In questa tabella troverete i migliori baby monitor del 2018. Tra tutti i prodotti attualmente sul mercato, abbiamo valutato i baby monitor con videocamera proposti da vari brand, prendendo in considerazioni le funzioni e le caratteristiche di ciascun prodotto e il rapporto qualità/prezzo.

 ImmagineNomeValutazioneControlla il prezzo

1 di 5

baby monitor

GHB VB601

4.5

LEGGI LA NOSTRA RECENSIONE

CONTROLLA IL PREZZOsu amazon.it

2 di 5

video per neonati

Chicco 00002567100000

4.5

LEGGI LA NOSTRA RECENSIONE

CONTROLLA IL PREZZOsu amazon.it

3 di 5

carrozzine trio

HelloBaby HB24

4.5

LEGGI LA NOSTRA RECENSIONE

CONTROLLA IL PREZZOsu amazon.it

4 di 5

radioline neonati

Motorola MBP 33S

4.0

LEGGI LA NOSTRA RECENSIONE

CONTROLLA IL PREZZOsu amazon.it

5 di 5

baby camera

HelloBaby HB32

4.0

LEGGI LA NOSTRA RECENSIONE

CONTROLLA IL PREZZOsu amazon.it

Cosa sono i baby monitor?

I baby monitor sono dei prodotti utilizzati, nelle prime fasi della crescita del bambino, dai genitori che vogliono tenere sotto controllo i propri piccoli. Se il bambino dorme in un’altra stanza o addirittura al piano superiore dell’abitazione, anziché tendere l’orecchio ad ogni minimo rumore, o recarsi in continuazione a controllare che sia tutto ok e che il bimbo dorma tranquillamente, sarà possibile guardarlo attraverso il baby monitor, una sorta di dispositivo video per neonati, e assicurarsi che stia riposando senza problemi.

Oggi sono molti i produttori di questo strumento che diventa via via più performante e che sta sostituendo quasi completamente i tradizionali baby monitor provvisti soltanto della funzione audio e non di quella video. Si tratta in questo caso, di una sorta di interfono per bambini che trasmette la voce del bambino attraverso una trasmittente, una sorta di walkie talkie, al ricevitore collocato in un’altra stanza. Ancora molto diffuse queste radioline per neonati, esistono anche nella versione a due vie, che quindi oltre che a trasmettere la voce del bambino, permettono anche al genitore di parlare al proprio cucciolo, magari per rassicurarlo.

I prodotti per il babycontrol moderni sono molto più performanti e oltre a trasmettere l’audio, come avveniva un tempo, consentono di osservarlo attraverso una baby camera che trasmette i segnali a uno schermo che viene controllato dalla mamma, dal papà, o da chi si prende cura del piccolino. Si tratta dunque di baby monitor video, che oltre a permettere di osservare il bambino mentre dorme o riposa in un’altra stanza, dà la possibilità anche di parlargli e di far sentire la rassicurante voce del genitore, oltre a numerose altre funzioni opzionali, come quella di fargli ascoltare una ninna nanna per facilitare il sonno.

Come funzionano i baby monitor?

I baby monitor audio funzionano come le classiche ricetrasmittenti o i vecchi walkie-talkie che si usano da bambini per giocare e vivere avventure con i propri amichetti. Per quanto riguarda la trasmissione del segnale, è importante momento dell’acquisto scegliere un prodotto con una frequenza della trasmissione di almeno 40 MHz, per garantire un segnale sempre chiaro e soprattutto per evitare interferenze con altri dispositivi presenti in casa come telefoni cordless.

Per quanto riguarda i baby monitor di ultima generazione, quindi dotati di una telecamera, questi sono formati da vari elementi che funzionano alimentati da energia elettrica o con batterie ricaricabili, e che trasmettono un segnale in grado di coprire una distanza che va da 100 metri fino a 300 metri circa, anche se questa diminuisce molto in presenza di ostacoli. Esistono baby monitor che si appoggiano alla rete wireless già presente in casa e quindi il loro funzionamento è legato al modo in cui viaggia la connessione Internet.

La telecamera in dotazione trasmette il segnale all’unità in possesso dei genitori, il controller, i quali possono , guardandolo, il proprio bambino e possono fare operazioni come ad esempio lo zoom per osservarlo più da vicino, o direzionare la telecamera per dare un’occhiata a tutta la camera. Spesso le telecamere sono dotate di propri sensori che permettono di orientarsi e seguire il bambino, qualora si muove. Oltre al movimento automatico, molto utile quando i bimbi hanno imparato a gattonare e a muoversi autonomamente, molti modelli sono provvisti di sensori per il rumore, che attivano la camera e il monitor sono quando rilevano una voce o il pianto del bimbo, consentendo un notevole risparmio energetico. Inoltre i monitor di questo tipo permettono in genere una comunicazione di tipo bidirezionale, per cui oltre alla possibilità che il genitore ha di ascoltare ciò che avviene nella camera dove riposa il piccolo, c’è anche la possibilità di far sentire la propria voce e rassicurarlo se magari si sveglia, accompagnandolo con suoni a lui familiari.

Elementi del baby monitor

Come abbiamo detto i baby monitor sono formati da una serie di elementi che tutti insieme creano una sorta di circuito che gli permette di svolgere la loro funzione di controllo. L’elemento principale è la telecamera. Si tratta di una videocamera, in genere dalla forma molto compatta, che viene posta nella stanza del bambino e che ha anche la possibilità di muoversi automaticamente oppure si muove quando il movimento viene richiesto dal controller.

Un altro elemento è lo schermo. Attraverso il display posto sul controller il genitore o chi controlla il piccolo, può visualizzare le immagini inviate dalla videocamera. In genere il controller ha le dimensioni di un normale smartphone, e su di esso lo schermo, varia per dimensione, da 1,5 a poco più di 3 pollici, e in genere è di tipo LCD, che favorisce una buona qualità dell’immagine.

Oltre a questi elementi, fondamentale è la presenza di un alimentatore che si collega alla corrente elettrica e permette appunto di alimentare sia le telecamere sia lo schermo. Per garantire una maggiore libertà in genere il controller è dotato di una propria batteria interna come una normale smartphone, che permette di portarselo dietro senza problemi, e che va ricaricata periodicamente.

Molti baby monitor non sono dotati di una unità di controllo per il genitore in quanto basano il loro funzionamento sull’interazione con lo smartphone o con il tablet, funzionano attraverso un App dedicata, hanno la connettività Wi-Fi inclusa e quindi si connettono attraverso la rete wireless domestica. In questo caso dato che il funzionamento è basato sulla connessione a Internet si abbatte il limite della distanza per il funzionamento di questo dispositivo, e si potrà controllare il bambino anche se si è fuori casa, ad esempio quando lo si affida alle cure di una babysitter.

Dimensioni medie dei baby monitor

Variando molto le tipologie di prodotti in vendita, variano anche le dimensioni dei vari elementi che compongono i baby monitor. Si può dire che generalmente i baby monitor audio sono più voluminosi dei modelli video. Questi sono composti da due trasmittenti in genere simili tra loro, che pesano dai 300 ai 600 grammi ciascuna, e possono essere alte anche 15-20 cm. Per quanto riguarda i baby monitor video, in questo caso i due elementi principali sono molto diversi tra loro: da un lato abbiamo la videocamera, e dall’altro il controller. La video camera assomiglia molto per peso e dimensioni a una normale webcam, in genere è provvista di un piedino che ne garantisce la stabilità, anche quando si orienta seguendo il movimento del bambino. Il controller con lo schermo assomiglia invece a uno smartphone, per dimensioni e peso. Questi in genere sono alti dai 12 ai 20 cm, larghi dai 6 ai 9 cm, e spessi 2-3 cm. Il loro peso si attesta sui 200-300 grammi, e hanno schermi che vanno da 1,5 a 3,2 pollici. Quando lo schermo è più grande, in genere occupa l’intera superficie del controller, e funziona con modalità touch screen, oppure ha i tasti funzione posti sui lati.

Caratteristiche del design dei baby monitor

Il design dei baby monitor dipende varia molto in base ai modelli, pur mantenendo una serie di caratteristiche comuni. Per quanto riguarda il baby monitor audio, in genere le due trasmittenti sono caratterizzati da colori tenui, prevale il bianco con dettagli colorati, e da forme tondeggianti. Si tratta di dispositivi che devono essere in grado di stare in piedi da soli, e che comunque devono essere molto resistenti in quanto facilmente il bambino vi può accedere e cominciare a giocarci. Le ricetrasmittenti dei modelli audio, in genere sono molto semplici, hanno dei comandi base, come quelli per l’accensione e lo spegnimento, che si presentano sotto forma di tasti, e un regolatore del volume, oltre all’antenna che serve per trasmettere e ricevere il segnale. Questi dispositivi presentano inoltre l’altoparlante, attraverso cui i genitori sentono ciò che accade nell’altra stanza, e il microfono, attraverso si può comunicare con il bambino.

Per quanto riguarda i baby monitor video, questi sono formati da due elementi diversi: il controller con lo schermo attraverso cui il genitore può guardare ciò che accade nell’altra stanza, e la videocamera. Quest’ultima in genere è molto piccola e compatta spesso ha la forma di un piccolo globo con il suo occhio elettronico, in grado di ruotare per catturare varie angolazioni della camera in cui viene collocata. In altri casi la videocamera ha addirittura la forma di una pupazzetto, con sembianze molto carine, magari un piccolo orsacchiotto, che lo rendono un oggetto molto gradevole da porre nella stanza del bambino. L’elemento di controllo da parte del genitore assomiglia per forma e dimensioni a uno smartphone, e presenta in genere un piccolo schermo nella parte superiore con alcuni tasti per i vari elementi di controllo nella parte inferiore, oppure ha lo schermo più grande che copre quasi tutta la superficie del ricevitore, e i tasti sono posti sul lato oppure vi sono tasti di selezione touch posizionati proprio sullo schermo.

Ho davvero bisogno di un baby monitor?

Quando si aspetta un bambino spesso si viene presi dalla frenesia degli acquisti, cercando di accoglierlo in casa nel momento in cui arriva, ben equipaggiati con tutto ciò che può servirgli. Si parte dall’acquisto di carrozzine trio, della culla, del fasciatoio, e spesso, presi dal desiderio di garantire il meglio al nostro cucciolo, si finisce con il comprare anche oggetti che non sono necessari e probabilmente non verranno utilizzati. Il baby monitor spesso è anche oggetto di regalo: amici e parenti, infatti, cercano sempre nuove idee, e regalare una ricetrasmittente audio o un baby monitor Wi-Fi può essere un’idea per far felici i neo genitori un po’ ansiosi. Prima di procedere all’acquisto di un prodotto che magari resterà sotto utilizzato è importante valutare se se ne ha davvero bisogno. Se la casa in cui si vive è molto grande e la stanza del bambino è lontana dalla camera da letto dei genitori, per garantire sogni più tranquilli a mamma e papà, nel momento in cui si decide di far passare la notte al bimbo in un altra camera, il baby monitor sarà molto utile. In questo caso andrà bene anche un dispositivo con funzione audio, dato che durante la notte difficilmente i genitori se ne staranno a guardare lo schermo.

Durante il giorno quando il bambino fa lunghi sonnellini mentre la mamma o il papà sono impegnati in altre faccende, avere una ricetrasmittente accesa in camera può permettere di rilassarsi e dedicarsi ad altro senza dover continuamente andare a controllare il piccolo. Nelle abitazioni a più livelli il baby monitor risulta quasi necessario, se si vuole evitare che mentre il bimbo riposa al piano di sopra, il genitore debba salire e scendere in continuazione. Un baby monitor wi-fi sarà invece utile nel momento in cui il genitore lavora fuori casa e vuole controllare il lavoro della baby-sitter, di cui non ha ancora piena fiducia, o sapere come si comporta il bambino quando passa del tempo con altre persone come i nonni o gli zii.

Se la propria abitazione è piccola, e il bimbo dorme in camera con noi, e anche quando riposa durante il giorno è a portata di orecchio e di occhio, forse l’acquisto di monitor non è necessario, soprattutto se la mamma o il papà passano tutto il proprio tempo con il proprio bambino.

Come scegliere il baby monitor adatto alle tue esigenze?

Per quanto riguarda l’acquisto di un baby monitor e quale scegliere, è importante valutare tutta una serie di elementi e soprattutto le proprie esigenze. Se si desidera utilizzare il baby monitor come un semplice controllo del sonno del bambino, che magari riposa nella stanza accanto a quella in cui ci troviamo noi, il dispositivo audio baby monitor potrà senz’altro essere sufficiente. Si tratta di baby monitor dai prezzi più contenuti e che soddisfa appieno la funzione principale per cui questo oggetto è stato creato. Per tutti i genitori che hanno un’indole più tecnologica, e che comunque desiderano funzioni extra, e quindi oltre a sentire il pianto del bambino vogliono controllarlo visivamente, allora la scelta dovrà propendere per forza di cose su un dispositivo video con funzioni extra. Ancora, se si ha l’esigenza di voler controllare il bambino a distanza, non essendo presenti in casa, si dovrà propendere per un wifi baby monitor che si appoggia alla rete wireless e che può essere controllato tramite App da telefono o tablet.

I baby monitor hanno prezzi variabili, questi spesso dipendono dalle funzioni extra di cui i vari dispositivi sono dotati. Oltre alla funzione principale di questi prodotti, che è quella di trasmettere l’audio e il video dalla stanza in cui il bambino sta facendo un sonnellino, vi sono tutta una serie di funzioni accessorie che rendono questi prodotti più performanti. Molti baby monitor hanno la possibilità della visione notturna, quindi la videocamera è dotata della funzione a infrarossi che permette di monitorare il bambino anche quando la stanza è immersa nel buio, inoltre alcune videocamere sono provviste anche di una luce notturna, che illumina parzialmente l’ambiente, garantendo una migliore resa in termini di video. Vi sono poi dei baby monitor provvisti di sensori per la temperatura, che in pratica misura e comunica in tempo reale la temperatura della camera in cui il bambino sta riposando. Oltre a questo tipo di sensore, la maggior parte delle videocamere e dotata di sensori di movimento in modo da garantirne l’orientamento automatico nel momento in cui il bambino si muove, o di sensori per la voce, che le attivano non appena percepiscono dei suoni. I baby monitor più accessoriati sono provvisti anche di elementi da applicare al corpo del bambino, come ad esempio un braccialetto, che possono rilevarne il battito cardiaco. Per finire alcuni prodotti hanno la possibilità di emettere melodie e ninna nanne, che possono rilassare i bambini e aiutarli ad addormentarsi. Queste possono essere selezionate e avviate a distanza dal genitore, inoltre alcuni modelli possono essere collegati a dispositivi mp3, e suonare così la musica scelta da mamma e papà.

Quanto sono affidabili i baby monitor?

I dispositivi baby monitor audio sono sicuramente molto affidabili. Uno dei problemi che questi possono presentare è relativo alle interferenze. Si tratta comunque di dispositivi che possono comunicare in maniera analogica o digitale, e una volta che ci si è accertati che la distanza tra i vari ambienti è coperta dal segnale, si può stare tranquilli sul funzionamento di questi oggetti, e sulla loro affidabilità. Un altro problema che può presentarsi con questo tipo di prodotto sta nell’alimentazione. In caso di mancanza di energia elettrica, chiaramente il prodotto che funziona direttamente collegato alla rete, e non è provvisto di batteria interna, smetterà di funzionare. Al contrario quelli che sono alimentati a batteria smetteranno di funzionare nel momento in cui le batterie sono scariche. Ma alcuni di questi prodotti sono dotati dell’indicatore delle batterie per poterle sostituire o ricaricare in tempo, non appena ci si rende conto che si stanno per scaricare, e non correre il rischio di restare senza copertura. Più complesso è il discorso per quanto riguarda i baby monitor di ultima generazione. In questo caso il loro funzionamento è legato a vari elementi, che essendo più tecnologici e più performanti, possono risultare anche più delicati e più a rischio di malfunzionamento. In genere il miglior baby monitor è quello che garantisce un funzionamento continuativo, avendo un tipo di connettività che possa evitare tutte le interferenze con i numerosi apparecchi presenti in una normale abitazione. Per quanto riguarda il WiFi baby monitor il suo funzionamento è legato a quello della rete Internet casalinga. In questo caso molti problemi possono sorgere nel momento in cui la connessione sia altalenante, ed essendo un dispositivo che viene utilizzato a distanza, una volta caduta la connessione, c’è poco da fare: inevitabilmente l’attività di controllo dei genitori si interrompe. In ogni caso, sarà importante scegliere un prodotto che possa garantire la trasmissione dei dati audio e video in maniera sicura, garantendone quindi la privacy.

Ci vuole molto tempo per impostare il baby monitor?

Anche per quanto riguarda l’impostazione dei baby monitor in casa, la differenza principale sta tra i dispositivi audio e quelli video. Per quanto riguarda il baby monitor audio, come abbiamo avuto già modo di dire, si tratta di una sorta di walkie talkie o interfono, quindi per impostarlo sarà sufficiente posizionare una trasmittente nella camera del bambino, collegarla alla presa elettrica e accenderla, eventualmente, se presenti, selezionare uno dei canali di trasmissione. Una volta accesa la ricevente, si potrà a provare subito se funziona o se sarà il caso di cambiare il canale di trasmissione, o regolare l’audio.

Per quanto riguarda un baby monitor video, la prima cosa da fare è posizionare la telecamera nella camera del bambino. Questa telecamera va collegata all’alimentazione elettrica quindi bisogna scegliere con cura una posizione adatta affinché possa essere collegata alla presa di corrente ma sia al tempo stesso non troppo vicina al bambino. Si consiglia una distanza di almeno 1 m dal piccolo. Per quanto riguarda il monitor, va collegato all’alimentazione elettrica, oppure se dotato di batterie ricaricabili va ricaricato completamente. Una volta acceso, il monitor dovrebbe percepire automaticamente il segnale video che viene inviato dalla telecamera. Per assicurarsi di un funzionamento ottimale, sarà bene controllare sempre il livello della batteria e anche il livello del segnale che spesso è segnalato da indicatori presenti proprio sullo schermo.

Se invece si predilige un baby monitor Wi-Fi, che funziona quindi grazie a uno smartphone o un tablet, prima di tutto andrà scaricata l’app dedicata, prevista dal dispositivo. Una volta scaricata l’applicazione sul proprio smartphone o tablet, il genitore dovrà registrarsi, prima di poter cominciare a utilizzarla. In seguito bisognerà quindi stabilire un collegamento con la videocamera, e e quindi il dispositivo mobile assumerà la funzione di un controller. Questa terza modalità è sicuramente un po’ più complessa rispetto alle due precedenti ed è adatta soprattutto a quei genitori che hanno molta familiarità con le nuove tecnologie, oltre alla necessità di controllare il bambino anche quando sono fuori casa. Ovviamente, basandosi sul funzionamento della rete Internet, le prestazioni di questo dispositivo sono direttamente legate all’andamento della connessione. Se si vive in una zona in cui la connessione e altalenante, la funzione di controllo del bambino non potrà essere garantita in ogni momento.

Suggerimenti sull’utilizzo di un baby monitor

Dopo aver compreso che cos’è un baby monitor, quali sono le tipologie di prodotto in commercio, come sono fatti e come funzionano, sarà bene utilizzarli nel modo giusto. Si può acquistare infatti il miglior baby monitor ma poi farne un utilizzo sbagliato, così da trasformarlo da elemento per garantire la sicurezza del proprio bambino nel suo contrario.

I primi fattori che riguardano un utilizzo in sicurezza di questo oggetto hanno a che fare con il posizionamento della videocamera o della trasmittente, nel caso di baby monitor audio. Si raccomanda di non posizionare mai questi all’interno della culla oppure sui bordi di essa. I fili rappresentano un grave pericolo per il neonato in quanto possono provocarne il soffocamento, ma anche i dispositivi cordless non sono giocattoli che il bambino può toccare e con cui divertirsi, dato che sono formati da parti piccole, e sono alimentati da energia elettrica o batterie. Come per ogni dispositivo del genere, sarà bene assicurarsi sempre di tenere il prodotto all’asciutto, non utilizzarlo né azionarlo quando si hanno le mani umide o bagnate. Se si utilizzano monitor collegati alla rete Internet sarà bene proteggere la propria privacy, utilizzando delle password sicure quando ci si registra alla App, e assicurarsi che la connessione sia protetta e crittografata.

Nel caso il baby monitor sia provvisto di sensori per i rumori, si raccomanda di settare la sensibilità, ove possibile, al livello più adatto al tipo di ambiente, per evitare che la telecamera e il monitor si attivino per rumori provenienti dall’esterno, come ad esempio l’abbaiare di un cane o il suono di un clacson.

L’ultimo suggerimento è quello di non lasciarsi prendere da un falso senso di sicurezza. Dopo aver posizionato il baby monitor i genitori stanno tranquilli, affidandosi a ciò che percepiscono attraverso la ricetrasmittente o a ciò che vedono attraverso il video. Il fatto che il bambino sia controllato tramite questi oggetti non vuol dire che sia al sicuro, e il baby monitor non sostituisce di certo un controllo fatto di persona per accertarsi che tutto sia ok. Ad esempio, l’assenza di rumore o di movimento non è un segnale rassicurante nel momento in cui il bimbo è colto da malore durante il sonno, per cui si raccomanda sempre di utilizzare questo dispositivo come supporto al controllo del bambino, utilizzando il proprio buon senso di genitore. Bisogna ricordare che i neonati percepiscono la presenza del genitore e la loro vicinanza, anche nel sonno, come un elemento che gli dona sicurezza, e che non può essere sostituita da un dispositivo che ne tramette la voce. Quindi bisogna evitare di sostituire il calore parentale con un baby monitor e deputargli un ruolo e una funzione di cura che non può e non deve avere.

Qui di seguito proponiamo le recensioni dei migliori baby monitor presenti sul mercato, valutando le loro caratteristiche, il rapporto qualità prezzo e le varie funzioni che offrono, oltre all’elenco di vantaggi e svantaggi di ogni prodotto per facilitare la scelta tra le varie opzioni disponibili sul mercato.

 

1. GHB VB601 Revisione

Informazioni sul produttore

GoHappyBuy o più in breve GHB è un rivenditore collegato all’azienda Dongguan Hua Kun Jidian Co. Ltd con sede in Cina, che si occupa di vendere online prodotti spesso collegati alle nuove tecnologie. Dalle lampade, agli accessori per smartphone e tablet, ai teli copri moto, l’azienda propone un’ampia gamma di prodotti a prezzi competitivi su piattaforme di e-commerce come Amazon.

baby monitorInformazioni sul prodotto

Il baby monitor GHB è un prodotto composto da due elementi che consente di controllare i propri piccoli, stando in un’altra stanza, anche in condizioni di scarsa o nessuna illuminazione. Grazie agli infrarossi, infatti, anche se il bimbo è al buio si avrà la possibilità di vederlo. Si tratta di un oggetto senza fili, quindi facilmente portatile da un ambiente all’altro.

Caratteristiche speciali del prodotto

La trasmissione del segnale avviene a 2Ghz, e garantisce la trasmissione fino a 50 metri in casa, e fino a 260 metri all’aperto, in situazioni in cui non vi siano ostacoli fisici. Il baby monitor è dotato di rilevatore della temperatura ambientale, dell’opzione musica, con 8 melodie disponibili e selezionabili dal controller, di un display LCD e della funzione di allarme.

Qualità del prodotto

Questo prodotto in vendita a un prezzo medio, offre molte funzioni, e come abbiamo detto la videocamera è dotata di sensore per la temperatura e anche di sensore LED per la luminosità che permette di attivare automaticamente la modalità infrarossi. La presenza dell’allarme permette di stare in tutta sicurezza.

Vantaggi:

  • Display LCD a colori
  • Modalità infrarossi con sensore applicato alla telecamera
  • Sensore di temperatura ambientale
  • 8 melodie musicali azionabili attraverso il controller

Svantaggi:

  • Distanza massima in casa 50 m
  • Non ha il sensore di movimento
  • Lo schermo rimane sempre acceso, il che comporta un maggiore utilizzo della batteria
CONTROLLA IL PREZZO SU AMAZON.IT

 

2. Chicco 00002567100000 Revisione

Informazioni sul produttore

Nel 1958 Pietro Catelli fonda la Chicco, un’azienda che nasce come branca di Artesana, dedicata esclusivamente alla creazione e alla vendita di prodotti per la prima infanzia. Ancora oggi Chicco è un brand di riferimento per i prodotti da 0 anni in su, in Italia e nel mondo.

video per neonatiInformazioni sul prodotto

Il baby monitor Chicco, Top Digital Video, permette di restare in contatto con il proprio piccolo grazie alla modalità di comunicazione a due vie. Attraverso l’ampio display touch screen si possono selezionare tutte le voci del menù. La connessione con tecnologia digitale elimina le interferenze, garantendo la migliore comunicazione tra le due unità, queste possono funzionare sia collegandole alla rete elettrica, sia con le batterie per garantire ampia possibilità di movimento. È presente il sensore per la temperatura, e anche una selezione di 5 melodie, inoltre può essere collegato al lettore MP3.

Caratteristiche principali che lo differenziano da prodotti simili

Il controller ha un display LCD con funzionalità touch-screen, di 3 pollici quindi abbastanza ampio, esso è inoltre dotato di uno zoom digitale che può ingrandire l’immagine di due volte. Il menù contiene molte funzioni extra, come la possibilità di impostare dei promemoria, e una rubrica. Inoltre si possono scattare foto e registrare video.

Rapporto qualità prezzo

Il prezzo di questo prodotto della Chicco non è dei più bassi, ma considerando le funzioni che offre, e la qualità del brand italiano, oltre che la garanzia fornita con il prodotto, si tratta di una spesa giustificata. Il prodotto ha un ampio raggio d’azione, si parla di 150 metri, che lo rende utilissimo anche in ambienti molto grandi.

Vantaggi:

  • Display LCD 3 pollici
  • Raggio d’azione di 150 metri
  • Si può collegare al lettore mp3
  • Zoom digitale 2X

Svantaggi:

  • Prezzo abbastanza medio alto
  • Durante la videosorveglianza non si possono ascoltare le melodie
CONTROLLA IL PREZZO SU AMAZON.IT

 

3. HelloBaby HB24 Revisione

Informazioni sul produttore

Hello Baby viene fondata nel 2007 nei dintorni di Londra da Trevor Ginn, un padre con l’obiettivo di aiutare altri genitori nel trovare i prodotti di cui hanno bisogno, tutti nello stesso posto. Nel corso degli anni, l’azienda a conduzione familiare è cresciuta, e oggi propone più di 3000 prodotti destinati ai bambini, di alta qualità, pratici e divertenti.

carrozzine trioInformazioni sul prodotto

Un baby monitor dotato di un controller con schermo LCD da 2,4 pollici, che consente uno zoom ottico 2X, si collega in modalità wireless, senza bisogno di appoggiarsi alla rete wi-fi domestica. La videocamera ha la visione notturna a infrarossi, e ha un raggio d’azione, senza blocchi, di 300 metri. Ha un sensore che si attiva con la voce del bambino, il sensore per rilevare la temperatura ambientale e la possibilità di riprodurre musica per far addormentare il bambino.

Utilizzi principali del prodotto

Questo baby monitor permette di controllare il sonno del bambino ed essere avvisati quando si sveglia, grazie ai sensori che rilevano la voce. Il suo funzionamento wireless e la distanza coperta consentono di portarlo in giro per casa senza problemi. Può anche essere utilizzato per favorire il sonno del piccolo, facendogli ascoltare le melodie incluse nel prodotto.

Informazioni sulla qualità del prodotto

A un prezzo tutto sommato contenuto, questo baby monitor garantisce un ampio raggio nella comunicazione tra i due elementi grazie a una tecnologia wireless che funziona a 2,4 GHz e che garantisce il mantenimento costante del segnale e soprattutto la privacy dei dati scambiati. Il prodotto offre molte funzioni, mantenendo comunque la semplicità nei comandi posti sul controller, che lo rendono molto agevole da utilizzare.

Vantaggi:

  • Facile da usare
  • Connettività a 2,4GHz molto sicura
  • Sensori che rilevano la voce
  • Schermo LCD con zoom 2X
  • Raggio d’azione di 300 m

Svantaggi:

  • Manuale di istruzioni in inglese
  • Visione notturna non molto chiara
CONTROLLA IL PREZZO SU AMAZON.IT

 

4. Motorola MBP 33S Revisione

Informazioni sul produttore

Fondata nel 1927, la Motorola inizialmente si chiamava “Galvin Manufacturing Corporation”. Assunse il nome attuale nel 1947, quando cominciò a produrre autoradio. In seguito si specializzò nella produzione di ricetrasmittenti per le forze armate USA. Il boom arrivo con la produzione di telefoni cellulari.

radioline neonatiInformazioni sul prodotto

Il baby monitor MBP33S prodotto da Motorola funziona in modalità wireless, e ha uno schermo LCD da 2,8 pollici. È dotato di zoom, permette la comunicazione bidirezionale, e grazie agli infrarossi consente anche la visione notturna. Funziona con un segnale  2.4 Ghz FHSS, che garantisce la completa privacy dei dati trasmessi, e impedisce qualunque tipo di interferenza.

Rapporto qualità prezzo

Il prodotto è di fascia medio/alta, ma si presenta come un’oggetto dal design gradevole e funzionale. Il microfono ad alta sensibilità permette di trasmettere i suoni emessi dal bambino, è provvisto di un sensore per la temperatura, e ha le melodie da far ascoltare al bimbo come ninna nanna. Lo schermo è ampio e luminoso e i comandi sono posti ai lati, in modo da essere comodi e accessibili.

Cura e manutenzione del prodotto

Il prodotto funziona con batterie ricaricabili, quindi prima di metterlo in azione andrà collegato alla presa di corrente per caricarlo. Sarà bene posizionare la telecamera in posizioni di sicurezza, dove non può essere raggiunta dal bambino. Non posizionare la telecamera all’interno della culla, o sul bordo di questa. Per la pulizia dello schermo utilizzare un panno asciutto per rimuovere la polvere, oppure una pezzuola per pulire gli occhiali, per eliminare macchie dallo schermo o dall’obiettivo della camera.

Vantaggi:

  • Funzione bidirezionale
  • Collegamento con tecnologia criptata per la privacy e anti- interferenze
  • Zoom ottico 2X
  • Melodie pre-registrate

Svantaggi:

  • La telecamera funziona solo se collegata alla presa di corrente
  • Non è provvisto del sensore che rileva la voce e lo attiva
  • Le batteria non hanno una grande autonomia
CONTROLLA IL PREZZO SU AMAZON.IT

 

5. HelloBaby HB32 Revisione

Informazioni sul prodotto

Baby monitor prodotto dall’azienda inglese Hello Baby, con un display LCD ampio, da 3,2 pollici. Consente la visione notturna, grazie alla tecnologia infrarossi, e copre una distanza di 300 metri senza ostacoli. Grazie alla tecnologia wireless, con tecnologia di trasmissione da 2,4 GHz FHSS, garantisce il massimo della sicurezza e l’assenza di interferenze.

baby cameraCaratteristiche principali che lo differenziano da prodotti simili

Questo baby monitor ha il sensore per il controllo della temperatura, comunica in maniera bidirezionale quindi la madre, oltre a sentire il bimbo, gli potrà parlare per rassicurarlo. Permette di riprodurre musica per aiutare il piccolo a prendere sonno. I pulsanti grandi e posti ai lati dello schermo consentono un utilizzo comodo e molto semplice.

Altre funzioni del prodotto

Il monitor da 3,2 pollici è molto ampio e ha la funzione di zoom ottico, che permette di ingrandire di una volta la dimensione dell’immagine per focalizzarsi sul bimbo, e ha la luminosità regolabile per consentire la migliore visione in tutte le circostanze. Un sensore permette di attivare il monitor solo in presenza di voci o rumori, e consente di risparmiare energia; può essere impostato a due livelli di sensibilità.

Cura e manutenzione del prodotto

Per usare il prodotto collegare la videocamera alla rete elettrica e caricare il dispositivo con monitor collegando anche questo presa di corrente. Posizionare la telecamera in posizioni che non comportino pericolo per il neonato. Non posizionare la telecamera all’interno della culla, o sul bordo. Per la pulizia dello schermo rimuovere la polvere con un panno asciutto; utilizzare una pezzuola da occhiali, per eliminare macchie dallo schermo o dall’obiettivo della camera.

Vantaggi:

  • Schermo ampio da 3,2 pollici
  • Sensore vocale che attiva il monitor, impostabile a due livelli di sensibilità
  • Tecnologia FHSS a 2,4 GHz garantisce sicurezza

Svantaggi:

  • Non sono presenti le istruzioni in italiano
  • L’audio ha solo due livelli di regolazione
CONTROLLA IL PREZZO SU AMAZON.IT