Se abbiamo deciso di comprare uno scaldasonno dobbiamo anche capire la differenza tra scaldasonno e coperta.

Perchè quando si parla di questo tipo di prodotti sembrano dei mostri in grado di ammazzare centinaia di persone. Chiaramente sto ironizzando ma ci sono un sacco di miti e di leggende metropolitane legate all’uso di questi prodotti in casa e agli incendi prodotti da un uso errato di questo tipo di oggetti, molto comodi e molto sicuri in verità. Ma io scrivo per darvi le differenze tra i due oggetti e per dirvi che ci sono ancora delle persone traumatizzate che preferiscono dormire al freddo invece che avere una coperta o uno scaldasonno elettrici.

Dobbiamo anche dire che io stessa uso lo scaldasonno e ho usato la coperta elettrica senza problemi. Bisogna sempre sapere cosa si sta acquistando, è questa la verità. E non è neppure normale trovarsi davanti persone bardate come se si dovesse andare a fare una vacanza in montagna solo perché ci sono i pigiami di lana enormi e tanti e tanti calzini impilati tra loro.

Quando parliamo di coperta e scaldasonno, quindi, non stiamo parlando solo di incidenti, oltretutto causati da usi impropri di questi prodotti. Controllate, infatti, sempre che i prodotti siano certificati, che non siano troppo vecchi, che non si mettano più coperte insieme e quindi si surriscaldino, che le coperte siano bagnate, che abbiamo superato i 10 anni di attività senza nessun controllo.

Io che ho provato tutti e due gli oggetti posso parlare, tranquillamente, di quelle che sono le differenze tra i due e ce ne sono davvero tante. La coperta si mette al di sopra del lenzuolo e va su tutto il letto. Lo scaldasonno si mette tra lenzuolo e materasso. Tutte e due gli oggetti hanno almeno un paio di livelli di potenza, un consumo elettrico certamente basso e anche un meccanismo che permette di staccare la corrente quando si è arrivato al massimo di quel livello ed evitare il surriscaldamento. Lo scaldasonno, poi, basta che si accenda un’oretta prima di mettersi a letto e si trova il letto caldo perché è abbastanza rapido nell’arrivare alla temperatura scelta. La coperta ci mette anche meno tempo, l’importante è staccare la coperta dalla presa prima di mettersi a letto. Questo è bene ricordarlo soprattutto alle persone anziane che potrebbero poi trovarsi a vivere un vero e proprio incubo con questa coperta che continua a cacciare fuori calore e, quindi, un bel problema di surriscaldamento non della coperta ma del corpo dell’utente che potrebbe stare parecchio male o a disagio.

C’è anche qualcuno che si trova male con lo scaldasonno perché sente il fastidio del rigonfiamento sotto alla schiena e preferisce, quindi, la coperta. Bisogna provare, l’importante è che si comprino dei prodotti che sono funzionali e che sono certificati, poi su quale comprare sarà uno nostra scelta in base a quelle che sono le nostre abitudini. E voi avete mai provato a dormire con uno dei due oggetti? Se non lo avete fatto non perdete altro tempo.

 

Ulteriori letture