Se hai già acquistato un amplificatore audio per il tuo impianto o stai pensando di acquistarne uno, questa guida ti aiuterà a sbloccare in ogni caso, tutto il suo potenziale.

Anche se l’idea di un’installazione plug’n play non ci dispiace, per ottenere il meglio da un amplificatore, ci sono molte cose da tenere in considerazione. Collegarli ed accendere semplicemente ad un rack audio, potrebbe non essere una cattiva idea, solo che non li farà funzionare al massimo delle loro possibilità.

Siamo certi che se hai speso un pochino di soldi o lo stai per fare, desideri il meglio dal tuo apparecchio. Dall’abbinamento con l’impianto al posizionamento, ci sono molti aspetti che devi prendere in considerazione prima di comprare amplificatore. Vediamo insieme quali sono.

Integrato contro pre/power

Se hai già acquistato il tuo amplificatore musica e ora non vedi l’ora di metterlo in funzione, puoi saltare direttamente alla sezione “Abbinamento del sistema”. Ma se sei arrivato qui e non sai ancora quale amplificatore scegliere per il tuo sistema, allora continua pure a leggere. In commercio, puoi trovare due amplificatori differenti: integrati o pre/alimentati.

Il primo è la scelta più semplice, conveniente e salvaspazio: integra sia l’amplificatore che il pre/power nello stesso chassis. Ciò significa che tutto è già sintonizzato, risparmiandoti parte del lavoro, che bisogna eseguire con amplificatori separati.

Gli amplificatori a chassis, d’altro canto, prevedono la pre-amplificazione (selezione dell’ingresso e controllo del volume, fondamentalmente) dall’amplificazione di potenza. L’idea è di mantenere il circuito sensibile del preamplificatore (e i segnali audio che lo attraversano), lontano dalla sezione dell’amplificatore di potenza ad alta corrente elettricamente rumorosa.

Avere sezioni di alimentazione separate, aiuta anche a migliorare il suono. In questo modo si raddoppia il conteggio dei componenti ma, finché i pre e gli amplificatori di potenza funzionano insieme in modo simbiotico, dovresti goderti prestazioni migliori.

Il modo più ovvio di selezionare la pre e l’amplificazione di potenza che funziona bene insieme, è di rimanere all’interno della gamma di un marchio. Invariabilmente saranno stati messi a punto per funzionare bene insieme.

Se hai intenzione di andare fuori pista e mescolare e abbinare, sappi che alcuni abbinamenti funzioneranno meglio di altri. Il modo migliore per scoprire qual è quello che funziona meglio, è per trial and error (tentativi ed errori).

E questo è vero soprattutto quando si tratta di abbinare i componenti sorgente all’amplificazione. L’affinità sonora può essere determinata in un certo senso dal buon senso. Se la fonte, ad esempio un lettore CD, si trova sul lato positivo del neutro, non dovrebbe essere associata a un amplificatore stereo con un carattere simile.

Abbinamento del sistema

L’abbinamento di un amplificatore agli altoparlanti stereo è estremamente importante, e ci sono alcune cose che vale la pena considerare per assicurarsi che si completino a vicenda, proprio come pane e burro al mattino.

Ti sei mai grattato la testa di fronte a specifiche come 75W su 8 ohm? Permettimi di spiegare. La partnership speaker/amplificatore non si riduce solo alla potenza di uscita dell’amplificatore (quanti watt è in grado di erogare a ciascun canale di un segnale musicale), ma anche all’impedenza (misurata in ohm) e alla sensibilità (dB).

L’impedenza, in parole povere, misura quanto sia difficile per l’altoparlante guidare l’amplificatore. La sensibilità di un altoparlante, invece, è una misura di quanto forte sarà un altoparlante per un determinato input.

Il modo standard per misurare l’uscita di un amplificatore, è collegarlo a un resistore da 8 ohm e misurare la potenza prima che la distorsione diventi troppo alta. Tuttavia, il carico elettronico di un altoparlante è molto più vario di un semplice resistore, quindi dovremmo stare attenti a giudicare la forza di un amplificatore semplicemente dalla cifra di 8 ohm.

Per comprendere meglio quanti “muscoli” ha un amplificatore, bisogna confrontare la sua potenza in 8 ohm con quella in 4 ohm. Un amplificatore ideale raddoppierà la sua uscita come metà di impedenza; quindi, sebbene la maggior parte non la raggiunga, più si avvicina e meglio è.

Anche se potresti essere tentato dallo scegliere l’amplificatore più potente che ti puoi permettere, di solito farai meglio ad acquistare un diffusore più sensibile. Questo perché l’uscita dell’amplificatore deve raddoppiare per corrispondere a un aumento di 3dB della sensibilità degli altoparlanti.

Ma i numeri possono solo dirti questo, e il miglior test per valutare se i componenti funzionano bene insieme è quello di usare le orecchie e ascoltare.

Il posizionamento

Sei riuscito a trovare la corrispondenza migliore. Questo ci porta alla nostra prossima domanda: dove lo devi posizionare?

La superficie su cui si trova l’amplificatore stereo può fare un’enorme differenza in termini di prestazioni. I mobili IKEA potrebbero non essere nella parte inferiore del nostro elenco, ma consigliamo vivamente di posizionarlo su un rack dedicato al Hi-Fi.

La tua scelta di un rack non dovrebbe essere basata solo sull’aspetto. Materiali diversi hanno proprietà acustiche diverse, quindi prendi in considerazione anche questo aspetto.

In generale, i ripiani in vetro tendono a incoraggiare il kit a suonare in avanti, mentre i supporti in legno tendono a produrre un equilibrio più caldo e arrotondato.

Tutta quella potenza sotto lo chassis, può accumularsi ad una temperatura piuttosto elevata, quindi è importante anche dare all’amplificatore qualche centimetro di spazio per respirare da una parete o da un rack, per impedirne il surriscaldamento.

Le connessioni

Prima di posizionarlo “schiena al muro”, vale la pena guardare il pannello posteriore del tuo amplificatore stereo e scoprire quali opzioni sono disponibili per quanto riguarda la connessione di fonti, altoparlanti extra e futuri aggiornamenti.

Tutti gli amplificatori stereo hanno ingressi RCA, che possono essere utilizzati per tutte le solite fonti: streamer, lettori CD e così via. Una di queste connessioni RCA è a volte anche un ingresso phono, progettato specificamente per essere collegato a un giradischi e gestire i livelli di segnale molto bassi e l’equalizzazione aggiuntiva necessaria per tale sorgente.

Poi ci sono le connessioni XLR a tre pin, che trasportano segnali audio bilanciati. Questi si trovano di solito nello studio di registrazione e nella maggior parte dei prodotti di fascia alta. Il suo principale vantaggio è che rifiuterà alti livelli di rumore elettrico e quindi ha più senso quando viene utilizzato in ambienti elettricamente rumorosi o su cavi molto lunghi, ad esempio 10m o più.

Oggi giorno, ci sono molti amplificatori stereo che dispongono anche di un convertitore digitale-analogico (DAC) – e quindi di ingressi digitali – per aumentare la loro versatilità. Se questo è il caso anche del tuo amplificatore, allora potresti trovarti di fronte a diversi tipi di input digitali. Le connessioni ottiche trasmettono un segnale digitale da un dispositivo a un altro tramite cavi in fibra ottica e luce laser, mentre gli altrettanto comuni S/PDIF coassiali, portano i segnali elettricamente. Gli ingressi USB, disponibili in varie forme, sono spesso presenti anche per la riproduzione di chiavette USB, laptop o hard disk.

Di solito, però, le prestazioni di un DAC integrato lasciano molto a desiderare rispetto a un DAC esterno.

Il Bluetooth si sta facendo sempre più strada nella lista delle caratteristiche di molti amplificatori. I modelli del miglior amplificatore, sono dotati di Bluetooth integrato, ma anche di un dongle aggiuntivo. Altri, hanno anche il Wi-Fi integrato per lo streaming di rete, anche se è insolito per un amplificatore.

Per quanto riguarda le uscite, a volte è possibile aggiungere un subwoofer esterno per portare un extra al sistema. Le uscite del nastro sono uscite a livello di linea fissa (cioè non influenzate dal controllo del volume dell’amplificatore) che inviano un segnale di livello completo al kit collegato, normalmente una piastra a cassette. Ma una delle inclusioni più comuni è un’uscita per cuffie da 3,5 mm o 6,3 mm per collegare le cuffie e spesso funzioni sul pannello frontale di un amplificatore stereo.

Alcuni amplificatori stereo hanno anche due serie di terminali per diffusori – solitamente denominati zone “A” e “B” o “1” e “2” – che consentono di far funzionare due coppie di altoparlanti contemporaneamente (in stanze diverse, ad esempio ), anche se questo può avere un effetto negativo sulle prestazioni poiché essenzialmente la potenza dell’amplificatore viene condivisa in più modi.

Bi-amping

C’è anche l’opzione di bi-amping nel miglior amplificatore disponibile in commercio, che richiede almeno due amplificatori di potenza stereo (a meno che tu non abbia un ricevitore multicanale con canali di riserva) e altri cavi.

L’idea è che ogni amplificatore gestisce determinate frequenze o canali, anziché uno che gestisce tutto.

Riducendo il numero di unità di azionamento che un amplificatore deve alimentare, si semplifica il suo lavoro e va molto meglio.

Gli aggiornamenti

L’aggiornamento di un amplificatore, non significa necessariamente sostituire il vecchio con il nuovo. Il tuo amplificatore potrebbe già essere predisposto per un aggiornamento futuro.

Alcuni produttori, hanno connessioni dedicate per l’aggiunta di alimentatori esterni. Se un amplificatore integrato ha uscite pre-amplificate, quindi è necessario usarlo esclusivamente come pre-amplificatore e passare le funzioni di amplificazione su un altro amplificatore, è un altro ottimo modo per eseguire l’aggiornamento.

C’è anche la possibilità di aggiornare il cavo di alimentazione del tuo amplificatore, quindi approfittiamo del fatto che la maggior parte dei rivenditori ti permetterà di provare prima di acquistare.

Qualunque sia il resto del tuo sistema Hi-Fi e il tuo piano futuro, l’introduzione di un nuovo amplificatore stereo richiede un po’ di riflessione e un po’ di pianificazione avanzata.

Se tieni a mente tutto, dal tipo di equipaggiamento a cui il tuo amplificatore sarà accoppiato, al tipo di rack su cui posizionarlo, e considerando le opzioni per futuri aggiornamenti, allora sei destinato a sfruttare al meglio il tuo amplificatore.

 

1. Pioneer A-10-K Recensione

Se si parla di amplificatori, non possiamo non parlare di prodotti Pioneer (sicuramente tra i migliori del mondo). In particolare, questo Pioneer A-10-K è un prodotto di fascia media, disponibile in due diverse colorazioni, che con una spesa minima, vi “regala” un apparecchio piuttosto performante. Non si tratta del classico amplificatore economico da quattro soldi però. Esteticamente, il prodotto è molto valido. Come per ogni apparecchio Pioneer, nella parte anteriore troviamo tutti i comandi disponibili, mentre il logo è in rilievo e posizionato in alto a sinistra. Come accennato in precedenza, è disponibile in due colori: nero e argento.

amplificatore audio

Un apparecchio di qualità

Questo apparecchio, dispone anche di un’entrata per le cuffie ed è in grado di gestire con l’opportuno collegamento, fino a due diverse casse audio. Le due casse, inoltre, possono essere gestite in maniera indipendente, grazie alle due manopole presenti. Con la corretta configurazione e qualche semplice tocco, potremo decidere su quale cassa ascoltare la traccia o come dividere il suono tra le due. Inoltre, è presente un controllo preciso e funzionale per bassi, medi e alti. Infine, abbiamo una morbida manopola per il controllo del volume.

Adatto a palati fini

Nonostante il costo amplificatore non sia eccessivo, questo apparecchio è adatto anche a coloro che hanno esigenze più elevate. La potenza di questo amplificatore, è di 50 Watt x 2/4 Ohm. L’input, inoltre, può arrivare da più sorgenti diverse. Nel pannello posteriore, infatti, troviamo connessioni stereo, diversificate per canale sinistro e destro. Possiamo dunque connettere microfoni, lettori CD, sintonizzatori radio e molto altro ancora. Insomma, con un prezzo non troppo alto, è possibile portarsi a casa un amplificatore dalle indubbie qualità, tecniche e audio.

Vantaggi

  • Ottimo rapporto qualità/prezzo
  • Tante connessioni
  • Materiali eccellenti

Svantaggi

  • Manca l’entrata USB

 

2. GHB GA-200 Recensione

GHB è un marchio molto noto per la vendita amplificatori. Questo modello in particolare, molto compatto, semplice da utilizzare e abbastanza economico, è l’ideale per chi non ha pretese troppo elevate. L’amplificatore in questione, è stato dotato di una tecnologia Hi-Fi parecchio avanzata, nonostante le dimensioni, per amplificare l’audio proveniente da tantissimi dispositivi di input. Ad esempio, per aumentare l’audio basso, è sufficiente agire su un semplice pulsante. Grazie ad un mirco-processore di qualità professionale, l’amplificatore ha un audio pulito, ideale per applicazioni amatoriali.

amplificatore

Qualità dei materiali

Nonostante si tratti di un amplificatore di fascia medio/bassa, la qualità dei materiali utilizzati per la sua realizzazione, non lascia affatto a desiderare. Innanzitutto, il suo chassis è totalmente realizzata in alluminio, inoltre, il design presenta un eccellente trafilato in alluminio, molto bello ed elegante da vedere. Questo chassis, ottimamente realizzato, è in grado anche di eliminare le interferenze elettromagnetiche. Inoltre, è Philips a fornire il micro-processore integrato in questo amplificatore, il che è una vera e propria garanzia. Il chip in questione, può produrre una amplificazione dell’ audio potente da 20W x 2 RMS.

Le connessioni dell’amplificatore

Questo GHB GA-200 può essere collegato ad un’ampia gamma di dispositivi di input, che ne ampliano il suo metodo di utilizzo. È dunque possibile connettervi un sistema DVD, ma anche un lettore MP3, un computer e altri lettori musicali. Inoltre, gode di un’amplificazione audio molto potente, la quale vi permetterà di ascoltare la vostra musica preferita, al volume che più vi aggrada (ma senza disturbare troppo i vicini!). La confezione in cui troviamo l’apparecchio, oltre al solito libretto delle istruzioni, che ci indica il suo corretto funzionamento, possiede anche un caricabatteria per l’utilizzo in casa dell’apparecchio e un cavo per il collegamento in auto.

Vantaggi

  • Facile da utilizzare
  • Compatto e leggero
  • Si può usare anche in auto

Svantaggi

  • Solo per piccole applicazioni

 

3. Yamaha A-S201 Recensione

Con 100 Watt per canale, questo amplificatore Yamaha A-S201 è uno degli apparecchi più potenti della sua categoria. Dettagli come il posizionamento del trasformatore di potenza vicino al circuito dell’amplificatore di potenza, per una perdita di segnale più bassa, aiutano l’AS201 a produrre un suono potente e dinamico. Se hai una stanza più grande della media da riempire, o altoparlanti difficili da guidare, l’AS201 dovrebbe essere il tuo apparecchio principale. Vuoi conoscere dell’amplificatore offerta e prezzo, allora continua a leggere!

miglior amplificatore

Yamaha “Natural Sound”

Basato sul concetto Yamaha di “Natural Sound”, l’AS201 è stato progettato sin dall’inizio per suonare in maniera uniforma, equilibrata e realistica. Solo con un’attenzione scrupolosa per i dettagli, come il collegamento del segnale e dei terreni di alimentazione in un punto per eliminare le interferenze reciproche, è possibile realizzare tutto questo. Il suo rapporto segnale/rumore più elevato consente di ascoltare più musica e meno distorsioni. Per un suono ancora più dettagliato e realistico, l’interruttore Pure Direct ignora i controlli di tono e bilanciamento.

Un sacco di funzioni

Il suono potente è una cosa, ma in cui la Yamaha A-S201 si distingue davvero sta nel combinare questo con una gamma altrettanto impressionante di funzionalità. L’AS201 è dotato di uno stadio phono MM incorporato, che consente una facile connessione di un giradischi, oltre a quattro altri ingressi RCA più un’uscita audio. Sono presenti anche due prese di altoparlanti commutabili in modo indipendente per far funzionare un altro set di altoparlanti in una seconda stanza. Insomma, per concludere, questo Yamaha A-S201 è davvero un ottimo prodotto, nonostante un prezzo di fascia media. Il rapporto qualità/prezzo è davvero elevato e da un marchio come Yamaha non ci si poteva aspettare di meno.

Vantaggi

  • Dimensioni discrete
  • Tantissime funzioni
  • Design moderno ed elegante

Svantaggi

  • Manca ingresso per audio digitale

 

4. ONEU ZYDZ062-EU Recensione

Se sei alla ricerca di un amplificatore di dimensioni piccole per applicazioni senza troppe pretese, questo ONEU ZYDZ062-EU potrebbe essere esattamente ciò che fa al caso tuo. Desideri scoprire subito dell’amplificatore prezzo e offerte? Allora segui i link che trovi sulle nostre pagine. Questo amplificatore miniaturizzato, supporta 2 ingressi. L’ingresso RCA e quello per le cuffie con jack da 3,5 mm. Si tratta di un apparecchio compatibile con tantissimi dispositivi differenti, tra cui TV, DVD, computer, lettore MP3, cellulari, tablet, computer portatili, lettori multimediali e molto altro ancora.

amplificatore musica

Le connessioni dell’amplificatore

Nonostante dimensioni compatte e una scheda elettronica non troppo complicata, questo ONEU ZYDZ062-EU supporta diversi ingressi, tra cui USB, ideale per agganciare periferiche esterne con connessioni plug and play, SD (le card tanto utilizzate oggi giorno) e le MMC. Inoltre, puoi scaricare la tua musica su questi dispositivi, come una penna USB, per goderti tutta la musica che ami, sempre e ovunque. Le dimensioni compatte, hanno comunque consentito al produttore di inserire un’antenna radio FM, che permette alla radio un’audio cristallino e sintonizzare fino a 30 stazioni differenti, cercando ogni canale con la semplice pressione di un tasto.

Facile da utilizzare

Questo mini amplificatore, dispone anche di uno schermo LED, che mostra molto chiaramente il suo stato durante il funzionamento. Inoltre, nella confezione troviamo anche un comodo telecomando, per gestire l’apparecchio a distanza. Con i comandi presenti sul telecomando, è anche possibile regolare il bass e treble secondo le vostre preferenze. Inoltre, ci sono 5 modalità di stili differenti, tra cui: classico, vocal, rock, pop e jazz. Per concludere, si tratta di un apparecchio dal rapporto qualità/prezzo molto interessante. È l’ideale per le applicazioni senza troppe pretese e per chi desidera spendere poco.

Vantaggi

  • Apparecchio compatto
  • Facile da usare
  • Radio FM

Svantaggi

  • Non adatto ad applicazioni top

 

5. Dynavox CS-PA1 Recensione

Dynavox ha portato sul mercato il suo mini-amplificatore CS-PA1, che è già estremamente economico da acquistare e si presenta molto compatto. Naturalmente, c’è la domanda di un dispositivo in questa fascia di prezzo possa anche mantenere il suono ciò che il produttore promette. Questo amplificatore fornisce due volte 50 W e ha tre ingressi RCA e un’uscita RCA. Ci sono controlli separati per la regolazione dei toni bassi e acuti. C’è anche un’uscita per le cuffie e, naturalmente, il controllo del volume. Qui puoi anche attivare l’audio surround 3D. Le dimensioni del modello sono 180 x 140 x 65 mm. In termini di colore, il modello è nero.

amplificatore prezzo

Il suo funzionamento

Il mini-amplificatore non è visivamente un pezzo di design interessante. Il design è semplice, solido e discreto. Non c’è display. I clienti riportano anche che dovrebbe essere solo leggermente più caldo durante il funzionamento e non troppo. Inoltre, dovrebbe essere ascoltato quando si commuta un leggero crack, ma non dovrebbe preoccuparsi. Il suono del piccolo modello sembra sorprendentemente buono. Alti e bassi possono anche essere regolati in modo pulito con i comandi collegati. Inoltre, il dispositivo sembra anche essere meraviglioso per l’uso portatile.

Rapporto prezzo-prestazioni

Ovviamente non dovresti aspettarti alcun miracolo dall’amplificatore compatto. Tuttavia, il dispositivo porta più potenza del previsto, può essere impostato bene e non sarà troppo caldo durante l’uso. Bello è l’allegato il controller, che dovrebbe essere facile da usare. Solo nelle regioni con volume molto alto, l’amplificatore raggiunge i suoi limiti, ma fornisce comunque un buon suono. La linea di fondo per questo prezzo è una chiara raccomandazione di acquisto.

Vantaggi

  • Apparecchio super compatto
  • Prezzo molto basso
  • Prestazioni soddisfacenti

Svantaggi

  • Problemi sugli alti