Le migliori affettatrici del 2020 – Guida all’acquisto

Chi ama cucinare non potrà fare a meno di acquistare un’affettatrice; la soddisfazione di presentare delle fette di prosciutto tagliate a regola d’arte o un succulento arrosto che si scioglie in bocca, non ha prezzo. Sebbene inizialmente venissero utilizzate solo per affettati e carne, oggi i modelli migliori consentono di tagliare frutta, verdure, formaggio e addirittura il pane. Grazie alla loro versatilità, consentono di risparmiare molto tempo in cucina. Un coltello di qualità può svolgere il lavoro altrettanto bene, ma nulla batte la precisione del taglio dell’affettatrice. Questo strumento è perfetto per preparare sandwich, insalate e snack vari, con risultati sempre ottimi, sia per quanto riguarda la consistenza che il gusto. Consente, infatti, di controllare al millimetro lo spessore di ciascuna fetta e portare in tavola i sapori migliori.

Non c’è dubbio che le affettatrici non siano economiche, ma sono sicuramente un investimento che ripaga nel lungo periodo. Per trovare l’affettatrice migliore è indispensabile capire quali sono gli alimenti che consumate più spesso, così come lo spazio di cui disponete e il vostro budget. Per aiutarvi a scegliere, abbiamo selezionato cinque dei modelli più quotati e abbiamo analizzato i loro punti di forza e le debolezze. Ciascuna di queste affettatrici si è rivelata impressionante nei test e ha colpito esperti e acquirenti; siamo dunque sicuri che nella nostra lista troverete l’assistente perfetto per le vostre esigenze.

 
Immagine
Nome
Valutazione
Controlla il prezzo

1. Graef Master M20 – La migliore nei test

Graef Master M20

La Graef Master M20 è un’affettatrice di livello semi-professionale. Realizzata principalmente in metallo e dotata di una lama liscia in acciaio inossidabile da 17 cm, è in grado di gestire perfettamente il taglio non solo della carne, ma anche di diversi formaggi, frutta, verdura e persino della maggior parte dei tipi di pane. Lo spessore della fetta si può regolare con precisione da 0 a 20 mm. Nei test, la Graef Master ha tagliato fette di prosciutto sottilissime. Il suo funzionamento è sorprendentemente silenzioso, nonostante abbia un motore potente da 170 W. Inoltre, con la sua base in vetro infrangibile, questo modello aggiungerà un tocco di stile a qualsiasi cucina.

Questa affettatrice ha due modalità operative. Il funzionamento continuo è perfetto per affettare in grandi quantità. Tuttavia, non è previsto lo spegnimento automatico; pertanto, non lasciate in funzione l’affettatrice per più di 9,5 minuti. Trascorso questo lasso di tempo, il dispositivo deve essere spento per far raffreddare il motore. È dotata anche della modalità operativa “momentanea” che consente di tagliare con una sola mano. In questo caso, la macchina funzionerà solo quando l’interruttore rapido è azionato.

Dal punto di vista della sicurezza, la Graef Master è ben progettata. La lama ultra-affilata è interamente protetta e il dispositivo non vibra né oscilla durante il taglio. È previsto anche un blocco per i bambini, che non consente l’accesso al coltello quando il sistema di sicurezza è attivato. La maggior parte degli utenti considera questa affettatrice facile da pulire: la protezione della lama può essere rimossa, e la lama stessa può essere sbloccata utilizzando una moneta o un altro piccolo oggetto. In seguito, potrete pulire le parti o lubrificarle, in base alle vostre necessità.

La Graef Master non ha difetti significativi; tuttavia, potrebbe non essere adatta ad alcune cucine. Prima di tutto la qualità del suo taglio vi costerà cara. Questo modello è pensato per cuochi casalinghi ambiziosi, che vorrebbero avere un risultato simile a quello di una macchina professionale. Per un uso occasionale, sono disponibili affettatrici più economiche. In secondo luogo, il corpo metallico solido si traduce in un peso elevato: questo significa che difficilmente vorrete spostarla dal piano di lavoro. Se lo spazio è un problema, una macchina più leggera potrebbe essere più adatta. Infine, la Graef Master viene fornita con la sola lama liscia. Se desiderate tagliare soprattutto il pane con una crosta dura, vi consigliamo di acquistare una lama seghettata (venduta separatamente).

Pro

  • Qualità del taglio eccellente
  • Ottima per carne, formaggio, frutta, verdure e pane soffice
  • Molto silenziosa
  • Alta qualità e design accattivante

Contro

  • Costosa
  • Peso importante

Specifiche tecniche

  • Potenza: 170 W
  • Spessore del taglio: 0-20 mm
  • Diametro della lama: 17 cm
  • Tipo di lama: Liscia
  • Sicura in lavastoviglie: No
  • Peso: 8,5 kg
  • Dimensioni: 40,5 x 29,5 x 25,5 cm
CONTROLLA IL PREZZO SU AMAZON.IT

 

2. RGV Lusso 195 GL – La migliore per la carne

RGV Lusso 195 GL

La RGV Lusso 195 GL è una delle affettatrici semiprofessionali più economiche sul mercato. Tuttavia, non ha nulla da invidiare ai modelli più costosi quando si tratta di qualità del design e delle prestazioni di taglio. L’affettatrice Lusso 195 GL è realizzata in alluminio anodizzato e corpo in plastica, e ha una lama da 19,5 mm che taglia fette ultrasottili di prosciutti stagionati, salumi e carni.

Gli utenti apprezzano la macchina RGV per il suo motore da 110 W silenzioso e potente con ventilazione integrata. Quest’ultimo assicura il funzionamento dell’affettatrice anche per lungo tempo, senza il rischio di surriscaldamento. Lo spessore della fetta può essere impostato da 0 a 15 cm, il che significa che la specialità del modello Lusso sono i tagli in filigrana di carni diverse. Secondo quanto pubblicizzato dal produttore, questo modello è in grado di tagliare anche formaggi, frutta, verdura e pane, ma alcuni utenti segnalano che il dispositivo fa fatica con quest’ultimo. Questo non è del tutto sorprendente, poiché la lama temperata con rivestimento in cromo ha un bordo liscio che non è l’ideale per rompere la crosta del pane. Tuttavia, il prosciutto, il salame e il formaggio sono stati tagliati alla perfezione durante i test, e le recensioni degli utenti confermano le buone performance di questa affettatrice. Il carrello è ampio e scorre dolcemente, mentre il piano di taglio leggermente inclinato consente una presa più salda durante l’utilizzo.

Grazie al design ben studiato, questa affettatrice non presenta spazi ristretti in cui il cibo possa incastrarsi. Questo aspetto rende la manutenzione quotidiana più gestibile. La lama può essere smontata con un cacciavite per una pulizia più accurata. Come ci si aspetterebbe da un modello di questa fascia di prezzo, la RGV è dotata di un paralama e di una protezione per il pollice, garantendo la sicurezza dell’utente durante l’uso. Resta saldamente fermo sul bancone e non si muove. L’interruttore è posizionato lontano dalle lame ed è presente anche un pulsante di arresto per fermare immediatamente la lama. Per questo modello è possibile acquistare separatamente un affilatoio e fissarlo al paralama. Tuttavia, la lama è affilata e abbastanza robusta, fattore che rende l’acquisto dell’affilatoio un investimento non indispensabile, almeno inizialmente.

Come accennato prima, questa non è la migliore affettatrice per il pane, in quanto più adatta a prodotti morbidi. Come la maggior parte delle macchine di questa classe, anche la RGV Lusso 195 GL è abbastanza ingombrante e pesante ed è progettata per stare sul bancone senza spostarla. Tuttavia, questo modello ha una sua nicchia di ammiratori ed è la scelta migliore per coloro che hanno bisogno di un’affettatrice per carne con lama ultra-affilata ad un prezzo ragionevole.

Pro

  • Qualità del taglio eccellente
  • Perfetta per carne, formaggio, frutta e verdure
  • Fette ultra sottili
  • Molto silenziosa
  • Alta qualità e design accattivante

Contro

  • Fa fatica con il pane duro
  • Pesante

Specifiche tecniche

  • Potenza: 110 W
  • Spessore del taglio: 0-15 mm
  • Diametro della lama: 19,5 cm
  • Tipo di lama: Liscia
  • Sicura in lavastoviglie: No
  • Peso: 11 kg
  • Dimensioni: 43 x 30 x 29,2 cm
CONTROLLA IL PREZZO SU AMAZON.IT

 

3. Ritter E16 Duo Plus – Il miglior rapporto qualità prezzo

Ritter E16 Duo Plus

Nonostante abbia un motore di soli 65 W, il Ritter E16 Duo Plus riesce a tagliare in modo convincente carne, pane, verdure e persino il formaggio. Realizzato in alluminio e plastica resistente, questo modello è dotato di due lame in acciaio inossidabile da 17 cm. La lama seghettata taglia perfettamente il pane croccante e le carni più dure, mentre quella liscia porterà sulla vostra tavola fette ultrasottili di prosciutto, salame e verdure. La superficie di taglio è leggermente inclinata; un aspetto che aiuta a ottenere un taglio più uniforme e preciso. Inoltre, il design dell’E16 è abbastanza compatto e leggero e permette di riporla in un armadio o credenza.

Proprio come la nostra scelta migliore, l’M20, anche il Ritter E16 Duo Plus ha due modalità operative: continua e momentanea. Tuttavia, visto che il suo motore è più debole, il funzionamento continuo non deve eccedere i 5 minuti. La larghezza di taglio può essere facilmente regolata da 0 a 20 mm. Mentre il Ritter ha prodotto tagli superiori alla media nei test, è bene notare che questo modello ha una superficie di taglio più stretta, non adatta per affettare prodotti più voluminosi come filoni interi.

Secondo gli utenti, il funzionamento dell’E16 è molto silenzioso, mentre l’interruttore di sicurezza incassato e il paralama metallico escludono il rischio di incidenti. La presenza di due lame garantisce il taglio di qualsiasi prodotto, rendendo questa affettatrice una delle più versatili in commercio.

Complessivamente, la Ritter E16 offre un eccellente rapporto qualità-prezzo ed ha un costo modesto. Tuttavia, alcuni utenti riferiscono che a causa del suo peso più leggero tende a muoversi leggermente durante il taglio. È dunque necessaria una maggiore cautela. Questa affettatrice non va nemmeno bene per affettare in grandi quantità. Se, al contrario, avete bisogno di un’affettatrice per carne che sia versatile, compatta ed economica per l’uso domestico, la Ritter E16 è un’ottima scelta, confermata dalle recensioni entusiaste degli utenti.

Pro

  • Buona qualità del taglio
  • Economica
  • Basso consumo energetico
  • Adatta a carne, formaggio, frutta, verdure e tutti i tipi di pane
  • Piuttosto silenziosa
  • Design compatto

Contro

  • Tende a muoversi coi prodotti più duri
  • Superficie di taglio piccolo che rende difficile tagliare i cibi larghi (ad es. i filoni)
  • Modalità continua non azionabile a lungo

Specifiche tecniche

  • Potenza: 65 W
  • Spessore del taglio: 0-20 mm
  • Diametro della lama: 17 cm
  • Tipo di lama: Seghettata & liscia
  • Sicura in lavastoviglie: No
  • Peso: 3 kg
  • Dimensioni: 33,5 x 23 x 22,5 cm
CONTROLLA IL PREZZO SU AMAZON.IT

 

4. H.Koenig MSX220 – La migliore per fette sottilissime

H.Koenig MSX220

Con il suo motore da 240 W e una velocità di 282 RPM, l’affettatrice H.Koenig MSX220 taglia fette perfette anche di 0,5 mm, ed è la macchina ideale per chi ama i salumi e gli affettati sottili. Tuttavia, questo modello è in grado di tagliare senza fatica anche formaggio, frutta, verdura e pane. La combinazione del suo corpo in alluminio e della lama in acciaio inox italiano da 22 cm è invincibile anche quando si tratta di affettare prodotti grandi e duri come il prosciutto intero o un filone di pane fatto in casa.

Lo spessore della fetta può essere regolato da 0 a 15 mm e non c’è dubbio che questo modello stupirà chi ama i tagli sottili. La lama liscia è affilata come un rasoio; inoltre, l’MSX220 è dotato di un affilatoio integrato di facile utilizzo. Il carrello largo si adatta comodamente a prodotti di dimensioni maggiori. Il motore è silenzioso e può sopportare un uso prolungato. Alcuni utenti segnalano addirittura di utilizzare con successo l’MSX220 in piccole caffetterie e negozi.

Grazie alla robusta struttura in metallo e ai piedini rivestiti in gomma, questa affettatrice sarà stabile come una roccia sul vostro bancone. Sono inclusi una protezione per la lama e una protezione per il pollice, che salvaguardano le mani dell’utente. Inoltre, l’interruttore di funzionamento si trova di lato, per impedire l’accensione accidentale del dispositivo. L’MSX220 è progettata in modo che la pulizia quotidiana possa essere eseguita senza smontare la lama: dovrete solo rimuovere la piastra. Per un’igienizzazione più accurata, la lama può essere rimossa con un cacciavite.

Non è facile trovare difetti all’MSX220. Se proprio dobbiamo sforzarci, va detto che è certamente il modello più grande, più pesante e più costoso nella nostra lista; inoltre, il suo pieno potenziale potrebbe non essere sfruttato dall’utente medio. Di certo, la H.Koenig MSX220 si è dimostrata un’affettatrice di carne di livello professionale nei test. Sebbene sia fornita solo di una lama liscia, il taglio è così veloce e potente che nemmeno i prodotti più duri vi creeranno problemi. La MSX220 è adatta per cuochi esigenti e si farà apprezzare anche dai buongustai più selettivi.

Pro

  • Qualità del taglio eccellente
  • Adatta a carne, formaggio, frutta, verdure e tutti i tipi di pane
  • Fette ultra sottili
  • Molto silenziosa
  • Alta qualità, design accattivante

Contro

  • Costosa
  • Pesante

Specifiche tecniche

  • Potenza: 240 W
  • Spessore del taglio: 0-15 mm
  • Diametro della lama: 22 cm
  • Tipo di lama: Liscia
  • Sicura in lavastoviglie: No
  • Peso: 10,2 kg
  • Dimensioni: 51 x 35 x 29 cm
CONTROLLA IL PREZZO SU AMAZON.IT

 

5. Graef Vivo V20 – La migliore per il pane

Graef Vivo V20

Realizzata principalmente in metallo con base in vetro e carrello in plastica resistente, l’affettatrice Graef Vivo V20 vanta un design elegante e moderno. Questo modello è dotato di una lama seghettata in acciaio inossidabile, in grado di tagliare perfettamente il pane croccante e le carni più dure. La serie Vivo dispone anche di un motore a consumo ridotto, in grado di regolare la potenza da 88 a 170 W, in base della durezza dei prodotti. Ciò consente un funzionamento più silenzioso e riduce il consumo di energia.

Analogamente alla nostra prima scelta, la Graef M20, questo modello consente di impostare lo spessore della fetta da 0 a 20 mm. La lama da 17 cm è ultra-affilata e taglia fette precise anche quando si tratta di frutta, verdura e formaggio. Il carrello scorre agevolmente ed è abbastanza spazioso da contenere prodotti più grandi, come un filone intero di pane. La V20 ha solo una modalità operativa continua; tuttavia, il motore si spegne automaticamente dopo 10 minuti. Se la lama incontra un oggetto duro, ad esempio un osso, o se il motore si surriscalda, il dispositivo si spegne immediatamente.

Grazie ai piedini in gomma, la Graef Vivo V20 appoggia saldamente sul bancone e l’operazione di taglio è silenziosa, anche con un uso prolungato. Le impostazioni di sicurezza sono simili a quelle dell’M20. Il paralama è progettato in modo intelligente per coprire quasi interamente la parte affilata, mentre l’interruttore è incassato. C’è anche un blocco per bambini che fissa il carrello davanti alla lama in modo che questa non sia accessibile. La rimozione o la sostituzione della lama può essere eseguita rapidamente utilizzando una moneta o un altro strumento di forma simile.

Per quanto riguarda gli svantaggi, la Graef Vivo è pesante quasi quanto la Graef Master M20, il che la rende inadatta per le cucine più piccole e per coloro che non vogliono tenere permanentemente un’affettatrice sul bancone. La lama seghettata non è l’ideale per tagliare fette sottili delle carni più delicate; tuttavia, una lama liscia può essere acquistata separatamente. Considerate la qualità costruttiva e le prestazioni, riteniamo che questa sia un’eccellente affettatrice di fascia media per chef amatori che necessitano di assistenza con prodotti più duri.

Pro

  • Qualità del taglio eccellente
  • Ideale per carni dure, formaggio, frutta, verdure e tutti i tipi di pane
  • Basso consumo energetico
  • Silenziosa
  • Alta qualità, design accattivante
  • Due lame incluse

Contro

  • Costosa
  • Pesante

Specifiche tecniche

  • Potenza: 170 W
  • Spessore del taglio: 0-20 mm
  • Diametro della lama: 17 cm
  • Tipo di lama: Seghettata
  • Sicura in lavastoviglie: No
  • Peso: 7,2 kg
  • Dimensioni: 37 x 29,5 x 25 cm
CONTROLLA IL PREZZO SU AMAZON.IT

 

Affettatrici: guida all’acquisto

Affettatrici: guida all’acquisto

L’affettatrice non è un dispositivo obbligatorio in cucina, ma offre comunque numerosi vantaggi che rendono la preparazione del cibo più facile e divertente. È uno di quegli apparecchi per cui vale la regola “non sai cosa ti perdi finché non lo provi!”. L’affettatrice vi consentirà di tagliare vari cibi più velocemente e in modo più uniforme. Permette anche un maggiore controllo sul risultato; è infatti possibile regolare lo spessore per tirar fuori gli aromi di ogni ingrediente. Inoltre, l’affettatrice consente anche di risparmiare sul lungo periodo. Invece di acquistare costosi prodotti pre-affettati in negozio, sarete in grado di svolgere questo compito senza sforzo a casa.

Tuttavia, va detto che le affettatrici elettriche possono essere rumorose e richiedono un po’ di spazio e una regolare manutenzione. Inoltre, non tutte danno buoni risultati con diversi tipi di prodotti. Ecco perché abbiamo creato questa guida all’acquisto, per aiutarvi a trovare la macchina perfetta per il vostro budget e le vostre preferenze.

Come è fatta un’affettatrice

Nel complesso, le affettatrici non sono macchinari complicati, ma sono composte di vari elementi. Se non ne avete mai usata una, cercare di capire le specifiche o persino le recensioni può essere difficile. Diamo dunque uno sguardo ai componenti essenziali.

  • Carrello: è la parte dove si posiziona il prodotto da affettare. Talvolta, il carrello è scanalato o angolato in modo che il prodotto scivoli naturalmente verso la lama. Le dimensioni del carrello determineranno la tipologia e la dimensione dei prodotti che sarete in grado di tagliare.
  • Spingitore: questo componente è fissato al carrello e mantiene fermo il prodotto durante l’affettatura. A volte è anche chiamato grip o pusher.
  • Misuratore: questo elemento circonda la lama e consente di controllare lo spessore delle fette. Più vicino si trova rispetto alla lama, più sottile sarà il risultato.
  • Manopola regolafetta: situata a lato dell’affettatrice, permette di regolare la posizione della piastra e lo spessore delle fette.
  • Lama: in alcuni modelli la lama è fissata all’affettatrice, mentre in altri può essere rimossa per una pulizia più facile. Poiché le lame dell’affettatrice sono affilate come un rasoio, cercate sempre un modello che abbia un paralama.
  • Paralama: come suggerisce il nome, questo elemento nasconde la lama, garantendo il taglio in sicurezza.
  • Affilatoio: alcuni modelli hanno un affilatoio incorporato che si trova vicino alla lama e la mantiene in perfetta forma. Per altri modelli è possibile acquistarla separatamente.

Cosa posso affettare?

Questi dispositivi, una volta in grado di affettare solamente la carne, riescono oggi a tagliare in modo convincente pane, frutta, verdura e persino formaggio. Prima di acquistare un’affettatrice, è sempre consigliabile valutare quali sono i prodotti che taglierete più spesso, e verificare se un modello particolare è idoneo allo scopo. Quasi nessuno ha uno spazio illimitato in cucina per poter ospitare innumerevoli elettrodomestici monouso; il nostro consiglio è di acquistare un modello il più versatile possibile.

Con un’affettatrice per alimenti, potrete tagliare fette sottili di carne, prosciutto e salsicce diverse. Anche le verdure più dure come cipolle, patate, cavoli o cetrioli non rappresentano un problema. Frutta o verdura molto succose generalmente non sono l’ideale per le affettatrici; procedete dunque a vostro rischio e pericolo.

Uno degli alimenti più impegnativi è il sicuramente formaggio. Prima di tutto, non tutti i tipi di formaggio possono essere affettati. Inoltre, non tutte le affettatrici per uso domestico sono in grado di gestire questo alimento. Lo stesso vale per la carne congelata. In generale, solo alcune delle affettatrici commerciali più potenti sono all’altezza di una tale sfida. Se possedete un’affettatrice domestica, vi consigliamo di scongelare la carne prima di affettarla, poiché potrebbe affaticare il motore. Infine, indipendentemente dalla potenza del vostro modello, queste macchine non sono adatte per tagliare prodotti estremamente duri, come le ossa.

Tipologie di affettatrici

Tipologie di affettatrici

Dato che abbiamo toccato l’argomento delle affettatrici commerciali, esaminiamo le differenze tra queste e i dispositivi per uso domestico. Le prime hanno un motore più potente (spesso superiore a 200 W), lame più grandi (oltre i 20 cm) e prezzi notevolmente più alti. Sono anche più ingombranti e pesanti, emettono più rumore, e sono adatte per lavorare per diverse ore al giorno.

Anche se potreste essere tentati di acquistare l’affettatrice più potente di tutte per la vostra cucina, la verità è che per preparare un panino o un piatto di snack per gli ospiti, non avrete bisogno di un dispositivo tanto avanzato. Detto ciò, ogni buona affettatrice domestica dovrebbe essere durevole, sicura e affidabile durante il funzionamento. Diamo uno sguardo alle caratteristiche essenziali che dovrebbe avere questa macchina, in modo da poter riconoscere il modello ideale per l’uso domestico.

Elettrica vs manuale

La prima scelta che dovrete fare è se cercare un’affettatrice manuale o elettrica. Entrambi i tipi hanno i loro pro e contro.

Le affettatrici completamente manuali, o a volano, sono azionate da una ruota a manovella. Non fanno rumore, sono convenienti e danno un tocco vintage unico a qualsiasi cucina. Offrono anche il massimo controllo sull’intero processo, consentendo di produrre fette quasi trasparenti di carni delicate e tagliare delicatamente i formaggi a pasta molle. Gli svantaggi delle affettatrici manuali sono che funzionano più lentamente e i prodotti più duri possono richiedere un bel po’ di olio di gomito. Inoltre, non sono l’ideale per affettare grandi quantità di cibo.

Le affettatrici manuali elettriche funzionano a elettricità, ma necessitano comunque della vostra assistenza. Sono anche chiamate affettatrici a gravità o autoalimentate, poiché l’utente spinge il prodotto contro la lama, facendo scorrere il carrello da un lato all’altro. Sono veloci, precise ed efficienti. Inoltre, potete trovare facilmente modelli a prezzi convenienti. Per tutti questi motivi, la maggior parte delle nostre affettatrici consigliate rientra in questa categoria. Gli svantaggi sono che queste macchine consumano elettricità e alcune possono essere piuttosto rumorose durante il funzionamento.

Le affettatrici completamente automatiche sono abbastanza simili alle affettatrici elettriche, ma con una differenza sostanziale. Anche il carrello viene mosso dal motore; quindi avrete entrambe le mani libere per occuparvi di altre attività, mentre il prodotto viene affettato automaticamente. Le affettatrici completamente automatiche sono le macchine più veloci e comportano il minor rischio di lesioni. Ovviamente sono anche più costose; infatti si trovano spesso nelle cucine professionali che richiedono grandi volumi di prodotti da affettare.

Cinghie e ingranaggi

Il passo successivo è sapere che tutte le affettatrici possono essere divise in due gruppi a seconda del modo in cui funzionano.

I motori a cinghia sono i più comuni tra le affettatrici domestiche e commerciali. Fanno meno rumore e sono più convenienti. Talvolta, capita che la cintura debba essere riparata o sostituita, ma l’operazione è piuttosto facile ed economica.

I modelli a ingranaggi sono più potenti e più adatti per prodotti duri. Di solito si trovano nelle cucine professionali. Uno svantaggio dell’affettatrice a ingranaggi è che emette più rumore. Inoltre, quando questi meccanismi si rompono, la riparazione è costosa e deve essere eseguita da un professionista.

Per tutti questi motivi, generalmente consigliamo le affettatrici a cinghia per l’uso casalingo.

Potenza del motore

La potenza del motore, espressa in watt, è una delle prime caratteristiche da considerare durante la ricerca di un’affettatrice. Generalmente, una cifra più alta indica tempi di funzionamento più lunghi e la capacità di tagliare prodotti più duri. Tuttavia, incidono anche altri fattori, come l’affilatura della lama e la costruzione complessiva. Sul mercato, al giorno d’oggi, sono sempre più i modelli di affettatrici di fascia economica.

Se prevedete di utilizzare quotidianamente la vostra affettatrice, vi consigliamo sicuramente un modello con motore da almeno 100 W. Va detto, però, che un dispositivo più potente sarà anche più rumoroso. Alcune affettatrici possono emettere 60-70 dB durante il funzionamento. Inoltre, quando il dispositivo viene azionato a lungo, il livello di rumore tende ad aumentare gradualmente.

Per l’uso casalingo occasionale, sono disponibili ottime affettatrici affidabili sotto i 100 W. Tuttavia, è necessario valutare attentamente, poiché la maggior parte di queste potrebbe usurarsi col tempo. Nelle nostre recensioni abbiamo incluso anche le migliori opzioni per un uso sporadico. Spesso i modelli meno potenti occupano anche meno spazio, sono più economici e più silenziosi. Questi sono ottimi bonus, che soddisferanno coloro che li utilizzano meno spesso.

Un parametro ancora più importante della potenza del motore è il tempo di funzionamento. Questo descrive per quanti minuti l’affettatrice è in grado di funzionare prima che sia necessario spegnerla e lasciar raffreddare il motore. In generale, un tempo di funzionamento più lungo significa una migliore qualità e un motore più robusto. Per chi prevede un carico di lavoro più elevato, è fondamentale scegliere un modello che possa funzionare a lungo senza bisogno di interruzioni.

Alcuni modelli più avanzati hanno anche utili funzioni aggiuntive. Lo spegnimento automatico protegge il motore dal surriscaldamento, fermando automaticamente il dispositivo se questo viene lasciato in funzione per troppo tempo. Questo optional aiuta anche a prevenire incidenti ed è particolarmente utile per i cuochi smemorati.

La protezione da sovraccarico è un’altra caratteristica di sicurezza presente in alcuni modelli. Se qualcosa di duro (come ad esempio un osso) entra in contatto con la lama, l’affettatrice si spegnerà automaticamente, salvando il motore da potenziali danni.

Dimensioni e peso

Dimensioni e peso

Prima di acquistare un’affettatrice, dovreste sempre pensare a dove collocarla in casa. I modelli più ingombranti spesso possono gestire prodotti più grandi senza problemi; tuttavia, considerate la frequenza con cui la utilizzerete a piena capacità. Un modello più piccolo sarà più maneggevole e pratico per chi non ha bisogno di utilizzare spesso l’affettatrice, poiché sarà più facile riporla in una credenza.

Dal punto di vista della durata nel tempo, le affettatrici interamente realizzate in metallo sono le più robuste e durano più a lungo. Tuttavia, sono anche più costose e pesanti. Se non avete molto spazio libero sul bancone della cucina, trasportare dentro e fuori da un mobile l’affettatrice può essere complicato. Per l’uso domestico, alcuni elementi del carrello possono essere in plastica, senza andare ad influire sulle prestazioni, come ad esempio le manopole e la protezione di sicurezza. Spesso, la combinazione di metallo e plastica garantisce il miglior rapporto tra convenienza ed efficienza. Tuttavia, si consiglia di evitare modelli con esterno prevalentemente in plastica, poiché non saranno in grado di resistere all’usura causata dal taglio di prodotti più duri.

La scelta della lama

La lama è certamente la parte più importante di ogni affettatrice. Per andare sul sicuro, scegliete una lama in acciaio inossidabile da 17 cm, che si adatta perfettamente alla maggior parte delle famiglie. Se invece avete esigenze più specifiche, continuate a leggere per scoprire altre opzioni. Prima dell’acquisto, dovreste considerare attentamente anche le dimensioni, il materiale e la forma della lama.

Forma

Solitamente le affettatrici vengono fornite con una lama liscia o seghettata. Non c’è una scelta migliore dell’altra, poiché ciascuna di queste funziona meglio con particolari tipi di prodotti. Le lame lisce sono l’ideale per carne magra e verdure. Possono anche tagliare il pane più morbido, ma non hanno la potenza sufficiente per i prodotti più duri.

Le lame seghettate sono eccellenti quando si tratta di tagliare carni o pane più duri. Al contrario, possono provocare strappi nei cibi più delicati. Poiché la maggior parte delle affettatrici ha solo una lama inclusa, dovreste considerare attentamente quali tipi di cibo affettate più spesso. La buona notizia è che una seconda lama può essere acquistata separatamente. Se la vostra cucina ha bisogno di un’affettatrice in grado di tagliare tutto, è meglio cercare un modello che abbia entrambe le lame incluse, così da risparmiare denaro.

Dimensioni

La maggior parte delle affettatrici casalinghe ha una lama con diametro di 17 cm. Questa dimensione offre una grande versatilità per la maggior parte dei prodotti, pur mantenendo il dispositivo relativamente compatto. Le lame più piccole non riescono a tagliare bene un filone di pane, un prosciutto intero o un formaggio. Se sapete di dover affettare carni grandi o filoni, alcune affettatrici per uso domestico hanno lame che arrivano a 22 cm. Solo le affettatrici commerciali hanno dimensioni superiori. Ricordate, però, che non potrete cambiare la lama con un’altra di dimensioni diverse o di un altro produttore.

Materiali

Le lame in acciaio inossidabile offrono prestazioni eccellenti e sono la scelta più comune. Restano affilate più a lungo e non arrugginiscono. A volte, l’acciaio è anche temperato per una maggiore durata, sebbene questo aspetto non sia indispensabile per l’uso domestico. Le affettatrici professionali in grado di funzionare per lunghe ore possono avere lame con rivestimento in titanio, e garantiscono affilatura e durata ancora migliori. Inoltre, le lame con rivestimento antiaderente sono utilizzate dai professionisti per tagliare cibi morbidi e grassi, che possono attaccarsi facilmente. Tali lame devono essere trattate con cura, poiché la loro superficie si graffia facilmente.

Consigli per la sicurezza

Bisogna essere chiari su questo punto: poiché sono dotate di una lama rotante e affilata, le affettatrici sono uno dei dispositivi più pericolosi in cucina. Pertanto, è imperativo scegliere un modello con diverse caratteristiche di sicurezza:

Interruttore: cercate un’affettatrice che abbia l’interruttore incassato nell’alloggiamento, oppure un sistema a doppio interruttore. La possibilità di accendere la macchina accidentalmente dovrebbe sempre essere esclusa.

Protezioni: più la lama è coperta, minore è la possibilità di incidenti. Un paralama ampio è indispensabile. Inoltre, dovrebbe esserci anche un paramano, in modo che le dita di chi utilizza la macchina siano sempre tenute lontane dalla lama.

Child-lock: alcune affettatrici hanno un interruttore aggiuntivo che, se premuto, impedisce l’accensione del dispositivo o non consente l’accesso alla lama.

Base: per motivi di sicurezza, l’affettatrice non deve mai muoversi, anche durante il taglio dei cibi più duri. I modelli più grandi tendono ad essere più stabili, ma anche i piedini antiscivolo gommati o le ventose aiutano a mantenere l’affettatrice in posizione. Se la vostra macchina si muove durante il funzionamento, considerate l’acquisto di ventose da fissare alla base.

Utilizzo e manutenzione

Indipendentemente da quanto siano avanzate le funzionalità di sicurezza della vostra affettatrice, alcune precauzioni sono essenziali. Seguite questi suggerimenti e l’operazione sarà non solo rapida e veloce, ma anche priva di incidenti indesiderati.

  • Leggete sempre il manuale prima del primo utilizzo. Questo contiene informazioni cruciali su come utilizzare, pulire, ingrassare e conservare correttamente il dispositivo.
  • Verificate che l’affettatrice poggi saldamente sul bancone e non si muova. Prestate attenzione durante l’operazione di taglio e non lasciatevi distrarre.
  • L’affettatrice va pulita dopo ogni utilizzo per evitare la contaminazione. Affidatevi al manuale per smontare l’affettatrice in sicurezza.
  • La maggior parte degli incidenti collegati alle affettatrici si verificano durante la pulizia dei dispositivi, non durante il loro utilizzo. Pertanto, consigliamo vivamente di utilizzare protezioni e guanti antitaglio per salvaguardare le mani dalla lama.
  • Scollegate l’affettatrice prima di pulirla. Non importa quanto siano basse la probabilità, non vorrete certo rischiare di accenderla accidentalmente.
  • La maggior parte delle componenti di un’affettatrice richiederà il lavaggio a mano. Anche se la vostra affettatrice ha componenti lavabili in lavastoviglie, vi consigliamo di lavarle a mano per una pulizia più accurata e una maggiore durata delle lame. Il corpo deve essere accuratamente pulito con acqua calda e sapone.
  • Affilate la lama regolarmente, seguendo le istruzioni del manuale. Alcuni modelli hanno un affilatoio incorporato, che consente di affilare la lama senza smontarla.
  • Tenete sempre il dispositivo fuori dalla portata dei bambini piccoli, anche se questo dispone di un blocco di sicurezza per bambini.

Conclusioni

Se deciderete di acquistare un’affettatrice, il panino perfetto sarà sempre a portata di mano. Nel tempo, questo dispositivo vi aiuterà a creare pasti e snack dall’aspetto professionale, facendovi risparmiare tempo e denaro. Considerando la sua costruzione, le prestazioni, la facilità d’uso e la manutenzione, crediamo che la Graef Master M20 sarà un’assistente insostituibile, anche per i cuochi più ambiziosi. Se siete interessati a un’affettatrice affidabile, ma a un prezzo conveniente, la Ritter E16 Duo Plus è un’altra scelta eccellente.

Clicca per votare questo post!
[Totale: 1 Media: 5]
Back to top button
Close