverse, ed ovviamente dovrai capire fin da subito cosa vuoi fare con la tua nuova levigatrice e quanto sei confidente nelle tue capacità di usarla o di imparare a farlo.

Tutte queste offerte per una levigatrice orbitale potrebbero quindi inizialmente confonderti. È per questo che abbiamo stilato questa dettagliatissima guida all’acquisto, che ti fornirà tutte le informazioni necessarie a concludere un ottimo affare per te ed i tuoi hobby! Diamo subito un’occhiata, così sarai pronto ad affrontare il tuo nuovo acquisto.

Tipologie di levigatrice

Come già accennato, sul mercato troverai tante tipologie di levigatrice orbitale, e altrettanti prezzi differenti. Avere le idee chiare su queste differenze ti aiuterà a concludere un buon acquisto, e a sapere quale dei tanti modelli in vendita corrisponda meglio alle tue esigenze.

Ciò che accomuna tutte le tipologie di attrezzo, comunque, è sicuramente il suo movimento oscillatorio e rotatorio, lo stesso che ne gestisce la potenza e permette di limare e smussare. Al di là di ciò, esistono ben tre categorie diverse di levigatrici: portatili, a nastro e orbitali. Ad una prima occhiata potrebbero sembrarti relativamente simili, ma l’utilizzo pratico rivela poi decise differenze che cambieranno sicuramente il tuo approccio al loro utilizzo.

I modelli a nastro sono espressamente rivolti al mercato dell’hobbistica, e sono sicuramente più leggeri e pratici da usare. Il loro punto di forza è proprio la maneggevolezza, ma ovviamente non si prestano bene a lavori troppo lunghi o pesanti. I modelli a nastro sono invece quelli adatti ai lavori più grossolani, come ad esempio la rimozione di eccesso da un materiale e la conseguente rifinitura. Come vedi, si tratta di modelli che all’apparenza sono simili, ma si trovano invece ai due antipodi.

La levigatrice orbitale elettronica, invece, rappresenta la giusta via di mezzo fra questi modelli. Sono sicuramente più pesanti e impegnative di un modello portatile, ma al tempo stesso risultano molto versatili e permettono di rimuovere ampie quantità di materiale. In generale sono particolarmente adatte al letto. Sulle orbite di queste macchine vengono applicate delle carte abrasive, la cui grana ovviamente varia a seconda della profondità di levigazione che vuoi ottenere e della durezza del materiale su cui andrai a lavorare.

Questi strumenti presentano anche dei fori, sempre nelle orbite, ed aspirano automaticamente la polvere prodotta. Ciò significa maggior sicurezza e maggior pulizia, un piccolo sogno che si avvera per molti hobbisti!

Adesso scopriamo di più riguardo al movimento orbitale.

Cos’è il movimento orbitale

Come abbiamo già visto, la levigatrice è un elettroutensile usato in hobbistica o in ambito professionale per smerigliare, levigare e lucidare diversi tipi di superficie. Essa può quindi essere usata con ceramica, legno, metallo, plastiche, ma anche vetroresine e diversi materiali. Si tratta quindi di uno strumento molto versatile, usato però più comunemente nei processi di rifinitura.

La levigatrice rotorbitale è una particolare variante di questo utensile, che si contraddistingue per una maggiore maneggevolezza, che non ne intacca però la potenza. Rotorbitale è un sinonimo di orbitale, perciò potrebbe capitarti di incontrare entrambe le parole, che hanno quindi lo stesso significato.

A differenza di altri modelli, essa genera un movimento cosiddetto orbitale, che le permette di usare i suoi dischi abrasivi al posto dei nastri, ben più ingombranti. Inoltre, questi ultimi richiederebbero una meccanica troppo complessa per un uso domestico e soprattutto hobbistico, e si rivelerebbero troppo potenti comportando un consumo di energia spropositato.

Questa soluzione permette quindi alla levigatrice di ridurre il peso e l’ingombro, offrendo maneggevolezza, praticità e più sicurezza. Ovviamente ciò non significa assolutamente che tu non debba indossare ugualmente tutta l’attrezzatura di sicurezza mentre usi questi strumenti. Lavorare in piena sicurezza resta sempre la maggiore priorità, e ogni hobbista lo sa bene.

La grandezza delle orbite varia da 1 a 10 millimetri, a seconda del modello, e potrebbe essere anche possibile variarne la velocità nel corso dell’utilizzo. Quest’ultima funzione è presente soprattutto nei modelli semiprofessionali, o comunque più sofisticati da usare, e di conseguenza più costosi. Se usi molto la levigatrice, però, questa caratteristica si rivelerà indubbiamente molto utile.

Va sottolineato che questa trasmissione del movimento non è diretta, ma avviene attraverso un apposito cuscinetto. In questo modo il disco abrasivo gir su se stesso e aggiunge il proprio movimento rotatorio a quello orbitale. La combinazione di entrambe le energie generate permette di ottenere delle rifiniture e delle levigature perfette in tempi relativamente brevi.

Anche grazie a ciò, le applicazioni a livello domestico e professionale di questa macchina sono molteplici, e tutte molto facili. Basta montare dei dischi abrasivi di tipologia e grana differente per poter non solo lucidare, ma anche smerigliare ad esempio del legno, e svolgere così la manutenzione di mobili da giardino o altri oggetti.

Ma come scegliere la levigatrice rotorbitale più adatta a te? Scopriamolo nel prossimo paragrafo ricchissimo di consigli e informazioni!

Come scegliere la levigatrice orbitale più adatta a te

Uno dei primi fattori da tenere assolutamente in considerazione è la potenza. Sul mercato troverai modelli di levigatrice orbitale professionale da 2200 watt, o alternative da soli 200. Prima di scegliere, dovrai quindi effettuare le opportune valutazioni: un modello troppo potente potrebbe rivelarsi sovradimensionato per un uso domestico e hobbistico, ma anche un’alternativa troppo leggera potrebbe non permetterti di concludere il tuo lavoro.

Una discriminante che può aiutarti nella scelta è sicuramente la frequenza d’utilizzo. Da non sottovalutare anche la tipologia di materiali su cui conti di operare più spesso, e la loro durezza. Gli esperti consigliano sempre infatti di considerare quest’ultima direttamente proporzionale alla potenza del motore. Questi dati sono tutti opportunamente indicati sulla confezione di ogni modello, ma in caso di dubbi potrai sicuramente chiedere spiegazioni ad un esperto in materia o consultare le tante guide presenti gratuitamente online.

Per quanto riguarda l’alimentazione dell’attrezzo, potrai scegliere fra modelli che funzionano esclusivamente a corrente elettrica, o altri che funzionano anche a batterie. Le prime sono indicate per un uso più professionale, che richiede ovviamente più energia e più potenza. Per un uso hobbistico e domestico, una soluzione a batterie potrebbe rivelarsi più maneggevole e comunque abbastanza potente. Entrambi i modelli però comportano una dipendenza, sia essa dalla lunghezza del cavo che dall’autonomia delle batterie. È un fattore da considerare e che influenzerà la modalità e le tempistiche del tuo lavoro, sia nel bene che nel male.

Oltre alla tipologia di lavoro che conti di effettuare più spesso, dovresti tenere in considerazione anche il tipo di abrasivo che questi attrezzi utilizzano per eseguire la loro operazione di levigatura. I modelli più economici funzionano ad esempio con semplice carta vetrata (la cui grana può essere grossa, media o fine a seconda del tipo di superficie da trattare).

Se conti di avere a che fare soprattutto con superfici metalliche, è meglio usare una tela smeriglio. Altrimenti, del carburo di silicio o del carburo di tungsteno si riveleranno perfetti per sverniciare e per completare anche dei piccoli lavori professionali.

Differenze fra levigatrici orbitali

Ebbene sì, anche le levigatrici orbitali non sono tutte uguali. Le prime differenze si notano sicuramente a livello di qualità, ma anche dal punto di vista della fabbricazione e ovviamente delle prestazioni esistono sul mercato diverse alternative.

L’ideale sarebbe mantenersi su un prodotto di fascia media, che coniughi una qualità discreta ad un prezzo no troppo alto. Come abbiamo già visto, dovrai considerare fattori quali potenza, eventuale possibilità di regolare la velocità e magari anche la presenza degli accessori. Quando tutti questi fattori sposano le tue esigenze, allora sai di aver trovato il modello giusto!

I prodotti di fascia medio bassa offrono una potenza che varia dai 200 ai 2200 watt, pienamente sufficienti per individuare la miglior levigatrice orbitale per le tue esigenze. Ciò si traduce n una velocità che va dai 7500 ai 17500 giri al minuto. Ovviamente maggiora la velocità di giri, minori saranno le tempistiche richieste per il lavoro da completare, ma al tempo stesso la levigatrice richiederà più padronanza.

Come ogni hobbista sa, è molto importante valutare l’acquisto di uno strumento, qualunque esso sia, cercando di non farsi influenzare troppo dal prezzo. Sicuramente un costo elevato non è sempre sinonimo di qualità, ma al tempo stesso è importante considerare la struttura e la robustezza delle materie prime.

Ricorda inoltre di non sottovalutare mai il fattore sicurezza, indossando la giusta attrezzatura e rispettando tutte le regole dettate anche e soprattutto dal buonsenso.

Adesso che conosci tutti i segreti di questo mondo sei decisamente pronto all’acquisto. La tua nuova levigatrice rotorbitale è ormai solo ad una portata di click di distanza!

 

1. Bosch Professional GEX 125-150 AVE Recensione

Da diverse generazioni, le menti dietro il marchio Bosch lavorano duramente per offrire soluzioni di ogni tipo, atte a semplificare la vita dei consumatori. Non a caso, si tratta di una delle aziende più apprezzate dai professionisti, e al tempo stesso più amate anche dagli hobbisti di ogni settore.

levigatrice

Questa in oggetto si dimostra decisamente la miglior levigatrice orbitale del 2019. Ruggisce con il suo motore da 400 W e lavora con dei platorelli dal diametro massimo di 150 mm e minimo da 125 mm. È compreso un attacco per l’inserimento dell’aspiratore della polvere, ma potrai utilizzare anche il Box Microfilter per una maggiore pulizia nell’esecuzione. Ciò ti aiuterà anche a lavorare in un ambiente non solo più pulito, ma sicuramente anche più confortevole e meno rischioso per te e chi ti sta intorno.

In ogni caso, la sua caratteristica principale è sicuramente il sistema di ammortizzazione, che porta le vibrazioni ad incidere in maniera minima sul tuo lavoro. Ciò si rivelerà particolarmente utile durante i lavori più lunghi e logoranti, e ti permetterà di concentrarti sull’ottenimento di una levigatura più uniforme.

Grazie alla possibilità di preselezionare il numero di giri, è possibile adattare questa levigatrice a praticamente ogni tipologia di materiale.

L’impugnatura gode, come ormai tutti gli utensili firmati Bosch, di un ottimo rivestimento soft grip. Quest’ultimo, insieme al freno ad attrito, rende più facile e sicuro l’utilizzo dello strumento anche da parte degli utenti meno esperti. Consigliamo sempre e comunque l’utilizzo di guanti da lavoro, insieme ad altri accessori mirati alla sicurezza.

Nella confezione troverai una comoda valigetta L-BOXX, che contiene già tutti gli accessori di cui avrai bisogno fin da subito per la maggior parte dei lavori. Si tratta dell’impugnatura supplementare, la chiave esagonale, il Box Microfilter per raccogliere la polvere, la carta abrasiva e tre platorelli.

Vantaggi:

  • Possibilità di preselezionare il numero di giri
  • Sistema di ammortizzazione
  • Impugnatura soft grip
  • Accessori inclusi

Svantaggi:

  • Prezzo forse poco competitivo
  • Consumo energetico non minimo

 

2. BLACK+DECKER KA191EK-QS Recensione

Fondato nel 1910, Black Decker ha alle sue spalle oltre un secolo d studio e innovazione tecnologica. Fin dalla produzione del primo trapano a batteria per uso domestico, il brand è cresciuto tantissimo e oggi presenta questa ottima levigatrice orbitale.

levigatrice rotorbitale

Essa ha una potenza di 480 watt e si rivela quindi molto utile anche per lavori semi professionali. L’alta qualità delle materie prime usate fa in modo che l’utensile non tema nessun lavoro e nessun materiale, comprese le superfici piane o ricurve.

Per poter personalizzare la propria esperienza d’uso, è incluso un controllo della velocità. Il numero massimo di giri al minuto è 12000. Le orbite hanno un diametro massimo di 5 mm. Non manca una funzione di aspirazione, con relativo sacchetto che raccoglie la polvere ed i residui che si formano durante la levigatura.

La carta utilizzata è del formato da 125 mm ed il suo fissaggio avviene a velcro. Si tratta di una levigatrice con filo (dalla lunghezza totale di 3 m).

Trattandosi di uno dei prodotti top di gamma della Black Decker, questo utensile è dotato di un’ottima impugnatura, particolarmente sensibile al grip. Sarà quindi facile usarla anche indossando i guanti da lavoro, che spesso rendono più impacciati e difficili i normali movimenti della mano. Anche l’interruttore è stato studiato per essere premuto indossando dei guanti, in quanto questi ultimi rappresentano un accessorio obbligatorio della divisa di sicurezza durante questo genere di lavori.

Nella confezione è ovviamente compresa una pratica valigetta, nella quale conservare l’utensile e tutti i suoi accessori, e da utilizzare anche durante il trasporto degli stessi. Sono inclusi inoltre un sacchetto per raccogliere la polvere e ben tre diversi fogli abrasivi perforati.

Sicuramente si tratta di un’ottima levigatrice orbitale semiprofessionale, che sposerà le esigenze anche degli hobbisti più esigenti, senza ovviamente trascurare le necessità dei neofiti di questo mondo!

Vantaggi:

  • Ottima anche per lavori semiprofessionali
  • Buon rapporto qualità-prezzo
  • Impugnatura molto comoda
  • Accessori e valigetta inclusi

Svantaggi:

  • Sistema di aspirazione poco performante

 

3. Bosch Pex 400 Ae Recensione

Questa Bosch PEX 400 AE è una levigatrice orbitale compatta, che nonostante le dimensioni contenute può comunque vantare un motore da 350 watt di potenza. Il diametro del platorello è di 125 mm massimi e dispone di un attacco in microvelcro molto comodo e maneggevole.

levigatrice orbitale professionale

La vera chicca di questo modello firmato Bosch è sicuramente il sistema low vibration, che permette alla levigatrice di assorbire la maggior parte delle vibrazioni prodotte durante l’uso, rendendo più pratico l’uso e diminuendo drasticamente il rischio che l’attrezzo possa ti scivolare dalle mani. Ovviamente a ciò contribuisce anche l’ottima impugnatura soft grip, con rivestimento in resistente alluminio.

Non manca un sistema di regolazione automatica. Il numero di oscillazioni va da 4000 a 21200 al minuto, con un’eccentricità pari a 2,5 mm. Grazie al sistema microfilter, è possibile lavorare su un’area di lavoro sempre pulita.

Indubbiamente, la maneggevolezza e la leggerezza (pesa poco meno di 2 kg!) ne fanno uno strumento molto valido anche per lavori che richiedono lunghe tempistiche, o su superfici più ampie. Data l’impugnatura perfetta, riuscirai a mantenere sempre una postura corretta durante l’utilizzo, che non graverà quindi sulle tue spalle e la tua schiena.

Anche per questo motivo, si tratta di una levigatrice particolarmente consigliata per gli utenti meno esperti, che potranno trovare in essa un valido alleato per destreggiarsi in questo mondo e prendere pian piano confidenza con l’hobbistica e tutto ciò che questo settore comporta.

Inoltre, in dotazione troverai diversi accessori, quali un foglio abrasivo Red Wood, una guida per il montaggio del foglio, una impugnatura supplementare e ovviamente una pratica valigetta per il trasporto. Insomma, c’è proprio tutto ciò che ti serve per iniziare subito a lavorare! Non ti resta che affidarti a tutta l’esperienza di Bosch e affrontare ogni lavoro hobbistico o domestico, aspettandoti di ottenere nient’altro che il meglio da questa validissima levigatrice orbitale elettrica.

Vantaggi:

  • Sistema low vibration
  • Regolazione automatica
  • Sistema microfilter
  • Ottima anche sulle superfici più estese

Svantaggi:

  • Qualità del platorello non eccelsa
  • Bassa potenza aspiratrice

 

4. Bosch 06033A3000 PEX 300 AE Recensione

Uno degli aspetti più vantaggiosi di questa levigatrice rotorbitale firmata Bosch è sicuramente la praticità d’utilizzo. si tratta sicuramente di uno dei modelli meno ingombranti attualmente presenti in commercio, con le sue dimensioni pari a 38 cm x 29,8 cm x 14,7 cm ed un peso che non supera 1,5 kg.

levigatrice orbitale per legno

Come se non bastasse, dispone di una praticissima impugnatura, che garantisce sempre una presa molto comoda e salda. Ciò significa che potrai utilizzarlo anche quando indossi i guanti da lavoro, e che le tue mani non si stancheranno facilmente anche durante i lavori più lunghi e difficili. Sicuramente questa caratteristica renderà molto più facile dedicarsi ad ogni genere di lavoro, con la sicurezza di operare in tranquillità e in comodità, senza forza troppo su schiena e spalle. Queste ultime, infatti, potrebbero particolarmente risentire di queste vibrazioni.

La potenza di questo utensile è di 270 watt, quindi ottima per la maggior parte dei lavori di manutenzione domestica o per l’hobbistica. Inoltre questa potenza si traduce non solo in consumi più ridotti, ma anche in una facilità d’uso maggiore, soprattutto per chi non è molto abituato a questi strumenti.

Il platorello ha un diametro di circa 125 mm, ed opera fra le 4000 e le 24000 oscillazioni totali al minuto. L’eccentricità è quindi pari a 2 mm. L’attacco per la carta è in micro veltro, e non manca ovviamente il sistema microfilter per l’aspirazione della polvere. Il numero di oscillazioni viene inoltre tenuto a bada dal controllo delle vibrazioni, che rende più comodo e l’uso l’utilizzo dell’utensile.

Nella confezione sono ovviamente inclusi tutti gli accessori di base, che permettono un uso completo dell’apparecchio fin da subito e in diverse situazioni e lavori. Essi comprendono un foglio abrasivo, un dettagliatissimo libretto di istruzioni, il paper assistant e ovviamente la valigetta per il trasporto.

Vantaggi:

  • Leggera e maneggevole
  • Impugnatura comoda con rivestimento in metallo
  • Sistema low vibration
  • Accessori inclusi

Svantaggi:

  • Non adatta per lavori troppo duri
  • Non è il massimo su superfici troppo ampie

 

5. Bosch 0601387501 GEX 125-1 AE Recensione

Spesso le levigatrici vengono associate all’idea di utensili voluminosi, pesanti, complicati da usare. Questo modello Bosch è pronto a smentire tutto ciò, dimostrandosi leggerissimo (pesa solo 1,3 kg!), maneggevole e facile da usare. Decisamente uno dei prodotti più interessanti proposti sul mercato quest’anno, e che non potevano quindi non aggiudicarsi un posto nella nostra classifica dedicata propri a questi utensili così apprezzati!

levigatrice orbitale prezzi

Le sue dimensioni sono compatte (160 mm x 240 mm x 135 mm), e l’impugnatura è una delle migliori che il mercato possa attualmente offrire. Si tratta di una sofisticata tecnologia soft grip antiscivolo, che permette una presa comoda ma ferrea, anche indossando pesanti guanti da lavoro.

Per agevolare ulteriormente il tuo lavoro e assicurarti un ambiente sempre ordinato e pulito, Bosch ha dotato questa levigatrice orbitale di un eccellente sistema di aspirazione, che raccoglie quasi tutta la polvere prodotta durante la lavorazione in un apposito sacchetto.

Non manca la possibilità di preselezionare il numero di giri (a vuoto, da 7500 a 12000) e un numero di oscillazioni non indifferente (da 15000 a 24000). Grazie a queste caratteristiche, sarà possibile lavorare facilmente su superfici diverse, e su differenti tipologie di materiale. Insomma sicuramente un utensile piccolo e compatto, ma molto potente, come dimostrato dai 250 watt di potenza del suo motore. Per quanto riguarda il foglio abrasivo, esso dispone di praticissimo fissaggio a strappo.

Il movimento eccentrico, combinato alla rotazione e alla potenza del motore, ti permetterà di ottenere un lavoro sempre molto preciso e pulito. Tutta la polvere verrà aspirata dall’apposito sistema nel suo sacchetto, così da poter ottenere sempre risultati di grande precisione con estrema facilità e in poco tempo. Come al solito, quindi, il sistema micro filter brevettato dagli esperti Bosch non delude, e anzi aggiunge sicuramente valore ad un utensile già di qualità eccelsa.

Vantaggi:

  • Leggerissima e compatta
  • Ottima impugnatura antiscivolo
  • Possibilità di preselezionare il numero di giri

Svantaggi:

  • Accessori non in dotazione
  • Disco di ancoraggio del piattello poco resistente