Quando le temperature salgono oltre il sopportabile, è difficile rilassarsi anche senza far nulla in casa. Se non è possibile installare in casa tua l’aria condizionata centralizzata, allora i climatizzatori da stanza possono rappresentare un’alternativa economica ed energeticamente efficiente per il raffreddamento di una o al massimo due stanze.

Se sei pronto a combattere contro il caldo, non sentirti solo: più di 8 milioni di condizionatori sono stati venduti nel 2017. Secondo l’Energy Star, un centro di ricerche americano, una famiglia tipica spende il 13% della sua bolletta annuale per il raffreddamento della casa. Quindi è importante scegliere i migliori condizionatori disponibili sul mercato e più adatti alle tue esigenze. Un condizionatore d’aria troppo piccolo farà fatica a raffreddare una stanza, mentre uno troppo grande raffredderà così rapidamente, che non avrà il tempo di rimuovere dalla camera abbastanza umidità, lasciandoti una casa fredda e viscida.

Come funziona un condizionatore d’aria

Sai che il tuo climatizzatore portatile mantiene la tua casa o il tuo uffizio al fresco nei caldi mesi estivi, ma ti sei mai chiesto come funziona? Un fatto interessante che probabilmente non conosci, è che anche i condizionatori economici funzionano come i migliori frigoriferi. La differenza è che il frigorifero raffredda uno spazio piccolo e isolato, mentre un condizionatore d’aria mantiene la casa, l’ufficio o lo spazio commerciale a una temperatura confortevole.

L’intero processo per portare l’aria ad una temperatura confortevole, si basa su un principio scientifico molto semplice, e il resto viene ottenuto con mezzi meccanici. Diamo un’occhiata a come funziona l’aria condizionata per rinfrescare la tua casa.

L’unità di climatizzazione utilizza sostanze chimiche che convertono il gas in liquido e viceversa, rapidamente. Queste sostanze chimiche trasferiscono il calore dall’aria all’interno della proprietà, all’aria esterna.

L’unità è composta da tre elementi chiave. Questi sono il compressore, il condensatore e l’evaporatore. Il compressore e il condensatore dell’unità sono in genere situati nella parte esterna del sistema di climatizzazione. All’interno della casa si trova l’evaporatore.

Il fluido di raffreddamento raggiunge il compressore sotto forma di gas a bassa pressione. Il compressore schiaccia questo gas/fluido e le molecole nel liquido vengono compresse. Più il compressore avvicina queste molecole, maggiore è la temperatura.

Come fa il tuo climatizzatore a rimuovere l’aria calda e a soffiare aria fredda

Ecco come funziona un climatizzatore per rinfrescare la tua casa:

Questo fluido esce dal compressore come gas caldo ad alta pressione e si sposta sul condensatore. L’unità esterna possiede alette metalliche. Queste alette funzionano come il radiatore di un ‘auto e aiutano a dissipare il calore più rapidamente.

Quando il fluido lascia il condensatore, è molto più fresco. È anche cambiato da gas a liquido a causa dell’alta pressione. Il fluido si fa strada nell’evaporatore attraverso un foro minuscolo e stretto e quando il liquido raggiunge l’altro lato di questo passaggio, la sua pressione diminuisce. Quando ciò accade, il fluido inizia a evaporare sotto forma di gas.

Quando ciò accade, il calore viene estratto dall’aria circostante. Questo calore è necessario per separare le molecole del liquido in un gas. Le alette metalliche sull’evaporatore aiutano anche a scambiare l’energia termica con l’aria circostante.

Quando il refrigerante lascia l’evaporatore, è ancora una volta un gas refrigerato a bassa pressione. Il processo inizia quando il gas torna al compressore. C’è una ventola collegata all’evaporatore che fa circolare l’aria all’interno della casa e attraverso le alette dell’evaporatore.

Il condizionatore d’aria aspira l’aria nei condotti attraverso uno sfiato. Quest’aria viene utilizzata per raffreddare il gas nell’evaporatore e, man mano che il calore viene rimosso dall’aria, viene raffreddato. I condotti poi soffiano aria in casa.

Questo processo continua fino a quando l’aria raggiunge la temperatura desiderata. Quando il termostato rileva che la temperatura interna è al livello desiderato, spegne il condizionatore d’aria. Quando la stanza si riscalda di nuovo, il termostato riaccende il condizionatore finché non si raggiunge nuovamente la temperatura ambientale preferita.

Aspetti da prendere in considerazione

Prima di acquistare un condizionatore qualsiasi, è necessario fare un confronto condizionatori e verificare quali abbiano le stesse funzioni e caratteristiche, in modo da scegliere quelle più appropriate alle tue esigenze. Ecco un elenco delle caratteristiche più importanti da prendere in considerazione:

Acquista un climatizzatore Energy Star

I nuovi climatizzatori Energy Star, sono dotati di materiali isolanti migliori di quelli normali e istruzioni più chiare da comprendere, che consentono di ottenere una buona tenuta dell’unità, riducendo al minimo le perdite.

Prendi nota del rumore emesso

I modelli che hanno ottenuto un punteggio eccellente o molto buono nei nostri test del rumore, sono talmente silenziosi che l’unico suono che potresti sentire è la ventola durante il suo funzionamento. I condizionatori d’aria che hanno ottenuto un punteggio basso per il rumore, potrebbero disturbare il sonno leggero se impostati su un livello basso e sono fonte di distrazione per tutti quando sono impostati ad un livello più alto.

Il posizionamento del condizionatore a finestra

Generalmente, i condizionatori d’aria per finestre svolgono un lavoro migliore soffiando l’aria in una sola direzione. Questo può essere un problema se la tua finestra non è centrata alla parete. Per raffreddare uniformemente una stanza, dovrai dirigere l’aria verso il centro, quindi controlla se l’AC ha bisogno di soffiare aria verso destra o verso sinistra. Alcuni hanno i bracci che ruotano per facilitare queste operazioni.

Una corretta installazione è la chiave

Per ottenere il massimo dal climatizzatore per finestre, è necessario installarlo in modo corretto. La maggior parte delle unità è destinata alle finestre a doppia parete. Se si dispone di finestre a battente, si consiglia di considerare l’acquisto di un condizionatore d’aria per parete. Assicurati che l’unità a finestra sia in piano, in modo che si scarichi correttamente. E sposta tutti i dispositivi che generano calore, come le TV o le lampade, dalla portata dell’unità.

Controlla la posizione del filtro

Assicurati di poter accedere facilmente al filtro per la pulizia regolare dell’apparecchio, cosa che farai spesso per mantenere l’unità in ottime condizioni.

Considera di eseguire un raffreddamento intelligente

Alcuni climatizzatori sono diventati più intelligenti con l’avanzare della tecnologia utilizzata, permettendoti di controllarli e regolarli dal tuo smartphone. Potresti anche essere in grado di collegarli ad altre unità di raffreddamento della tua casa, in modo da gestire la climatizzazione in modo intelligente.

Prendi in considerazione la garanzia

Alcuni condizionatori d’aria hanno garanzie più lunghe di altri. Quando acquisti una nuova unità, consulta il sito web del produttore per ottenere maggiori informazioni e chiedi al rivenditore la garanzia per il marchio e il modello che stai considerando di acquistare.

Dimensioni del condizionatore

Prima di prendere in considerazione il prezzo e le caratteristiche, inizia a determinare la dimensione dell’unità di cui hai bisogno per la stanza che vuoi raffreddare, così come dove posizionerai l’unità. I condizionatori d’aria per finestre che abbiamo testato durante le nostre prove, hanno capacità di raffreddamento che vanno da 5.000 a 12.500 unità termiche britanniche (Btu).

Per misurare la tua stanza, moltiplica la lunghezza della stanza per la larghezza. Ma non acquistare solo in base ai Btu. Noi consigliamo di tenere conto anche di altre considerazioni, ad esempio l’altezza del soffitto, dove verrà posizionata l’unità e le dimensioni delle finestre e delle porte. Inoltre:

  • Se la stanza è molto ombreggiata, riduci la capacità del 10 percento.
  • Se la stanza è molto soleggiata, aumenta la capacità del 10 percento.
  • Se più di due persone occupano regolarmente la stanza, aggiungi 600 Btu per ogni persona in più.
  • Se l’unità viene utilizzata in una cucina, aumenta la capacità di 4.000 Btu.

Altre considerazioni da fare

  • Disperdi l’aria nella stanza utilizzando un ventilatore a soffitto, per rendere la casa più fresca
  • Se due stanze sono separate da un arco e non è presente una porta per separare i due ambienti, dimensiona il condizionatore in base ai metri quadri delle due stanze
  • Le stanze molto soleggiate, hanno bisogno di unità molto più grandi

Qual è il modello più adatto per te

I condizionatori portatili di piccole dimensioni, hanno un costo di circa 200€. Il che li rende una proposta allettante, ma sono in grado di raffreddare solo gli ambienti più piccoli. Se hai bisogno di rinfrescare un’area più ampia, ti consigliamo di focalizzare la tua ricerca su unità che corrispondono meglio alla tua metratura.

Quasi tutte le unità per finestra che abbiamo testato, soddisfano gli ultimi standard in termini di Energy Star, che richiedono loro di essere almeno il 10 percento più efficienti delle unità senza tale certificazione. I modelli standout sono silenziosi e dispongono di controlli comodi da utilizzare, inoltre, funzionano in condizioni di mancanza di calore. Controlla le nostre recensioni che trovi in fondo a questo articolo, per avere un’idea migliore dei condizionatori offerte expert.

Condizionatori d’aria per finestre

Sono generalmente disponibili in tre diverse tipologie:

Piccolo – La capacità varia da 5.000 a 6.500 Btu. Raffredda da 30 a 90 metri quadri e sono le unità più piccole disponibili in commercio. Per questo hanno anche un costo condizionatore minore, ma non sono in grado di raffreddare adeguatamente un ambiente maggiore di 90 mq.

Costo: da 150 a 250€

Medio – La capacità varia da 7.000 a 8.200 Btu. Raffredda da 75 a 120 metri quadri. Il costo condizionatore inizia a salire e così le loro dimensioni, per cui possono essere più difficili da installare e rimuovere, per metterli via durante l’inverno.

Costo: da 200 a 400€

Grande – La capacità varia da 9.800 a 12.500 Btu. Raffredda da 100 a 200 metri quadri. Sono l’ideale per il raffreddamento di una stanza di grandi dimensioni, ma l’ingombro e il peso rendono questi modelli scomodi e difficili da installare.

Costo: 350 a 600€

Climatizzatori portatili

I modelli portatili sono destinati alle abitazioni in cui le configurazioni delle finestre o le norme di costruzione impediscono l’installazione di unità a finestra. I condizionatori d’aria portatili che abbiamo testato, vanno da 9.000 a 15.500 Btu. Ma non confrontare i condizionatori d’aria portatili e per finestre prendendo in considerazione solo questa misura.

I nostri test più recenti, hanno evidenziato che i condizionatori portatili non sono così efficienti per il raffreddamento delle case, come affermano i produttori. Inoltre, sono costosi e consumano più energia rispetto ad un condizionatore da finestra. In più, siccome tutte le meccaniche si trovano direttamente a terra nella stanza, tendono ad essere più rumorosi quando sono in funzione, soprattutto nelle impostazioni più alte. E “portatile” è un termine improprio: il loro peso da 20 a 35 chili, può renderli ingombranti e fastidiosi da spostare su tappeti o soglie.

Costo: da 300 a 700€

Climatizzatori Split-System

Lo Split-System, è un modo intelligente per aggiungere l’aria condizionata a un numero limitato di stanze, senza dover aprire pareti per installare condutture, come si farebbe con un sistema ad aria condizionata centralizzato, oppure installare e rimuovere più unità per finestre ogni anno. Anche se di recente non abbiamo testato molti Split-System, nei nostri precedenti test hanno svolto tutti un ottimo lavoro in termini di raffreddamento ed erano molto più silenziosi all’interno e all’esterno rispetto ai condizionatori d’aria per finestre. Anzi, con l’impostazione più bassa, erano appena udibili.

I climatizzatori Split-System, sono più costosi delle unità a finestra o portatili, inoltre, si consiglia un installatore professionista, ma ha un costo totale minore rispetto ad un sistema di aria centralizzata. È la soluzione ideale se devi raffreddare solo poche stanze della casa, ma se devi raffreddarla tutta e le sue dimensioni sono piuttosto generose, un sistema d’aria condizionata centralizzato, è sempre la soluzione migliore, anche se più costosa di tutte.

Costo: da 1.000€ in su

Funzioni intelligenti per aiutarti a rilassarti

Tutte le unità che abbiamo recensito e di cui puoi leggere la nostra opinione più sotto, svolgono un eccellente lavoro in termini di raffreddamento. Inoltre, sono dotati di funzioni utili, come display digitali, timer incorporati e telecomandi. Alcune unità dispongono di comandi touchpad e altre cambiano automaticamente la direzione del flusso d’aria, per disperdere meglio l’aria fredda in tutta la stanza. Cerca le caratteristiche del climatizzatore che influiscono sulle prestazioni e sull’efficienza, e che meglio si adattano alle tue esigenze.

  • I controlli – I touchpad con grandi display a LED, pulsanti di grandi dimensioni e in numero non troppo elevato, con etichette chiare e letture digitali della temperatura, sono più facili da usare. I controlli mal progettati sono un fastidio costante. I pulsanti rialzati con forme diverse consentono di identificare le funzioni in base al tatto. Inoltre, le letture della temperatura digitale forniscono una lettura più precisa rispetto alle impostazioni tradizionali “più caldo” e “più freddo”.
  • Alette direzionabili – I climatizzatori sono dotati di alette che puoi regolare per dirigere il flusso d’aria verticalmente o orizzontalmente. Alcuni dispongono anche di ventole in grado di oscillare. Ma la maggior parte di essi, svolge un compito migliore nel dirigere l’aria verso un lato o verso il basso. Considera il layout della tua stanza e cerca un modello che possa dirigere il flusso d’aria dove più ti serve.
  • Efficienza energetica – Un condizionatore d’aria con timer incorporato, può essere spento quando sei fuori o impostato per essere acceso solo prima di tornare a casa. Un’impostazione di risparmio energetico arresta la ventola quando il compressore è spento. Queste caratteristiche fanno risparmiare energia elettrica, quindi: soldi.
  • Modalità di deumidificazione – Questa funzione è utile nei giorni umidi, ma freschi, in primavera e autunno. Può essere utile anche se il condizionatore viene installato in ambienti molto umidi, come soffitte e scantinati.
  • Modalità ventilatore – Questa funzione fornisce ventilazione, senza raffreddamento. Fa risparmiare soldi durante le giornate in cui non è necessario raffreddare l’aria in casa, ma soltanto farla circolare, trovandosi già ad una temperatura quasi ottimale.
  • Timer – Una caratteristica comune presente in tutti gli apparecchi a risparmio energetico, è il timer programmabile per almeno 24 ore, che consente di personalizzare il programma operativo dell’unità.
  • Telecomando – Il telecomando ti consente di regolare le impostazioni ovunque ti trovi nella stanza. Alcune unità dispongono di sensori di temperatura integrati per trasmettere la temperatura della stanza (al contrario della temperatura alla quale è stata impostata l’unità).

Manutenzione del climatizzatore d’aria

Quando la stagione estiva entra nel vivo, potresti scoprire che anche i tuoi migliori condizionatori perdono parte del loro potere di raffreddamento. Potrebbe essere dovuto al fatto che li hai installati in modo improprio, oppure perché, mentre non erano in uso, non hai eseguito la regolare manutenzione, così come suggerito dal libretto delle istruzioni.

La nostra passo-passo, ti illustra come eseguire la manutenzione del tuo climatizzatore, in modo da tenerli sempre al massimo della loro potenza, e mantenere l’aria di casa confortevole, anche durante le stagioni estive più calde. In generale, segui questi step per eseguire la corretta manutenzione del tuo climatizzatore a finestra:

Step 1: verifica il posizionamento

Per cominciare, è meglio evitare di posizionare un condizionatore d’aria su una finestra martoriata dal sole, poiché il sole diretto lo costringerà a lavorare di più. Le finestre rivolte a nord ricevono la minima luce solare o cerca una finestra su un’altra parete ombreggiata da alberi, una tenda o un’altra fonte di ombra. La chiusura di tende e tapparelle è un altro modo per ridurre il guadagno di calore solare.

Spostandosi all’interno, è anche importante mantenere gli oggetti che generano calore, come una TV o una lampada da terra, lontano dal condizionatore d’aria. Questo perché il termostato dell’unità è in grado di percepire il calore, causando un funzionamento dell’unità più lungo del necessario.

Infine, i nostri test hanno rilevato che alcune unità svolgono un lavoro migliore soffiando aria a destra o a sinistra. Questo non sarà un fattore rilevante se il condizionatore d’aria è installato in una finestra posta al centro della stanza. Ma se le finestre sono tutte vicine al muro, scegline una che consenta all’aria di venir soffiata verso il centro della stanza, piuttosto che nel muro. Alcuni modelli sono omnidirezionali.

Step 2: manutenzione dell’apparecchio

Tutti i condizionatori d’aria hanno un filtro dietro la griglia anteriore che può essere ostruito da sporco e polvere, che riduce il flusso d’aria attraverso l’unità, diminuendo la sua efficienza e la capacità di pulire l’aria. Ogni tanto, a seconda dell’uso che fai del tuo condizionatore, spegni la griglia e tira fuori il filtro. Rimuovi i detriti con un aspirapolvere, quindi lava il filtro con acqua calda e sapone. Lascia asciugare il filtro prima di reinstallarlo. Se il filtro è molto usurato, è tempo di acquistarne uno nuovo.

È inoltre necessario ispezionare i sigilli della finestra attorno all’unità per assicurarsi che l’aria calda non entri nella stanza o che l’aria fredda fuoriesca. Se sono presenti perdite, richiudere intorno all’unità con una guarnizione antirumore.

Step 3: programmalo correttamente

In commercio, iniziano ad essere molto più diffusi in vendita condizionatori a finestra programmabili e persino unità collegate alla rete, che possono essere controllate dal tuo smartphone. Sia che tu abbia uno di questi climatizzatori high-tech o il tipo a comando manuale, tieni in considerazione l’impostazione della temperatura. Le raccomandazioni sono piuttosto rigide: 25°C quando sei a casa, 29°C quando sei al lavoro o fuori, e 27°C quando dormi.

Se fa troppo caldo per i tuoi gusti, vedi se è possibile almeno tollerare temperature leggermente più calde, dal momento che si risparmia circa il 3 per cento sui costi di aria condizionata per ogni grado di aumento della temperatura.

8 Problemi comuni al condizionatore d’aria

Ovviamente, è durante le giornate più calde che si nota che il tuo condizionatore d’aria è in difficoltà. E non è sempre colpa dell’apparecchio. Un sistema mal gestito può funzionare male, non riuscendo a mantenere il fresco e costandoti di più.

Ecco otto motivi per cui il tuo climatizzatore potrebbe non funzionare come ci si aspetta:

  1. Il tuo filtro è sporco. La limitazione del flusso dell’aria attraverso l’apparecchio, è data da un filtro particolarmente sporco, il che ne diminuisce l’efficienza e ne riduce la capacità di raffreddare un ambiente in maniera efficace. Se ti accorgi che il filtro del tuo apparecchio è particolarmente sporco, non esitare a cambiarlo o pulirlo. I filtri sulle unità centrali dei condizionatori offerte, devono essere cambiati almeno una volta al mese, soprattutto se il sistema è costantemente in funzione o se si hanno animali domestici.
  2. L’aria calda entra da qualche parte. Controlla la guarnizione attorno all’unità a finestra, per assicurarti che l’aria calda non entri (o che l’aria fredda non fuoriesca). In tal caso, richiudi intorno alla tua unità utilizzando una guarnizione antirumore. La maggior parte delle nuove finestre è dotata di pannelli isolanti da posizionare sui pannelli laterali regolabili in plastica, ma per massimizzare l’efficienza, avrai comunque bisogno di usare guarnizioni attorno al perimetro dell’unità.
  3. La TV è troppo vicina ai condizionatori economici. Vicino al termostato che controlla la temperatura della stanza, bisognerebbe evitare di posizionare TV o lampadine. Questi apparecchi, infatti, emanano calore e il termostato lo rileva come se fosse calore presente nella stanza. Tutto questo, mette in funzione l’apparecchio più del dovuto, anche quando non è necessario, facendovi salire il costo di funzionamento in bolletta.
  4. I filtri sono sporchi o bloccati. Se possiedi un apparecchio per il raffreddamento e il riscaldamento dell’aria, aspira regolarmente i filtri per rimuovere l’accumulo di polvere. Assicurati anche che oggetti vari o mobili di grosse dimensioni non causino il blocco del flusso d’aria attraverso i filtri.
  5. Il termostato è sull’impostazione sbagliata. Assicurati di programmare il termostato ad una temperatura ideale quando ti trovi dentro casa, ma anche ad una temperatura diversa per quando non ci sei. Riscaldare casa mentre sei via, è solo uno spreco di corrente. Considera che per ogni grado che abbassi in casa, risparmi circa il tre per cento sul costo dei condizionatori offerte.
  6. C’è troppo sole dentro casa. Se hai installato il condizionatore in una camera dove da una finestra entra troppo sole, allora dovrà restare più acceso per raffreddare l’ambiente. Devi fare attenzione anche alla posizione del termostato. Se dalla finestra entra sole e ci finisce su, registrerà una temperatura non reale. Per ovviare a questo problema, chiudi le tende.
  7. Le piante stanno ostruendo il compressore. Per funzionare correttamente, il compressore per l’aria esterno ha bisogno di un adeguato flusso di aria, quindi tra esso e qualsiasi ostacolo, ci dovrebbe essere un bel po’ di spazio. Ci dovrebbero essere anche dello spazio tra la parte superiore dell’apparecchio e qualsiasi albero sopra di essa.
  8. Hai dimenticato di fare il controllo annuale. Di tanto in tanto, assumi un tecnico professionale per controllare il tuo condizionatore. Se esiste un problema, egli lo troverà e lo sistemerà, prima che questo possa causare guasti al tuo condizionatore. Il tecnico dovrebbe testare sia le parti mobili del climatizzatore che il liquido refrigerante. Se fosse necessario, quest’ultimo dovrebbe anche essere ricaricato.

Come testiamo i condizionatori da camera

Per le nostre recensioni, abbiamo testato i condizionatori d’aria in una speciale camera climatizzata. Abbiamo testato ogni tipo di climatizzatore offerto, piccolo, grande e medio, per finestre o da terra, regolando le dimensioni della stanza in base alle dimensioni suggerite per ogni apparecchio. Alziamo la temperatura della stanza fino a 32°C e poi misuriamo quanto tempo il climatizzatore impiega per farla scendere fino a 25°C. Inoltre, verifichiamo la capacità del climatizzatore, di mantenere questa temperatura ideale. E siccome un condizionatore rumoroso può essere fastidioso quando è in funzione, misuriamo anche la rumorosità di ogni apparecchio, alle impostazioni più basse e quelle più alte. Ora che sai come testiamo i condizionatori, non ti resta che leggere le nostre recensioni!

 

1. Argoclima 398000436 Recensione

Argoclima Relax è un condizionatore portatile molto interessante dal punto di vista del rapporto qualità/prezzo. Si adatta perfettamente a qualsiasi casa, grazie ad un design moderno, non è troppo rumoroso ed è in grado di raffreddare stanze, non più grandi di 30 metri quadrati. Se non desideri rompere il muro per installare un condizionatore a parete, in una casa di dimensioni non eccessive, questa può essere la soluzione ideale. Se vuoi conoscere dei climatizzatori prezzi e offerte, segui i link che trovi sulle nostre pagine. È vero, sottrarrà un po’ di spazio alla tua stanza, ma ti fornirà anche una bella aria fresca durante le giornate più calde.

climatizzatori

Quanto consuma?

La vendita condizionatori è aumentata negli ultimi anni, anche perché i consumi non sono più così eccessivi come un tempo. Ma quanto consuma questo Argoclima Relax? Innanzitutto, si tratta di un apparecchio di classe energetica A; il suo assorbimento di energia dunque, rientra pienamente nella media degli altri condizionatori portatili. Desideri conoscere subito i prezzi condizionatori? Segui i nostri link. Assorbe 1kW di corrente, quindi se avete un normale contatore in casa, non farà saltare la corrente, a meno che non accendiate nello stesso momento anche forno, phon e lavatrice!

Quanto rumore fa?

Il rumore dipende chiaramente dal tipo di utilizzo che si fa del climatizzatore. Il rumore prodotto da questo Argoclima Relax è di 65 dB. Vuoi scoprire i condizionatori offerte? Continua a leggere. Il livello di rumorosità, quando il condizionatore è impostato sul livello basso, è quasi impercettibile, ma inizia a farsi sentire, man mano che aumentiamo la potenza, ma non è mai fastidioso. Tutto sommato, visto anche il prezzo di questo climatizzatore, è un acquisto che consiglieremmo ad occhi chiusi.

Vantaggi

  • Adatto a stanze piccole
  • Poco rumoroso
  • Non consuma molto

Svantaggi

  • Non per chi ha esigenze elevate

 

2. Argoclima SOFTY PLUS Recensione

Le offerte climatizzatori non finiscono mai, scoprile leggendo le nostre recensioni! In questa, ci occupiamo di uno dei migliori apparecchi, dal punto di vista della potenza, si tratta dell’Argoclima SOFTY PLUS. Ovviamente, un climatizzatore potente consumerà di più, ma bisogna essere pronti a scendere a compromessi quando si vive in case molto spaziose. Iniziamo quindi, proprio parlando dei consumi, che sono comunque in media con quelli degli altri apparecchi della stessa categoria. 1,34kW è l’assorbimento energetico di questo condizionatore. La classe energetica è A. Mentre in modalità riscaldamento, la classe energetica sale ad A+.

condizionatori

Quanto rumore fa

Sicuramente, più potente spesso e volentieri significa più rumoroso e questo Argoclima SOFTY PLUS non fa eccezione. Sulla scatola del prodotto, vediamo che il costruttore dichiara appena 52dB di rumorosità, ma forse è così bassa solo se lo si accende alla potenza minima, perché alla potenza massima, siamo certi che sia molto più elevata. Al suo interno, infatti, non è presente alcun sistema per abbassarne la rumorosità. Ma dove realmente eccelle questo prodotto, è nella sua elevata potenza. I 13.000 BTU sono ideali per rinfrescare un ambiente da 40/45 metri quadrati.

Freddo e caldo

La sua elevata potenza, lo rende l’apparecchio ideale da utilizzare nelle giornate più calde, ma anche in quelle più fredde. Infatti, il climatizzatore è in grado anche di riscaldare un ambiente di medio/grandi dimensioni. Si tratta inoltre di un apparecchio molto facile da utilizzare, con un tubo lungo da poter infilare in qualsiasi finestra/porta verso fuori. Oltre alle funzioni di raffreddamento e riscaldamento, ci sono anche quella Sleep, ideale per utilizzarlo durante la notte per alzare la temperatura o il Timer regolabile fino a 24 ore.

Vantaggi

  • Fa caldo e freddo
  • Molto potente
  • Tante funzioni

Svantaggi

  • Un pochino rumoroso

 

3. Samsung AR12FSFTKWQNET Recensione

La serie Samsung Maldives, ha riscosso molta popolarità tra gli utenti, soprattutto grazie ai condizionatori offerte expert. Se desideri scoprire subito i prezzi condizionatori, continua più in basso. In questa recensione, ci siamo occupati del modello AR12FSFTKWQNET. Partiamo dal suo design. Davvero molto bello, elegante e discreto. Questo stile minimal, lo rende perfetto per essere installato a parete in qualsiasi casa moderna. Il colore è un pure white davvero molto bello, che si confonderebbe perfettamente con qualsiasi parete bianca. Anche le dimensioni non sono eccessive, è lungo un metro e alto 30 centimetri.

condizionatore portatile

Il livello di rumorosità

Se desideri conoscere dei climatizzatori prezzi e offerte, continua a leggere. Per quanto riguarda il livello di rumorosità di questo apparecchio, rientriamo nella media. Il produttore dichiara 62dB e ci sta. Non è esagerato, anche se durante la notte non è proprio il massimo se lo tenete nella stessa stanza dove dormite. Tuttavia, bisogna ricordare che trattandosi di un condizionatore inverter, il rumore più alto lo emette all’inizio durante i primi 15 minuti, per poi affievolirsi man mano che la temperatura raggiunge il livello desiderato dall’utente.

Il consumo del climatizzatore

Questo Samsung AR12FSFTKWQNET consuma 12.000 BTU ed è adatto per un ambiente di circa 25/35 metri quadrati. La classe energetica è la A, mentre in modalità riscaldamento, sale ad A+. A livello di efficienza energetica quindi, siamo su livelli abbastanza alti. È facile da usare? La risposta è si! Il climatizzatore è dotato di un telecomando molto semplice da utilizzare, ma non è compatibile con sistemi Wi-Fi come gli ultimi modelli arrivati sul mercato. Niente di cui però non si possa prescindere. In conclusione ci troviamo di fronte ad un prodotto ottimo, soprattutto dal punto di vista del rapporto qualità/prezzo.

Vantaggi

  • Consumi nella media
  • Rumore non eccessivo
  • Fa anche caldo

Svantaggi

  • Non adatto a stanze grandi

 

4. TROTEC PAC 2010 S Recensione

Uno dei migliori punti di forza di questo apparecchio, è senza ombra di dubbio il suo basso costo. Se desideri vedere le offerte climatizzatori, continua a leggere. Si tratta quindi di un modello economico, con tutti i pro e i contro che ne derivano. Parliamo subito di quello che non va, prima di passare alle note liete. Quando si parla di un climatizzatore economico, ciò che aumenta, devono essere le attenzioni che gli porgiamo. Ad esempio, se il filtro di questo apparecchio non viene pulito spesso, un po’ alla volta perderà la sua efficienza.

condizionatori portatili

Quanto consuma il climatizzatore

A livelli di consumi, ci troviamo perfettamente in media con gli altri apparecchi appartenenti alla stessa categoria. Si tratta di un classe energetica A, il cui assorbimento energetico è di appena 0,7kW. Consuma molto meno di un asciugacapelli da 2000 watt, per intenderci. Ovviamente, un assorbimento così basso, significa avere in casa anche un apparecchio meno potente, quindi adatto ad essere utilizzato solo negli ambienti di piccole dimensioni. Con 7.000 BTU di potenza, infatti, la dimensione massima della stanza consigliata, è di 18 metri quadri.

Quanto rumore produce

Trattandosi di un apparecchio non troppo potente, onestamente, ci saremmo aspettati che fosse anche meno rumoroso di quello che è. Tuttavia, anche tenerlo acceso durante la notte, non dovrebbe essere più fastidioso del dovuto. Durante il giorno invece, con tutti i rumori che ci sono fuori casa, è quasi impercettibile. In conclusione, si tratta di un apparecchio che consiglieremmo solo a chi vuole spendere poco, per raffreddare le stanze più piccole durante le giornate più calde. Va bene sia per un bagno o una piccola cameretta. Se vuoi conoscere i prezzi condizionatori, continua in basso.

Vantaggi

  • Adatto a piccole stanze
  • Consuma poco
  • Non fa troppo rumore

Svantaggi

  • Manutenzione non semplice

 

5. Argoclima WALL 12 MONO Recensione

Argoclima WALL 12 MONO è un climatizzatore da montare a muro, che sfrutta la recente tecnologia Inverter. Si tratta di un apparecchio eco-compatibile, che non consuma moltissimo e quindi può far risparmiare anche qualche soldo in bolletta, mentre si rinfresca la casa. In termini di regolazioni, è dotato di soluzioni molto recenti. Ad esempio, l’auto restart è una di queste. Ma ci sono anche la modalità silenziosa, per utilizzarlo durante la notte o Low Voltage Startup, che assicura consumi ancora minori, in modo da poterlo utilizzare in casa con altri apparecchi. Curioso di conoscere le offerte climatizzatori? Continua a leggere.

climatizzatore portatile

Quali sono le caratteristiche tecniche

Questo climatizzatore da 12.000 BTU è adatto per stanze di media dimensione. L’unità interna da montare a muro, pesa 9 kg, mentre quella esterna 29. La classe energetica è molto elevata, sia in modalità caldo che freddo arriva ad A+++. La progettazione dell’apparecchio, è a basso impatto ambientale e dispone di diverse funzioni intelligenti, come lo sbrinamento, il cold draft prevention (che blocca la produzione di aria fredda quando il riscaldamento è attivo) e il low voltage startup, che permette al condizionatore di consumare molto poco all’avvio. Se desideri conoscere dei climatizzatori prezzi e offerte, segui i nostri link.

Ottimo il comfort offerto

Questo climatizzatore crea un ambiente molto confortevole. Innanzitutto, ha un flusso d’aria ottimizzato. In modalità raffreddamento, ad esempio, questo viene indirizzato in maniera orizzontale, mentre in modalità riscaldamento, scende a cascata. Dispone anche della modalità Sleep, che ne riduce la rumorosità, se lo installiamo ad esempio in camera da letto e lo utilizziamo durante la notte. Inoltre, dispone di un telecomando, un display digitale LCD e di un timer programmabile per 24 ore.

Vantaggi

  • Tantissime funzioni
  • Semplice da installare
  • Ottimo rapporto qualità/prezzo

Svantaggi

  • Il prezzo non è bassissimo